DE IT
HomeCandidati/e

Candidati/e

L’assemblea provinciale dei Verdi ha approvato la lista di persone che si presenteranno alle elezioni provinciali. Oltre alla tradizionale impronta ecologista si aggiunge una forte anima sociale attenta ai diritti e al lavoro.

Garantire il pluralismo democratico, partire dal cuore ambientalista per garantire il diritto a un lavoro di qualità e a più giustizia sociale. Questo è il compito che i Verdi si sono dati per le prossime elezioni provinciali. A questo scopo sono riusciti a coinvolgere un bel gruppo di persone, che possono rappresentare questi obbiettivi in modo credibile attraverso la loro biografia, la loro professionalità e il loro impegno.

Ecco la lista compleata approvata dall’assemblea provinciale il 21 agosto:

Candidati/e

Brigitte Foppa, nata nel 1968, originaria di Montagna. Prima di essere eletta in Consiglio provinciale nel 2013 ha lavorato in vari ambiti, dall’hotel di famiglia alla libera professione come traduttrice, dall’insegnamento all’amministrazione provinciale. È sempre riuscita a conciliare con entusiasmo lavoro, famiglia, attività politica (in Consiglio comunale a Bolzano dal 2010 al 2013) e impegno ambientalista. Parallelamente all’attività in Consiglio provinciale ha guidato il Partito verde, di cui è co-portavoce dal 2009.

Mi muove la sfida di aprire vie nuove.

Riccardo Dello Sbarba, Jahrgang 1954, Lehrer und Journalist, Südtiroler aus der Toskana, liebt (und lebt) die Vielfalt gemischter Gruppen. Seit 2004 Landtagsabgeordneter, 2013 meistgewählter Italiener. Ha la passione per l’inchiesta e l’approfondimento. Energia, urbanistica, paesaggio: non c’è tema troppo difficile per lui. Pensa che conversione ecologica e uguaglianza sociale siano due facce della stessa foglia.

Quel che mi spinge è che non sopporto l’ingiustizia.

Hanspeter Staffler, nato nel 1966, residente ad Andriano e Malles, studi di scienze ed ecologia forestale presso l’Università Bodenkultur a Vienna e presso l’Università La Sapienza a Roma. Da 22 anni entusiasta dipendente provinciale: inizalmente undici anni nell’ufficio bacini montani, in seguito per sette anni direttore della protezione civile, da quattro anni direttore generale dell’amministrazione provinciale e responsabile per le trattative sui contratti collettivi del servizio pubblico. È attivo come volontario in qualità di presidente della Fondazione paesaggio del Sudtirolo e membro del soccorso alpino dell’AVS.

La mia spinta viene dal lavoro sincero per il benessere delle persone in un ambiente sano.

Laura Polonioli, nata nel 1971 a Bolzano e cresciuta a Laives, oggi vive e lavora a Bolzano. Mamma, avvocata, già vicepresidente della Convenzione per l’autonomia e autrice insieme al Consigliere Riccardo Dello Sbarba di una relazione di minoranza al documento di proposte di riforma dello Statuto di autonomia. Candidata alle elezioni politiche del 4 marzo 2018 nella lista dei Verdi-Grüne-Verc e di LEU, con l’impegno di dare voce a chi crede che la nostra autonomia deve crescere in modo più aperto, democratico e inclusivo, in uno spirito europeista. Ama la natura e le camminate in montagna, nel tempo libero le piace leggere.

La mia spinta è il desiderio di un mondo migliore.

Tobias (Tobe) Planer, nato nel 1975, co-portavoce dei Verdi del Sudtirolo, bolzanino, pasticcere professionista. È stato eletto in Consiglio Comunale nel 2010 e attualmente è il capogruppo del gruppo consigliare Verdi Grüne Vërc / Projekt Bozen. Fra l’altro è anche il presidente della Commissione giovani e sport. Tobe è un tuttofare. Ha lavorato in ambito giovanile, è referente per i workshop di graffiti, organizzatore di eventi ed è attivo in diverse associazioni. Si impegna per una cultura giovanile e musicale variegata e vivace, per la valorizzazione del volontariato, per la giustizia sociale, la tolleranza e il rispetto tra le diverse generazioni.

Chiara Rabini, nata nel 1970, residente a Bolzano. Laureata in Scienze politiche internazionali presso le Università di Bologna e di Leuven (Belgio). Lavora per l’amministrazione provinciale nei settori della cooperazione internazionale, relazioni estere e volontariato. Coniugata, due figli. Dal 2016 è consigliera comunale a Bolzano e referente per i richiedenti asilo e rifugiati sul territorio cittadino. Temi prioritari: povertà e politiche sociali inclusive, tutela dei diritti e lotta alle discriminazioni, economia e stili di vita responsabili, scuola bilingue laboratorio di convivenza, educazione alla pace e allo sviluppo sostenibile.

Quel che mi spinge è il desiderio di una società più giusta vicina ai bisogni delle persone.

Markus Frei, nato nel 1972 e residente a Bressanone. È educatore presso i Servizi Sociali della Valle Isarco. È sposato e padre di due ragazze e un ragazzo,  Dal 2015 è membro del Consiglio comunale di Bressanone per la lista Alternativa Eco-sociale. I temi cari a Markus sono la famiglia e il sociale (welfare), la partecipazione cittadina e la mobilità.

La mia spinta viene dal desiderio di dare forma a un Sudtirolo così come lo vorrei lasciare ai miei figli e alle mie nipoti. Con impegno, sostenibilità ed entusiasmo!

Corinna Lorenzi, nata nel 1973, è insegnante di tedesco a Bolzano, attiva nel sindacato. Grazie a famiglia e lavoro vive in contesti linguistici e culturali diversi. Corinna è mamma di una bambina, è la Co-portavoce dei Verdi a Bolzano e Vice Presidente del Consiglio di Quartiere Europa-Novacella. Si impegna per un Sudtirolo inclusivo e cosmopolita, che guardi al di là dei propri confini e dove il coinvolgimento dei cittadini sia una priorità. Per un ambiente sano e una convivenza vera. Insieme si va più lontano!

La mia spinta è un mondo bello perché vario.

Stefan Perini, classe 1972, abita a Chiusa e Vipiteno. Diplomato in ragioneria a Bolzano, studia poi Economia politica presso l’Università di Trento. Le sue esperienze di lavoro vanno dall’Ökoinstitut Südtirol / Alto Adige all’ASTAT. Per diversi anni è responsabile dell’area “informazione economica” all’IRE della Camera di commercio. Da ottobre 2012 è Direttore dell’IPL – Istituto promozione lavoratori. Esperto su temi quali mercato del lavoro, salari e costo della vita, abitare accessibile ed equità sociale.

“Per una politica onesta che porti al progresso della società.”

Evelyn Fink, nata nel 1994, residente a Verdignes vicino a Chiusa, insegnante certificata di Hula Hoop, ballerina, segretaria. Co-Portavoce degli young greens southtyrol.  Per vivere meglio insieme in Alto Adige, contro l’emarginazione e le discriminazioni. Per uno stile di vita sostenibile e all’insegna del consumo critico.

La mia spinta viene dalla consapevolezza che con un po‘ di amore si può muovere il mondo.

Michael Keitsch, nato nel 1992, studente universitario, Consigliere di quartiere a Oltrisarco-Aslago e attivista degli young greens southtyrol. Vive a Bolzano, ha vissuto anche a Innsbruck, presto si trasferirà a Vienna. È un convinto cittadino europeo e fino a poco fa anche “straniero part time”. Per Michael è molto importante che i confini non vengano ripristinati e che l’Euregio Tirolo-Sudtirolo-Trentino acquisisca sempre più importanza. Il Sudtirolo che desidera è plurilingue, cosmopolita ed ecologico. Michael vorrebbe una politica rivolta al futuro.

La mia spinta viene dal desiderio di fare politica guardando al futuro con coraggio e fiducia.

Judith Kienzl, nata nel 1984 a Merano. Lavora da anni nel settore giovanile e culturale in Alto Adige. Da poco custode e giardiniera di una casa privata a Collalbo. Mamma orgogliosa di un figlio di 4 anni. Si adopera per un Alto Adige cosmopolita, tollerante, ecologico ed economicamente sostenibile. Green lifestyle in tutti gli ambiti della vita!

Olivia Kieser, nata nel 1987 a Merano. Si è laureata in filosofia e giurisprudenza (BA) e specializzata in politica dell’ambiente (MSc) a Londra. La politica che la ispira si occupa delle cause non dei sintomi! Spera di non perdere mai le seguenti tre cose: il corraggio di avere visioni, la critica verso le complesse relazioni sociali e il suo entusiasmo da attivista, perché solo a parole i problemi non si risolvono.

La mia spinta viene da piccoli passi verso grandi obiettivi: arginare la speculazione immobiliare, casa accessibile per tutte/i. 

Hannah Lazzaretti, nata nel 1996, residente a Merano; studentessa di Scienze politiche presso l’Università di Bologna. Focus: bilinguismo, femminismo, internazionalità, ambientalismo e sostenibilità, protezione degli animali.

La mia spinta è la visione di un mondo giusto, solidale e libero.

Zeno Oberkofler, nato nel 1997, residente a Bolzano. Studia Fisica presso l’Università di Trento e violino al Conservatorio di Bolzano. In più è co-portavoce degli young greens southtyrol. Come membro di una famiglia plurilingue è convinto che la ricchezza linguistica altoatesina offra un potenziale unico che deve essere valorizzato molto di più. Desidera una politica che guardi al futuro e sfrutti questa nostra immensa risorsa. Le persone plurilingui devono finalmente venire riconosciuti come tali dalle istituzioni. Vuole portare la voce degli studenti all’interno della politica e contribuire a un Sudtirolo più vicino ai giovani e rivolto al futuro.

Mi spingono tutti i giovani plurilingui che ancora oggi non vengono riconosciuti come tali dalla politica.

Sadbhavana Pfaffstaller, detta „Sadi“, è nata il 13 Marzo 1994 a Mumbai (India) ed è stata adottata quando aveva 2 anni e mezzo. Vive a Egna e studia Scienze della cultura e della comunicazione presso l’UniBZ. Focus del suo impegno politico: diritti umani, protezione degli animali e sostenibilità. Ha fatto parte dei volontari che presidiavano la stazione di Bolzano per dare sostegno ai profughi. Ha dato inoltre il suo contributo scrivendo per il giornale di strada “ZEBRA.”

La mia spinta viene dalla dignità delle persone, dell’ambiente e degli animali. Il mio desiderio è quello di impegnarmi per questa dignità e di contribuire a dare forma a un mondo in cui tutti gli esseri viventi possano vivere con dignità e gioia.

Bertrand Risé, nato nel 1992, detto Berti; è musicista, artista e organizzatore di eventi. Ha frequentato la scuola Waldorf a Bolzano, dopo la maturità ha studiato Event Management presso la University of West London. Berti è membro fondatore della Band „Shanti Powa Records“ e organizzatore del Miracle Hill Festival. Da sempre si impegna per la convivenza tra i gruppi linguistici, per la cultura giovanile e per più spazio alla creatività. Inoltre ritiene che sia importante l’integrazione dei profughi nella nostra società.

La mia spinta è la musica.

Benjamin Stötter, nato nel 1985, residente a Vipiteno. È massaggiatore e musicista. Vive la sua candidatura in maniera rilassata. Se con il suo sostegno potesse dare un po’ più di visibilità ai Verdi in Consiglio provinciale sarebbe già un successo.

La mia spinta è la vita.

Pascal Vullo, nato nel 1986, residente a Bolzano, ingegnere ambientale, attivista e persona di mondo di origini tedesche e siciliane. Ha frequentato l’Università a Stoccarda e a Linköping (Svezia). Prima degli studi universitari ha lavorato come volontario in Piemonte per la comunità Valdese, una minoranza protestante, nell’ambito della disabilità. Dopo aver lavorato diversi anni presso l’Istituto per le Energie Rinnovabili dell’Eurac a Bolzano, ora si occupa di innovazione presso l’IDM Südtirol-Alto Adige. Ama le montagne, la neve e le scalate. “Il Sudtirolo ha tutti i requisiti per diventare un modello per l’innovazione ecologica e sociale.”

La mia spinta viene dalla convinzione che il Sudtirolo possa fare da esempio per un economia sostenibile e la convivenza attraverso innovazioni ecologiche e sociali. Per la più alta qualità di vita per tutte/i.

Peter Gasser, nato a Malles nel 1960, sposato, padre di tre figli. Veterinario dal 1984 e attivo da oltre 30 anni in Alta Val Venosta. È impegnato per la tutela dei beni culturali, per più democrazia diretta e per un turismo sostenibile. È volontario nel soccorso alpino di Malles, nell’Associazione ambientale della Val Venosta e nel Heimatpflegeverein. Inoltre è membro attivo del „Der Malser Weg“ (per un Comune libero da pesticidi). Nel tempo libero frequenta la montagna a piedi, in mountain bike e sugli sci e si dedica all’agricoltura sui suoi prati di montagna.

La mia spinta viene dall’impegno per una terra equa, giusta e sostenibile.

Patrizia Gozzi Buca, nata nel 1965, cresciuta e residente a Bolzano; insegnante di educazione fisica. Argomenti: vivibilità nei centri, scuola sana, plurilinguismo, reddito di base incondizionato.

La mia spinta è la sfida di trovare soluzioni creative ai problemi odierni e di usarle per il benessere di tutti.

Brigitte Mair, nata nel 1968, residente a Fié allo Sciliar. Insegnante di lingua tedesca per immigrati presso la scuola professionale di artigianato e industria a Bolzano e membro del Consiglio comunale di Fié. È appassionata di alpinismo e nel tempo libero va spesso in montagna. Focus del lavoro politico: ambientalismo, tutela di strutture di valore storico, educazione per tutti. Il suo credo: la vita VERDE è quella migliore.

La mia spinta viene dalla forza ancestrale della natura dentro e intorno a noi.

Urban Nothdurfter, nato nel 1980 a Brunico, ha studiato Servizi sociali presso le Università di Bolzano e  di Trento. Ha lavorato in diversi servizi sociali privati e pubblici dell’Alto Adige. Ha inoltre conseguito un master per la gestione dei servizi sociali presso la Alice Salomon Hochschule di Berlino e il dottorato di ricerca in sociologia e ricerca sociale presso l’Università di Trento. Lavora come ricercatore e docente alla Libera Università di Bolzano dove insegna e fa ricerca sui temi legati al lavoro e alle politiche sociali. Ama la musica, il teatro, i viaggi e le montagne. Si candida per il Consiglio provinciale con i Verdi, perché vuole impegnarsi politicamente per la giustizia sociale, la sostenibilità nonché per uno sviluppo culturale e sociale aperto in Alto Adige. Vuole dare il suo contributo soprattutto sulle tematiche di politica sociale e sulle questioni legate alla diversità sessuale e di identità di genere.

Quello che mi spinge è il pensiero per una società aperta e solidale.

Luis Pardeller, nato nel 1952, è sposato e risiede a Rodengo. Dopo aver concluso gli studi di giurisprudenza, ha lavorato come dirigente presso una banca regionale per 35 anni. Il pensionamento gli offre degli spazi per nuovi impegni culturali, sociali e (perché no) politici. La sua candidatura per i Verdi-Grüne-Vërc è un segno di condivisione dei loro valori, specialmente quelli legati a una società giusta e solidale. Luis rivendica democrazia e trasparenza, in modo che gli interessi personali di pochi non distruggano individualità e pluralitá.

La mia spinta viene dall’andare incontro alle persone e alla natura con rispetto, in libertà e giustizia.

Eva C. Pixner, nata a Merano nel 1967, cresciuta a Caines, vive a Lana. Dopo gli studi di Economia e commercio a Bologna ha preso servizio presso la Provincia. Dal 2004 al 2012 ha diretto l’Ufficio bilancio e dal 2012 al 2015 ha rivestito il ruolo di Segretaria generale presso il TAR Bolzano;  dal 1/6/2017 è la direttrice dell’Ufficio vigilanza finanziaria. Cosmopolita e al contempo fortemente legata al territorio, considera fondamentali il rispetto, la tolleranza e la giustizia sociale in tutti gli ambiti della vita.

La mia spinta è la volontà di impegnarmi con ragione e sentimento per una politica sostenibile.

Renzo Rampazzo, nato a Bolzano nel 1954, ha due figli di 25 e 22 anni. Risiede a Soprabolzano e da febbraio di quest’ anno è in pensione. Ha lavorato nel sindacato della SGBCISL per 20 anni. Nella sua attività sindacale ha cercato di coniugare il lavoro con la salute (vicenda polveri Acciaierie). Si è impegnato per la difesa dei posti di lavoro (vicenda Speedline) e per far crescere nei lavoratori la coscienza dei propri diritti. Secondo Renzo i Verdi-Grüne-Vërc sono il movimento che meglio di altri interpreta la sua idea di società, caratterizzata dal rispetto per l’ambiente, per il lavoro e per i deboli.

La mia spinta è mantenere il positivo che c’è, pensare il futuro con coraggio.

Klaudia Resch, nata nel 1969, meranese per scelta. Ha studiato Scienze politiche a Innsbruck e Loughbourough e ha conseguito un master in Economia della Cooperazione a Bologna. Attualmente lavora presso la Casa della Cultura di Lagundo e si impegna nel mondo della cooperazione per le pari opportunità per tutte e tutti e per un’economia equa, sostenibile e democratica.

La mia spinta è un sistema economico democratico, solidale ed ecosostenibile al servizio delle persone.

Silvia Rier, nata nel 1963 a Castelrotto. Professionista del turismo (per passione), spirito libero e indipendente (per convinzione), aperta, dinamica, critica, creativa (e coraggiosa). Si impegna per una buona qualità di vita e pari opportunità per tutte tutti, per una Heimat amabile e vivibile, a misura di persona (con un occhio di riguardo per i più deboli).

Quello che mi spinge è la giustizia, il desiderio e la volontà di lottare per condizioni giuste per tutte/i, sempre e ovunque.

Andrea Rossi, nato a Cremona nel 1956, dal 1964 vive in Alto Adige. Ha svolto gli studi classici a Merano e a Bologna. Prima insegnante, anche di L2, poi operatore culturale professionale, ora vicesindaco di Merano. Le sue responsabilità politiche rispecchiano i temi che lo hanno sempre accompagnato: l’educazione e la formazione di giovani e adulti, la salvaguardia dei diritti, l’attenzione agli altri, la costruzione di una comunità e di una società solidale. Nessuno si salva da solo e la sicurezza, personale e collettiva, non si costruisce difendendosi da un possibile nemico, ma prendendosi cura degli altri, rinforzando l’idea di bene comune. Un principio che dovrebbe uniformare anche la nostra autonomia.

La mia spinta sta nella convinzione che nessuno si salva da solo.

Rosina Ruatti, nata nel 1957, madre di tre figli bilingui, da tanti anni insegnante di scienze naturali al liceo. Ha organizzato e partecipato a progetti ambientali in ambito locale ed europeo. È convinta del valore fondamentale del rispetto della diversità delle culture e della relazione tra società e natura. In questa nostra epoca, la priorità ambientale che ha maggiore impatto sul nostro futuro, sulla vita e il benessere della nostra società e dei nostri figli è il riscaldamento globale. A partire dalla sua formazione scientifica e dalla sua lunga esperienza di insegnante, è convinta della necessità di integrare comportamenti individuali, sociali e istituzionali per dare risposte innovative alla sfida climatica e ambientale. A tal fine vuole offrire il suo contributo e impegno politico.

La mia spinta è il contrasto al riscaldamento globale che possiamo e dobbiamo affrontare sia con scelte individuali che con coraggiose decisioni politiche.

Ulrike Spitaler, nata nel 1972. Educatrice sociale, pubblicista, impiegata provinciale. Da molti anni attiva nel volontariato per i diritti umani e ambientali, la cultura (letteratura e cinema), il femminismo, i diritti civili e gli stili di vita gay-lesbiche.  Lavoro part-time nel tempo libero: il vigneto.

La mia spinta è la fede nel Fairplay in me e il cielo stellato sopra di me.

Elda Toffol, nata nel 1953, residente a Bolzano, psichiatra. Tratti caratteristici: un po’ nera un po’ bianca, un po’ zingara e un po’ europea, un po’ saggia e un po’ sconclusionata, sana di mente e anche no, fuori e dentro la norma, un po’ umana ma anche un po’ marziana. Si occupa del benessere delle persone, che si tratti di migranti, di persone con problemi ma anche senza, che vogliono vivere in un ambiente ecologico anche dal punto di vista umano e sociale.

La mia spinta è una società solidale e cooperativa.

Andrea Tomasi, nato a Bolzano nel 1976 e residente a Laives. Coordinatore della Casa Famiglia di Laives (struttura residenziale di tipo famigliare per l’accoglienza di minori). Sposato con tre figli, insieme a sua moglie ha aperto la sua porta accogliendo altri tre bambini nella Casa Famiglia che hanno creato a Laives. Co-portavoce dei Verdi-Grüne-Vërc di Laives-Leifers, è impegnato da più di venti anni nel mondo del sociale.

La mia spinta è per una comunità attenta ai più “piccoli”, capace di dare voce a chi non ha voce: a chi è in difficoltà e all’ambiente.

Felix von Wohlgemuth, nato nel 1980; da persona completamente politica, ci ha sempre tenuto a impegnarsi attivamente in modo costruttivo e non solo a lamentarsi di tutto ciò che non funzione dal bancone del bar del paese. Da consigliere comunale ad Appiano ha potuto constatare che è davvero possibile fare molto se ci si dà da fare in politica con entusiasmo. Per Felix la politica deve essere obiettiva, trasparente e sincera e deve saper dire verità anche scomode e dolorose. Ed è proprio questa sincerità ad averlo sempre colpito nei Verdi. Non solo sostengono gli ideali a parole, ma li vivono. Ora è molto fiero di essere parte di questa squadra e di poter dare il suo contributo per far sì che anche nella prossima legislatura venga proseguito l’importante lavoro dei Verdi. Diamoci da fare quindi per essere la lobby di coloro che ne sono privi: per i nostri lavoratori e lavoratrici, per le persone anziane, per i/le più deboli e svantaggiate, per le famiglie, le bambine e i bambini. Diamoci da fare per dare una voce a coloro che troppo spesso non ricevono ascolto!

La mia spinta è la volontà di creare una società aperta, tollerante e solidale.

Nazario Zambaldi, nato nel 1972, insegnante di filosofia e scienze umane al Liceo, si occupa di arte e teatro, in particolare con progetti educativi, motivazionali e di integrazione tra Merano e Bolzano. Papà di Adele e Giacomo.

La mia spinta è una civiltà come dialogo.