HomeBuon lavoro

La via Verde verso un Buon lavoro

In Alto Adige il costo della vita è più alto del 20% della media italiana, mentre salari e stipendi superano solo del 6% la media nazionale (dati IPL e Inps).

Questa situazione straordinaria richiede misure straordinarie a favore di tutte le lavoratrici e i lavoratori: per il settore privato è l’ora di fissare un salario minimo obbligatorio e aprire le trattative per contratti integrativi territoriali; per il settore pubblico, dopo anni di blocco, bisogna urgentemente migliorare la parte economica del contratto collettivo.

Proponiamo:

Per il settore pubblico: Chiediamo che la Provincia apra subito le trattative per il rinnovo del contratto di intercomparto al fine di ottenere entro la fine del 2019 un sensibile miglioramento della parte economica. L’obbiettivo è un aumento almeno del 10% dello stipendio base per tutti i livelli funzionali. La cifra del 10% corrisponde alla perdita di valore subita dagli stipendi a causa del periodo di mancato rinnovo contrattuale, dal 2009 al 2016 (fonte: Osservatorio mercato del lavoro, newsletter 11/2018).

Per il settore privato: Chiediamo che la Provincia convochi a uno stesso tavolo le parti sociali al fine di stipulare un accordo quadro che preveda:

  1. Di fissare un minimo salariale orario altoatesino („Südtiroler Mindeststundenlohn“) che consenta a chi lavora di arrivare alla fine del mese con dignità
  2. Di aprire trattative per contratti integrativi territoriali che migliorino il trattamento economico e normativo dei/delle dipendenti
  3. Di condizionare gli incentivi all’economia alla stipula di contratti integrativi territoriali e al rispetto del minimo salariale orario altoatesino

Le proposte Verdi

  • Mozione n. 18/18: Contratti territoriali e salario minimo orario nel settore privato
  • Mozione n. 19/19: Avvio della contrattazione collettiva
    Behandelt am 13.3.2019

Trattate il 13/3/2019

INTERROGAZIONE. Ci sono cose a cui purtroppo ci siamo abituati in questa terra bilingue. Nata per risanare un lungo periodo di ingiustizia, con la pacificazione e la convivenza, la separazione tra gruppi linguistici di alcuni ambiti è man mano diventata sempre più anacronistica. La mancanza di

Il 20 maggio 1970, quindi esattamente 50 anni fa, lo Stato italiano approvò la legge n. 300, altrimenti nota come lo Statuto (delle lavoratrici e) dei lavoratori. Già nell’articolo n. 1 della Costituzione, approvata nel 1948, era stato riconosciuto e fissato il valore del lavoro. „L’Italia

Da inizio marzo le scuole, le scuole materne e gli asili nido sono chiusi. Anche le Tagesmutter hanno dovuto sospendere il servizio e le famiglie hanno dovuto gestire da sole la quotidianità di bambini e bambine. Quando verranno riattivate scuole e asili, per lo meno

Tradizionalmente, la festa del lavoro è principalmente il giorno della lotta per ottenere salari più alti e migliori condizioni di lavoro. Si pensa quasi per riflesso agli operai nelle fabbriche, cioè al "classico" operaio maschio. Tuttavia, questa crisi ci ha mostrato chi fa andare avanti la

La Giunta provinciale ha dichiarato che intende attenuare le gravi conseguenze economiche dell’attuale crisi con un vasto pacchetto di provvedimenti. È bene e importante adottare adesso misure rapide e non burocratiche, per garantire la sopravvivenza delle imprese e di conseguenza dei posti di lavoro -

COMMENTO DI HANSPETER STAFFLER. L’Èuropa è a un bivio: per molte famiglie questo è un periodo tragico, e anche nell’Unione europea si sta rischiando una vera tragedia. O l’Unione Europea affronta questa crisi unita, oppure corre il grave rischio di disgregarsi. Il Coronavirus ci tiene tutti sotto

MOZIONE. Il mercato del lavoro altoatesino sta cambiando Dal 1900 l’aspettativa di vita della popolazione europea è cresciuta molto. Le moderne pratiche di igiene, un maggiore benessere, un’assistenza sanitaria più efficiente e un ottimo welfare hanno portato a un progressivo invecchiamento della popolazione. In Alto Adige l’aspettativa media

INTERROGAZIONE Nel PRU del Waltherpark a Bolzano è prevista la permuta tra l’ex camera di commercio (di proprietà della Provincia) e un nuovo palazzo per uffici provinciali in via Garibaldi (ci risulta al n. 20). Lì dovrebbero andare il Servizio esami di bilinguismo, l’Organismo pagatore e

COMUNICATO STAMPA. Contrattazioni estenuanti per il pubblico impiego – le dipendenti e i dipendenti pubblici si meritano un aumento equo e giusto per tutto il lavoro che fanno! Lo stipendio dei dipendenti pubblici in Alto Adige viene regolamentato nel bilancio provinciale, il quale viene distribuito dalla giunta