Home2019maggio (Page 2)

Una giovane donna ha subito a Bolzano quello che a nessuna donna mai e in nessun posto dovrebbe essere fatto.
Ci auguriamo che possa ricevere il supporto e l’accompagnamento adeguato per superare questo momento difficile. Sappiamo che ancora molto c’è da fare per evitare ed estirpare la violenza contro le donne dalla nostra società. Dobbiamo impegnarci e non smetteremo mai di attivarci per una cultura che dia alle donne e agli uomini lo stesso posto e la stessa importanza, per una cultura nella quale intendiamo incontrare l’altro/a, non secondo una gerarchia, ma solo secondo il consenso. Lo dobbiamo a tutte quelle donne che vengono picchiate e violentate, ma lo dobbiamo soprattutto a noi stesse. Non dobbiamo smettere di impegnarci affinché continuino a esistere strutture che sostengono le donne nella lotta contro la violenza e affinché queste continuino a ricevere i contributi finanziari adeguati e necessari.
A noi donne non serve essere considerate come una proprietà, nemmeno quando c’è dietro un intento protettivo. Abbiamo bisogno di rispetto e di una cultura del consenso. Di questo bisogna parlare di più nelle scuole, nelle associazioni, in famiglia, in politica. Invece della castrazione chimica, al posto dell’istigazione alla vendetta e a rispondere alla violenza con altra violenza, abbiamo bisogno di prevenzione e di consapevolezza sul problema, da parte di TUTTI/E, sia uomini che donne.
Atti violenti come quelli verificatesi ultimamente a Bolzano non devono poter accadere mai, a nessuna ragazza, a nessuna donna nella nostra città, nella nostra provincia, da nessun’altra parte.
NO ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

Donne Verdi
Bolzano, 08/05/2019

L’Europa è nata e cresciuta su una grande idea: la comunità. E le sfide che ci attendono oggi le possiamo affrontare solo insieme.
L’Unione Europea, per la prima volta nella storia, è da un lato messa in pericolo dal diktat del capitalismo neoliberale e dall’altro dalle forze crescenti nazionaliste e separatiste.
Dobbiamo terminare questo edificio europeo incompleto, facendolo diventare un’Europa umana ed ecosociale.
Norbert Lantschner, Candidato dei Verdi (Europa Verde) per il Parlamento europeo

Le regole sulla pubblicità elettorale hanno come obiettivo quello di evitare ciò che conosciamo da tempo: il via libera a interessi particolari. Per questo il Gruppo Verde chiede un divieto chiaro della pubblicità elettorale a favore di singoli candidati e partiti da parte di associazioni di categoria.

Ogni volta salta agli occhi in modo fastidioso la pubblicità elettorale che unioni e associazioni pubblicano in maniera più o meno esplicita nei propri organi di comunicazione a favore di singoli partiti o candidati/e. Non per nulla a tutti i partiti di opposizione arrivano regolarmente delle segnalazioni di protesta riguardo a questa prassi ritenuta malsana da molte cittadine e da molti cittadini. Quando organizzazioni di categoria, finanziate anche dalla mano pubblica, iniziano poco prima delle elezioni a schierarsi a favore di candidate/i e partiti la sensibilità collettiva ne viene notevolmente turbata. Anche in attesa delle prossime elezioni europee non si riesce a levarsi la sensazione, ad esempio, che il Bauernbund provi a presentare il “proprio” candidato alle elettrici e agli elettori.

Non è compito di associazioni, unioni e sindacati garantire il posto di lavoro ai politici.

Che cosa è accaduto fino a oggi

Nel passato su questo tema c’era ancora una certa sensibilità. Così nel 1998 l’opposizione riuscì a far passare una legge regionale che vietava la pubblicità elettorale da parte delle associazioni di categoria nei 60 giorni prima delle elezioni. Siccome non erano previste sanzioni, questo divieto è sempre stato spudoratamente disatteso, con l’indignazione della gente che vede in questa prassi una distorsione democratica e la veicolazione di interessi particolari.

Il Gruppo Verde ha riaperto la questione nel corso della scorsa legislatura e ha presentato nel 2015 una proposta di legge in Consiglio regionale che prevedeva adeguate sanzioni. Con grande sorpresa il disegno di legge passò alla discussione dell’articolato.

Nel frattempo il Consiglio provinciale ha approvato una propria legge elettorale (Legge provinciale del 19 settembre 2017, n. 14). Nel corso del relativo dibattito, sia i Verdi che la Südtiroler Freiheit provarono inutilmente a far inserire anche qui il divieto di pubblicità elettorale. La proposta venne rifiutata, quasi con risentimento, da parte della maggioranza SVP-PD.

Purtroppo, con l’approvazione di questa nuova legge provinciale, quella regionale compreso quindi il divieto di pubblicità elettorale per associazioni, unioni e sindacati non è più in vigore.

A quel punto restava un’unica possibilità per mantenere nella nostra legislazione il divieto per questo tipo di pubblicità: con un emendamento Brigitte Foppa provò nel 2018 a mantenere il divieto almeno per le elezioni comunali – invano. Con voti 30 a 20 il Consiglio regionale affossò il tentativo di salvataggio.

I tempi cambiano e così anche i rapporti di forza

Ora anche il nuovo Consiglio provinciale dovrà confrontarsi con questo tema poco amato. Il Gruppo Verde ha presentato un disegno di legge che verrà discusso l’8 maggio dalla prima commissione legislativa. Il disegno di legge propone una modifica alla legge che dal 2017 regola le elezioni provinciali (Legge provinciale del 19 Settembre 2017, n.14 “Disposizioni sull’elezione del Consiglio provinciale, del presidente della Provincia e sulla composizione ed elezione della Giunta provinciale”).

Questa legge a oggi non prevede né un divieto di pubblicità elettorale da parte di associazioni, unioni e sindacati, né tanto meno adeguate sanzioni. E gli interessi particolari hanno così via libera.

Con il disegno di legge dei Verdi viene invece:

  • chiarito che associazioni, unioni e sindacati che ricevono finanziamenti pubblici non possono fare pubblicità per singoli candidati o partiti nei 60 giorni antecedenti le elezioni.
  • stabilito che con l’infrazione di questa norma negli anni seguenti vengono tagliati della metà i contributi pubblici.
  • incaricato il Consiglio provinciale a rendere pubbliche sul sito del Consiglio eventuali violazioni.

In questo modo si vuole colmare un vuoto legislativo rimasto tale fin dal 1998 e che da sempre ridimensiona e storpia le pari condizioni prima delle varie tornate elettorali. Questo vuoto legislativo incide poi anche su tutta la durata della legislatura perché lega e vincola la politica a singoli gruppi di interesse.

Una politica sana, trasparente e libera, invece, è indipendente.

Noi non molliamo!

Bolzano, 08/05/2019

Cons. prov.

Brigitte Foppa

Riccardo Dello Sbarba

Hanspeter Staffler

 

Cronologia
LGE_DDL Nr. 15_18
Bericht LGE 5_18 Relazione DDL 5_18
Legge provinciale 2017_n. 14

Negli ultimi tempi si sono verificati diversi episodi di sospetta discriminazione in base al colore della pelle, o alle origini, o al genere e all’orientamento sessuale delle persone colpite.

Il più recente ha interessato un bolzanino di origine tunisina, funzionario di banca e capitano della squadra di calcio del Neugries, cui è stato impedito di entrare in una discoteca mentre sono stati lasciati entrare i suoi amici dalla pelle bianca. Anche prendendo spunto da questo fatto verso cui i media hanno giustamente rivolto l’attenzione, 27 associazioni che lavorano sul contrasto del razzismo e per la convivenza hanno chiesto al Presidente del Consiglio provinciale l’istituzione del “Centro di tutela contro le discriminazioni”.

In questo modo hanno richiamato il Consiglio a un dovere già previsto dalla legge provinciale in vigore fin dal lontano 2014, ma che nessun Presidente del Consiglio da allora (Thomas Widmann, Roberto Bizzo, Sepp Noggler) e nessun Ufficio di presidenza (sono questi gli organi competenti cui spetta l’iniziativa) hanno fin qui avuto la volontà di istituire.

Per chiarezza, ripercorriamo la storia di questa istituzione restata finora sulla carta.

Il 10 ottobre 2014 fu approvato il Disegno di Legge provinciale n. 19/14: “Modifiche di leggi provinciali in materia di edilizia abitativa agevolata, integrazione, parificazione, servizi sociali, invalidi civili, sanità, famiglia e sudtirolesi nel mondo”. Tale Disegno di legge (una sorta di “Omnibus sociale”) all’articolo 2 introduceva nella legge provinciale del 28 ottobre 2011, n. 12, “Integrazione delle cittadine e dei cittadini stranieri”, un nuovo articolo 5 intitolato appunto: “Centro di tutela contro le discriminazioni”. Esso diventava uno degli istituti fondamentali della politica provinciale non solo sull’integrazione delle persone immigrate, ma in generale per il contrasto di ogni tipo di discriminazione “fondata su razza, colore della pelle od origine etnica, genere, orientamento sessuale, disabilità, lingua, religione, nazionalità o appartenenza ad una minoranza nazionale” (comma 1, art. 5).

Vogliamo tra l’altro ricordare che questo articolo era stato introdotto in Commissione Legislativa grazie a un emendamento presentato dal nostro gruppo Verde e poi era stato rafforzato nell’aula del Consiglio da un ulteriore emendamento sulle procedure di nomina concordato tra gruppo Verde e assessore Achammer, con un forte dibattito tra consiglieri e consigliere per l’opposizione radicale della destra di lingua tedesca e italiana.

Una volta approvata, la legge fu pubblicata sul Bollettino Ufficiale del 28 ottobre 2014 e da allora è in vigore.

La legge prevede l’istituzione del “Centro di tutela contro le discriminazioni” presso il Consiglio provinciale. Il primo atto è la nomina della persona responsabile. La legge prevede che: “Le modalità di designazione della persona responsabile del Centro di tutela sono stabilite con la procedura di cui all’articolo 18, comma 2, lettera e), del regolamento interno del Consiglio provinciale.”

Tale norma del Regolamento prevede che l’Ufficio di presidenza “formula proposte, sottoponendole all’approvazione del Consiglio…”. Dunque tocca all’Ufficio di presidenza, sotto la guida del Presidente del Consiglio, dare attuazione alla legge. Da allora come gruppo Verde abbiamo in ogni modo fatto pressione, con interventi e interrogazioni, perché si procedesse all’istituzione del “Centro di tutela” e anche le associazioni del settore hanno più volte sollecitato la Presidenza del consiglio provinciale.

Ma finora il “Centro di tutela” è rimasto sulla carta. I 5 anni trascorsi sono stati impiegati in verifiche e consultazioni con le diverse “difese” istituite presso il Consiglio provinciale e con la Giunta provinciale. I Presidenti e gli uffici di presidenza si sono mossi fino ad ora, in sostanza, come se il “Centro di tutela contro le discriminazioni” fosse un oggetto indefinito la cui natura e configurazione dovesse essere ancora definita.

In realtà sul “Centro di tutela contro le discriminazioni” c’è poco da inventare, poiché gli aspetti fondamentali di esso sono già definiti per legge. Infatti nell’articolo 5 della legge, che alleghiamo a questa interrogazione:

  • Il comma 1 istituisce il Centro di tutela e lo insedia presso il Consiglio provinciale;
  • Il comma 2 ne definisce esattamente i compiti;
  • Il comma 3 stabilisce che il centro è presieduto da una persona che ne è titolare e responsabile e che viene nominata dal Consiglio provinciale su proposta del Presidente e dell’ufficio di presidenza ai sensi della procedura prevista dal regolamento interno del Consiglio stesso.

Le ragioni per cui sono passati 5 anni di inerzia vanno dunque ricercate altrove: nel timore dei singoli politici cui toccava l’iniziativa di esporsi troppo sui temi dell’integrazione e del contrasto alle discriminazioni, nella scarsa volontà a riconoscere che anche nel nostro territorio il tema della discriminazione – razzista, sessista, religiosa, verso la diversità ecc… – è un tema attuale e urgente.

Questi timori però non devono assolutamente impedire che una legge in vigore da 5 anni venga finalmente attuata.

Nell’incontro con le associazioni il Presidente Noggler – scrivono i giornali – ha garantito che l’istituzione del “Centro di tutela” rappresenta una sua “priorità”. Benissimo: vanno allora definiti precisi tempi e modi.

Tutto questo premesso,

si chiede al Presidente del Consiglio provinciale:

  1. Intende il Presidente assumere un preciso impegno e quindi dichiarare entro quali tempi, e se sì entro quale data, intende dare attuazione all’articolo 5 della  legge provinciale del 28 ottobre 2011, n. 12, “Integrazione delle cittadine e dei cittadini stranieri”, circa la nomina della persona responsabile del Centro di Tutela antidiscriminazioni presso il Consiglio provinciale?
  2. Intende il Presidente fissare un preciso calendario operativo, e se sì qual è, per arrivare entro la scadenza di cui alla domanda precedente alla nomina della persona responsabile del “Centro di Tutela”, in modo che stavolta la legge venga finalmente attuata?

Bolzano, 2 maggio 2019

Cons. prov.

Riccardo Dello Sbarba

Brigitte Foppa

Hanspeter Staffler

LG 12-2011-Art.5-Antidiskriminierungsstelle
Legge Prov 12-2011, art 5 - Centro tutela contro discriminazioni

Le lavoratrici e i lavoratori del settore pubblico e di quello privato hanno il diritto di recuperare il potere d’acquisto perduto nell’ultimo decennio con sostanziosi aumenti nelle rispettive retribuzioni.

Le aziende sudtirolesi, invece, hanno il dovere di consentire alle lavoratrici e ai lavoratori di partecipare e godere degli sviluppi economici positivi degli ultimi anni, provvedendo a un aumento di stipendi e salari.

Solo così sarà possibile in futuro creare posti di lavoro attrattivi e dare motivi in più ai cervelli sudtirolesi di restare nel mercato del lavoro locale. Nel settore pubblico gli stipendi devono essere aumentati di almeno il 10%, in quello pubblico abbiamo bisogno in alcuni rami di contratti integrativi territoriali, che tengano giustamente conto della situazione particolare del Sudtirolo.

Per il primo maggio e non solo ci impegniamo per stipendi e salari più equi. Solo quando il lavoro verrà giustamente riconosciuto e retribuito questa festa potrà diventare anche un momento di celebrazione della salute e della buona vita per tutte e tutti.