Home2019maggio (Page 2)

INTERROGAZIONE.

Come prezzo a base d’asta per la gara di vendita dell’intero pacchetto azionario detenuto nella società ABD, la giunta provinciale ha fissato la cifra di 3,8 milioni di euro sulla base di una valutazione del valore della partecipazione societaria effettuata dalla società “pwc”. Un prezzo assai basso, se messo a confronto con uno stato patrimoniale della stessa ABD che comprende circa 35 milioni di beni immobili.

In successive dichiarazioni pubbliche e anche in sede di risposta a nostre “interrogazioni di attualità”, il Presidente della giunta ha spiegato che il valore di gran parte di tale patrimonio (oltre 32 milioni) è stato considerato pari a zero, trattandosi di beni “gratuitamente devolvibili”, di cui ABD non può disporre. Queste affermazioni meritano un approfondimento.

Infatti:

  1. ESISTONO TERRENI DI PROPRIETÀ ABD NON “GRATUITAMENTE DEVOLVIBILI”?

Risulta dal libro fondiario che circa 16 ettari dell’area dell’aeroporto sono di proprietà diretta della società ABD, acquistati con fondi messi a disposizione dalla Provincia tramite STA. Se può sembrare ragionevole che beni strumentali (eccetto l’impianto fotovoltaico) e terreni demaniali in uso da parte del gestore aeroportuale siano da considerare “beni gratuitamente devolvibili” al demanio, e quindi non nella disponibilità di ABD, nel caso invece dei circa 16 ettari di proprietà intestata ad ABD (e acquistati a suo tempo per un prezzo che superava – secondo notizie di stampa – i 12  milioni di euro) si tratta di beni che comunque rimangono ad ABD e che un eventuale futuro getore dovrebbe acquistare. Essi dunque dovrebbero essere tenuti in considerazione nella valutazione del valore della società, e non azzerati.

  1. IL VALORE DEI “BENI GRATUITAMENTE DEVOLVIBILI” NON DIPENDE DALLA DURATA DELLA CONCESSIONE?

Comunque sia, l’intera massa dei “beni gratuitamente devolvibili” ha un valore o non ce l’ha a seconda del tempo in cui essi sono a disposizione della società per esercitare la propria funzione: se ABD dispone di una concessione ventennale i beni hanno comunque un valore, corrispondente alla loro disponibilità per vent’anni.

Vediamo dunque qual’è la situazione di ABD in relazione alla concessione per la gestione dell’aeroporto. In questo momento ABD è in possesso di una “concessione a titolo precario per anticipata occupazione ex art. 17 della legge n. 135/1997”, erogata con provvedimento della Direzione generale per l’Aviazione Civile del Ministero dei Trasporti del 25 marzo 1999. Tale “concessione a titolo precario” viene rinnovata ogni anno, per cui risulta ufficialmente che la disponibilità da parte di ABD dei “beni gratuitamente devolvibili” si fermi a un solo anno e possa essere revocata in ogni momento. Ma la questione non finisce qui!

In realtà, fin dal 2013, ABD potrebbe essere in possesso della concessione ventennale, poiché in quell’anno ENAC ha già deliberato la decisione di concederla. Infatti, con la deliberazione n. 20/2013 del 9 maggio 2013 il consiglio di amministrazione dell’ENAC ha dato “mandato al Direttore Generale affinché proceda alla sottoscrizione con la società ABD Airport Spa della convenzione di gestione totale dell’aeroporto di Bolzano (…) recante la durata dell’affidamento che viene determinata in anni venti”. La normativa (art. 704 del “Codice della Navigazione”) prevede che la sottoscrizione della “convenzione” che ENAC è disposta a firmare con ABD fin dal 2013 sia l’atto preliminare per l’affidamento della concessione definitiva. Con questo, i “beni gratuitamente devolvibili” sarebbero stati nella disponibilità di ABD per 20 anni e dunque avrebbero assunto un certo valore nel caso della cessione di ABD a terzi.

Può stupire coloro che difendono a spada tratta l’esistenza e lo “sviluppo” dell’Aeroporto di Bolzano (bocciato dal 70% dei votanti nel referendum del 2016) venire a sapere che ABD fin dal 2013 aveva a portata di mano la concessione ventennale, dovendo solo apporre la propria firma alla convenzione proposta da ENAC, ma che questa firma ABD non l’ha mai fatta – cosa questa che potrebbe aver fornito argomenti per una valutazione del patrimonio immobiliare di ABD pari a zero. Perché ABD non ha firmato un atto tanto ambito, che avrebbe garantito alla società la concessione ventennale?

Altra cosa da notare: la deliberazione ENAC del 2013, di disponibilità a firmare la convenzione con ABD per la concessione ventennale, si trova ampia citazione invece negli atti posti a base della gara per la vendita della partecipazione della Provincia nella società. Ad esempio, a pagina 1 del “Disciplinare di gara” (emesso dal direttore dell’Ufficio Vigilanza Finanziaria della Provincia il 14 novembre 2018) è esplicitamente citata la deliberazione 20/2013 del CdA dell’ENAC specificando che si tratta della “convenzione di gestione totale dell’Aeroporto di Bolzano per una durata di 20 anni” e che quindi “attualmente la società [ABD] è in attesa del rilascio della suddetta concessione totale”. Una cosa imminente, insomma: basta che ABD (pubblica o privata che sia) firmi la convenzione proposta da ENAC fin dal 2013. Più avanti, nello stesso “Disciplinare di gara”, nel capitolo sulla “Documentazione messa a disposizione dei concorrenti” si nomina esplicitamente la “deliberazione n. 20/2013 del CdA dell’ENAC che ha autorizzato il Direttore Generale a sottoscrivere la convenzione con ABD per affidare a questa la gestione totale dell’aeroporto di Bolzano per una durata di anni venti”.

Riassumendo:

NEL DISCIPLINARE DI GARA si cita esplicitamente la disponibilità ENAC a firmare gli atti che portano alla concessione ventennale, che si dà per imminente (argomento fondamentale per risvegliare l’interesse di eventuali compratori privati della partecipazione della Provincia in ABD);

NELLA STIMA DEL VALORE DI ABD questa imminenza della concessione viene totalmente ignorata e viene citata sola la “concessione a titolo precario”, ignorando così che i “beni gratuitamente devolvibili” saranno nella disponibilità di ABD per vent’anni.

Questi non sono punti secondari, poiché influiscono direttamente sulla valutazione della società ABD, che è un bene pubblico provinciale, in un’asta per dismissione della partecipazione basata sul “criterio dell’offerta più vantaggiosa”, volto quindi a valorizzare al massimo il patrimonio pubblico. Meritano quindi una risposta puntuale da parte della Provincia.

Tutto ciò considerato, si chiede alla Giunta provinciale:

SUI TERRENI DI PROPRIETÀ ABD:

  1. A che prezzo sono stati a suo tempo acquistati i circa 16 ettari di terreni che attualmente nel libro fondiario risultano di proprietà di ABD?
  2. Quale valore è stato attribuito a questi terreni di proprietà ABD nella valutazione che a portato a fissare a 3,8 milioni la base d’asta per la dismissione del pacchetto azionario della Provincia in ABD?
  3. Se il valore attribuito ai terreni di cui alle domande 1 e 2 è stato pari a zero, per quale motivo è accaduto? In particolare, se questi terreni sono stati inclusi nei “beni gratuitamente devolvibili”, pur essendo di proprietà di ABD, su quale base giuridica tali terreni pur essendo di proprietà ABD sono stati inclusi tra quei beni di cui ABD non avrebbe alcuna disponibilità?

SUL VALORE DEI “BENI GRATUITAMENTE DEVOLVIBILI” E LA DURATA DELLA CONCESSIONE:

  1. Per quale motivo dopo la delibera ENAC n. 20 del 9 maggio 2013 ABD non ha mai firmato la convenzione proposta da ENAC stesso ottenendo così fin da allora la concessione ventennale?
  2. Il non essere in possesso della “concessione definitiva di gestione totale ventennale”, ma solo di una “concessione a titolo precario” rinnovata annualmente è stata la ragione per cui la società “pwc” ha valutato pari a zero il valore dei “beni gratuitamente devolvibili”?
  3. Visto da un’altra prospettiva, se ABD fosse stata già in possesso della concessione ventennale, e dunque avesse avuto la disponibilità dei beni per vent’anni (cioè fino al 2033), il valore dei “beni gratuitamente devolvibili” al momento della cessione della partecipazione della Provincia ai privati (nel 2019, con ABD che avrebbe avuto almeno altri 14 anni di concessione davanti) sarebbe stato superiore allo zero?
  4. Poiché la deliberazione del CdA ENAC n. 20 del 2013 costituisce una certezza che ABD riceverà la concessione ventennale (basta solo che firmi la convenzione proposta da ENAC) e poiché questa certezza è citata più volte nel disciplinare di gara per l’asta della cessione della partecipazione della Provincia in ABD, come mai questa “certezza” non ha contribuito a dare un valore superiore allo zero al patrimonio immobiliare di ABD messo nel bilancio della col valore di 32 milioni?
  5. Comunque sia, nel calcolare il valore di ABD e fissare poi la base d’asta a 3,8 milioni, quale considerazione ha avuto la certezza che ABD otterrà la concessione ventennale, certezza attestata dalla deliberazione del CdA ENAC n. 20 del 2013 ampiamente citata nel disciplinare di gara?
  6. Nella valutazione effettuata dalla società “pwc” del valore della partecipazione della Provincia in ABD, è mai citata la deliberazione del CdA ENAC n. 20 del 2013? Se sì, dove e con quale funzione nel calcolo del valore di ABD? E se invece no è citata, perché?

Bolzano, 21.05.2019

Cons. prov.

Riccardo Dello Sbarba

Brigitte Foppa

Hanspeter Staffler

Qui potete scaricare la risposta della giunta.

INTERROGAZIONE.

La legge provinciale 17/2016 all’articolo 5 autorizza la Giunta provinciale dismettere l’intero pacchetto di azioni detenute nella società ABD Airport Spa. Con delibera n. 1127 del 2018 la Giunta provinciale ha indetto la gara che si è basata sul “criterio della offerta più vantaggiosa”, come si legge nel decreto n. 7782 del 2019 di aggiudicazione dell’asta alla società ABD Holding Srl.

C’è una particolarità in questa vicenda che merita di essere chiarita: quando un soggetto dismette una partecipazione o una proprietà vendendola a terzi privati, si occupa di fare in modo di ottenere il prezzo “più vantaggioso”, mentre nulla può dire – come venditore – sul futuro dell’oggetto della cessione, dato che non gli apparterrà più in futuro.

Nel nostro caso concreto, la Provincia può certo influenzare la futura gestione dell’aeroporto in quanto potere pubblico legislativo (il Consiglio) o esecutivo (la Giunta), e questa strada il gruppo Verde l’ha indicata immediatamente dopo l’esito del referendum del 2016, presentando un disegno di legge nella scorsa legislatura e un secondo disegno di legge in questa legislatura, per regolate l’attività aereo e limitare il traffico aereo sull’aeroporto. La Giunta e la maggioranza politica hanno sempre respinto queste nostre proposte legislative.

Diversamente, in quanto venditrice della propria partecipazione, non si capisce come possa la Provincia dare indicazioni vincolanti sull’uso futuro del bene messo in vendita, cioè sullo sviluppo futuro dell’aeroporto. Questo competerà semmai all’ENAC in quanto autorità concedente, oppure – lo ripetiamo – alla Provincia come organo legislativo, ma non alla Provincia come soggetto venditore delle proprie azioni in ABD.

Eppure nel disciplinare di gara la Provincia ha inserito l’obbligo per chi acquista di impegnarsi “a realizzare il piano di sviluppo aeroportuale approvato nel 2012”. La cosa ha bisogno di spiegazioni.

Per questo motivo si chiede alla Giunta provinciale:

  1. Quale normativa consente alla Provincia di inserire nel disciplinare di gara per la cessione dell’intera sua partecipazione in ABD l’obbligo per chi acquista di impegnarsi “a realizzare il piano di sviluppo aeroportuale approvato nel 2012”?
  2. Se ha il diritto giuridico di inserire una clausola del genere, la Provincia dovrebbe avere anche il potere di controllarne il rispetto. Dunque, quale potere di controllo ha la Provincia sugli atti del futuro gestore e sul rispetto della clausola citata, una volta che la Provincia sarà uscita completamente da ABD avendo ceduto l’intero pacchetto azionario?
  3. E ancora: quale potere di sanzione ha la Provincia sugli atti del futuro gestore e sul rispetto della clausola citata, una volta che la Provincia sarà uscita completamente da ABD avendo ceduto l’intero pacchetto azionario?
  4. Se la Provincia non avrà né potere di controllo, né potere di sanzione, che senso ha aver inserito nel disciplinare di gara l’obbligo per chi acquista le azioni di ABD di impegnarsi “a realizzare il piano di sviluppo aeroportuale approvato nel 2012”?

Bolzano, 21.05.2019

Cons. prov.

Riccardo Dello Sbarba

Brigitte Foppa

Hanspeter Staffler

Qui potete scaricare la risposta della giunta.

Ogni bambina e ogni bambino conosce la diligente ape operaia! E sa anche che l’ape operaia non produce solo miele delizioso, ma attraverso il suo lavoro di impollinazione ci permette di mangiare frutti di ogni tipo.

Molte persone però non sanno che da noi, oltre alle api da miele, esistono anche centinaia di specie di api selvatiche. Queste api selvatiche vivono sole, hanno la loro casa nei muretti a secco, nelle siepi, nel legno in decomposizione e nel suolo, dove si riproducono.

Queste api ci offrono nel silenzio mille servizi utili. Impollinano infiniti fiori come le loro sorelle più conosciute, ma siccome non sappiamo della loro esistenza distruggiamo ogni giorno il loro habitat: i muretti a secco vengono sostituiti con muri di cemento, siepi vengono tagliate, il legno caduto viene portato via, il suolo viene sigillato e i pesticidi mettono in serio pericolo la loro sopravvivenza.

È quindi nostra responsabilità fare attenzione alle api, proteggere i loro habitat e sostenere la diffusione di tutte le api, sia quelle da miele che quelle selvatiche. Ogni persona può iniziare direttamente a casa sua, sul davanzale, sul balcone, in giardino e nei campi stessi. Il benessere e il futuro delle api è nelle nostre mani!

Bolzano, 20/05/2019

consiglieri provinciali

Hanspeter Staffler

Brigitte Foppa

Riccardo Dello Sbarba

Con stupore noi Verdi del Sudtirolo abbiamo saputo sabato 11 maggio che due candidate della lista Europa Verde avrebbero ricevuto il sostegno di un gruppo ecologista di estrema destra (“Fronte Verde”). Abbiamo subito richiesto ai Verdi italiani ed europei un immediato chiarimento di questa vicenda. Ci è stato risposto che le due candidate in questione, nel momento in cui sono state inserite  una nella circoscrizione sud e una nelle isole provenivano dall’area del Movimento 5 stelle. Il fatto che non sia stata fatta una approfondita verifica su ulteriori provenienze di queste due persone è stato, dal nostro punto di vista, un atto di gravissima negligenza.

Appena è stato reso noto che le due candidate avrebbero il sostegno di “Fronte Verde” è stato chiesto loro di ritirare immediatamente la candidatura. Al contempo, i Verdi italiani hanno ribadito la loro posizione radicalmente antifascista e la loro avversità contro qualunque tipo di pensiero di destra. Una delle due candidate ha già annunciato il proprio ritiro nella giornata del 12 maggio, si attende che la seconda candidata faccia la stessa scelta.

Il direttivo e i candidati dei Verdi Grüne Verc

Il co-presidente del Partito Verde Europeo Reinhard Bütikofer onora ancora una volta la sua amicizia con i Verdi sudtirolesi facendoci visita in un momento elettorale decisivo: lo sprint finale verso le elezioni europee.

È qui per sostenere la campagna elettorale di Norbert Lantschner e Judith Kienzl candidati sudtirolesi sulla lista Europa Verde – così ha affermato Reinhard Bütikofer durante il “Dialogo in giardino” presso il Caffè Capitol il 16 maggio organizzato dal team di gestione della campagna elettorale europea. Durante l’incontro si sono potuti affrontare i temi più importanti portati avanti dai i partiti e movimenti verdi in tutta Europa: svolta energetica ed ecologica, giustizia fiscale, una politica dei trasporti e della mobilità comune a livello europeo che punti principalmente su una rete ferroviaria efficiente e attrattiva. Bütikofer, da sempre sostenitore convinto di un’Europa comune e giusta in un mondo sempre più duro e competitivo, ha rilanciato la necessità di investire per la tutela del clima, un tema centrale anche per il nostro candidato Norbert Lantschner.

“Abbiamo bisogno di un’Europa eco-sociale. Una casa comune per l’umanità e per la gestione rispettosa dell’ambiente e della natura” – Norbert Lantschner.

“L’Europa della democrazia non può perdere contro l’Europa dei nazionalismi! Nel mio costante impegno per l’Europa non mi occupo solo di proteggere l’eredità europea di pace, libertà, bilanciamento e progresso comune. L’Europa può e deve essere molto più ambiziosa, soprattutto per quanto riguarda le politiche sociali e quelle ambientali” – Reinhard Bütikofer.

Dal 2009 Bütikofer si impegna presso il Parlamento europeo soprattutto per una politica economica e commerciale più equa e per una politica sulla sicurezza più solidale. In dialogo con la seconda candidata Judith Kienzl si è parlato anche di giovani e democrazia:

“La crisi climatica è la più grande sfida del nostro tempo. I governi europei però non hanno ancora compreso la portata del problema. Alle richieste di cambiamenti radicali, per esempio da parte del movimento giovanile „Fridays for future“, continuano a reagire con promesse vuote. Saranno soprattutto i/le giovani, anche quelli che non hanno ancora il diritto di voto, a pagare le conseguenze di questa politica miope. Per queste generazioni le prossime elezioni europee saranno decisive per il futuro, perché la crisi climatica può essere affrontata solo a livello europeo al di là di ogni confine.” – Judith Kienzl.

Per Angelo Bonelli, altro candidato sulla lista Europa Verde presente all’incontro, l’impegno ecologista non può prescindere da quello per il rispetto dei diritti umani e per la giustizia sociale.

Bütikofer spera che il rischio della deriva populista che incombe su tutta l’Europa porti molte elettrici e molti elettori sostenitori del progetto europeo a recarsi alle urne per dare la propria preferenza alle forze eco-sociali. E questo è il suo appello alle elettrici e agli elettori sudtirolesi: “Un voto Verde è un voto per un’Europa del futuro e della solidarietà. Per questo chiedo alle cittadine e ai cittadini sudtirolesi di darci il loro sostegno“.

La moderazione del dialogo è stata gestita da Hans Heiss.

 

Reinhard Bütikofer è stato candidato di punta del suo partito alle elezioni europee del 2009 e da allora è membro del Parlamento europeo. È membro della commissione per industria, ricerca ed energia (ITRE) e membro sostituto della commissione per gli affari esteri (AFET). Inoltre è vicepresidente della delegazione per le relazioni con la Cina (D-CN) e parte della delegazione per le relazioni con gli Stati Uniti (D-US).

Nel 2009 Bütikofer è stato nominato anche portavoce della delegazione tedesca dei Verdi nel Parlamento europeo (Gruppo europeo GRÜNE). Un incarico che ha ricoperto fino al 2014. Fino al 2012 è stato vicepresidente e tesoriere del gruppo The Greens/European Free Alliance nel Parlamento europeo. Nel corso della legislatura 2009-2014 è stato portavoce della delegazione tedesca dei Verdi (Gruppo europeo GRÜNE). Il 10 novembre 2012 è succeduto a Philippe Lamberts alla guida del Partito Verde Europeo facendo tandem con Monica Frassoni.

In questi giorni sta girando la Germania in lungo e in largo nel suo tour elettorale. Il 16 maggio ha fatto tappa in Alto Adige per sostenere i Verdi sudtirolesi nella loro campagna elettorale per le Europee.

Il Consiglio provinciale ha oggi approvato a larga maggioranza la proposta dei Verdi sulle tecniche innovative di costruzione e isolamento termico degli edifici attraversi la paglia e altri materiali naturali.

In futuro dunque ci saranno maggiore informazione, sensibilizzazione e formazione su queste tecniche di costruzione amiche del clima, che spesso utilizzano anche materiali regionali, rinnovabili e sostenibili. Un passo verso una maggiore protezione del clima, un passo nella giusta direzione.

Cons. prov.

Brigitte Foppa, Riccardo Dello Sbarba, Hanspeter Staffler

La mozione è stata accolta nei punti 1 e 2 con lievi modifiche

http://www2.landtag-bz.org/documenti_pdf/idap_555076.pdf

Come volevasi dimostrare. Lo temevamo già in fase di discussione: congiungendo nella stessa legge gli ambiti della pianificazione urbanistica e del paesaggio si sarebbe avviato un processo in cui alla fine a pagarne le conseguenze più care sarebbe stato il paesaggio.
E avevamo cercato di mettere in guardia la maggioranza anche durante la discussione in Commissione legislativa che, fino al momento dell’entrata in vigore della legge, si sarebbe scatenata un’aspra guerra alla ripartizione dei terreni che dopo il 2021 potrebbero essere esclusi dalle aree di insediamento e così diventerebbero difficilmente edificabili. Questa corsa all’ultimo pezzo di terra, che assomiglia tanto a una dinamica di brigantaggio, è ora molto evidente.
L’ultimo esempio è la nuova area turistica approvata ieri dalla Giunta a Velturno, il paese del vicepresidente del HGV e Consigliere provinciale Helmut Tauber.

Con questa delibera la Giunta continua a sostenere l’espansione turistica nella nostra provincia, che continua a tutto gas, nonostante tutte le dichiarazioni di impegno alla moderazione: dopo le controverse aree turistiche a Naturno e a Laces, ora si passa ai fatti anche in Val d’Isarco. La costruzione di numerosi chalets distanti dal paese e dal centro abitato, cambierà e caratterizzerà negativamente il paesaggio. Con queste modalità urbanistiche ed edili si aumenta notevolmente l’occupazione di suolo.
Solo l’assessora all’urbanistica si è dichiarata contraria – in solitaria, cosa che le succederà spesso – il resto della Giunta invece continua a supportare gli sforzi della lobby turistica di mettere al sicuro i propri interessi prima che entri in vigore il temuto limite alle aree insediative. E questo contro gli ammonimenti per il pericolo di carenza d’acqua su cui si è espresso chiaramente il congresso tenutosi recentemente a Bressanone e senza nessun tipo di attenzione al rapido cambiamento climatico. Anche le perizie da parte degli uffici – che hanno espresso parere negativo – sono state semplicemente ignorate. Le promesse del 2014 con cui la nuova Giunta assicurava che avrebbe rispettato le indicazioni degli uffici competenti si sono sciolte da tempo come neve al sole.

Gli ammonimenti del Gruppo Verde in Consiglio provinciale sui pericoli degli eccessi dell’espansione turistica continuano a restare inascoltati.

Bolzano, 15.05.2019
Cons. prov. Brigitte Foppa, Riccardo Dello Sbarba, Hanspeter Staffler

Una giovane donna ha subito a Bolzano quello che a nessuna donna mai e in nessun posto dovrebbe essere fatto.
Ci auguriamo che possa ricevere il supporto e l’accompagnamento adeguato per superare questo momento difficile. Sappiamo che ancora molto c’è da fare per evitare ed estirpare la violenza contro le donne dalla nostra società. Dobbiamo impegnarci e non smetteremo mai di attivarci per una cultura che dia alle donne e agli uomini lo stesso posto e la stessa importanza, per una cultura nella quale intendiamo incontrare l’altro/a, non secondo una gerarchia, ma solo secondo il consenso. Lo dobbiamo a tutte quelle donne che vengono picchiate e violentate, ma lo dobbiamo soprattutto a noi stesse. Non dobbiamo smettere di impegnarci affinché continuino a esistere strutture che sostengono le donne nella lotta contro la violenza e affinché queste continuino a ricevere i contributi finanziari adeguati e necessari.
A noi donne non serve essere considerate come una proprietà, nemmeno quando c’è dietro un intento protettivo. Abbiamo bisogno di rispetto e di una cultura del consenso. Di questo bisogna parlare di più nelle scuole, nelle associazioni, in famiglia, in politica. Invece della castrazione chimica, al posto dell’istigazione alla vendetta e a rispondere alla violenza con altra violenza, abbiamo bisogno di prevenzione e di consapevolezza sul problema, da parte di TUTTI/E, sia uomini che donne.
Atti violenti come quelli verificatesi ultimamente a Bolzano non devono poter accadere mai, a nessuna ragazza, a nessuna donna nella nostra città, nella nostra provincia, da nessun’altra parte.
NO ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

Donne Verdi
Bolzano, 08/05/2019

L’Europa è nata e cresciuta su una grande idea: la comunità. E le sfide che ci attendono oggi le possiamo affrontare solo insieme.
L’Unione Europea, per la prima volta nella storia, è da un lato messa in pericolo dal diktat del capitalismo neoliberale e dall’altro dalle forze crescenti nazionaliste e separatiste.
Dobbiamo terminare questo edificio europeo incompleto, facendolo diventare un’Europa umana ed ecosociale.
Norbert Lantschner, Candidato dei Verdi (Europa Verde) per il Parlamento europeo

Le regole sulla pubblicità elettorale hanno come obiettivo quello di evitare ciò che conosciamo da tempo: il via libera a interessi particolari. Per questo il Gruppo Verde chiede un divieto chiaro della pubblicità elettorale a favore di singoli candidati e partiti da parte di associazioni di categoria.

Ogni volta salta agli occhi in modo fastidioso la pubblicità elettorale che unioni e associazioni pubblicano in maniera più o meno esplicita nei propri organi di comunicazione a favore di singoli partiti o candidati/e. Non per nulla a tutti i partiti di opposizione arrivano regolarmente delle segnalazioni di protesta riguardo a questa prassi ritenuta malsana da molte cittadine e da molti cittadini. Quando organizzazioni di categoria, finanziate anche dalla mano pubblica, iniziano poco prima delle elezioni a schierarsi a favore di candidate/i e partiti la sensibilità collettiva ne viene notevolmente turbata. Anche in attesa delle prossime elezioni europee non si riesce a levarsi la sensazione, ad esempio, che il Bauernbund provi a presentare il “proprio” candidato alle elettrici e agli elettori.

Non è compito di associazioni, unioni e sindacati garantire il posto di lavoro ai politici.

Che cosa è accaduto fino a oggi

Nel passato su questo tema c’era ancora una certa sensibilità. Così nel 1998 l’opposizione riuscì a far passare una legge regionale che vietava la pubblicità elettorale da parte delle associazioni di categoria nei 60 giorni prima delle elezioni. Siccome non erano previste sanzioni, questo divieto è sempre stato spudoratamente disatteso, con l’indignazione della gente che vede in questa prassi una distorsione democratica e la veicolazione di interessi particolari.

Il Gruppo Verde ha riaperto la questione nel corso della scorsa legislatura e ha presentato nel 2015 una proposta di legge in Consiglio regionale che prevedeva adeguate sanzioni. Con grande sorpresa il disegno di legge passò alla discussione dell’articolato.

Nel frattempo il Consiglio provinciale ha approvato una propria legge elettorale (Legge provinciale del 19 settembre 2017, n. 14). Nel corso del relativo dibattito, sia i Verdi che la Südtiroler Freiheit provarono inutilmente a far inserire anche qui il divieto di pubblicità elettorale. La proposta venne rifiutata, quasi con risentimento, da parte della maggioranza SVP-PD.

Purtroppo, con l’approvazione di questa nuova legge provinciale, quella regionale compreso quindi il divieto di pubblicità elettorale per associazioni, unioni e sindacati non è più in vigore.

A quel punto restava un’unica possibilità per mantenere nella nostra legislazione il divieto per questo tipo di pubblicità: con un emendamento Brigitte Foppa provò nel 2018 a mantenere il divieto almeno per le elezioni comunali – invano. Con voti 30 a 20 il Consiglio regionale affossò il tentativo di salvataggio.

I tempi cambiano e così anche i rapporti di forza

Ora anche il nuovo Consiglio provinciale dovrà confrontarsi con questo tema poco amato. Il Gruppo Verde ha presentato un disegno di legge che verrà discusso l’8 maggio dalla prima commissione legislativa. Il disegno di legge propone una modifica alla legge che dal 2017 regola le elezioni provinciali (Legge provinciale del 19 Settembre 2017, n.14 “Disposizioni sull’elezione del Consiglio provinciale, del presidente della Provincia e sulla composizione ed elezione della Giunta provinciale”).

Questa legge a oggi non prevede né un divieto di pubblicità elettorale da parte di associazioni, unioni e sindacati, né tanto meno adeguate sanzioni. E gli interessi particolari hanno così via libera.

Con il disegno di legge dei Verdi viene invece:

  • chiarito che associazioni, unioni e sindacati che ricevono finanziamenti pubblici non possono fare pubblicità per singoli candidati o partiti nei 60 giorni antecedenti le elezioni.
  • stabilito che con l’infrazione di questa norma negli anni seguenti vengono tagliati della metà i contributi pubblici.
  • incaricato il Consiglio provinciale a rendere pubbliche sul sito del Consiglio eventuali violazioni.

In questo modo si vuole colmare un vuoto legislativo rimasto tale fin dal 1998 e che da sempre ridimensiona e storpia le pari condizioni prima delle varie tornate elettorali. Questo vuoto legislativo incide poi anche su tutta la durata della legislatura perché lega e vincola la politica a singoli gruppi di interesse.

Una politica sana, trasparente e libera, invece, è indipendente.

Noi non molliamo!

Bolzano, 08/05/2019

Cons. prov.

Brigitte Foppa

Riccardo Dello Sbarba

Hanspeter Staffler

 

Cronologia
LGE_DDL Nr. 15_18
Bericht LGE 5_18 Relazione DDL 5_18
Legge provinciale 2017_n. 14