DE IT
HomeBuon lavoro

La via Verde verso un Buon lavoro

In Alto Adige il costo della vita è più alto del 20% della media italiana, mentre salari e stipendi superano solo del 6% la media nazionale (dati IPL e Inps).

Questa situazione straordinaria richiede misure straordinarie a favore di tutte le lavoratrici e i lavoratori: per il settore privato è l’ora di fissare un salario minimo obbligatorio e aprire le trattative per contratti integrativi territoriali; per il settore pubblico, dopo anni di blocco, bisogna urgentemente migliorare la parte economica del contratto collettivo.

Proponiamo:

Per il settore pubblico: Chiediamo che la Provincia apra subito le trattative per il rinnovo del contratto di intercomparto al fine di ottenere entro la fine del 2019 un sensibile miglioramento della parte economica. L’obbiettivo è un aumento almeno del 10% dello stipendio base per tutti i livelli funzionali. La cifra del 10% corrisponde alla perdita di valore subita dagli stipendi a causa del periodo di mancato rinnovo contrattuale, dal 2009 al 2016 (fonte: Osservatorio mercato del lavoro, newsletter 11/2018).

Per il settore privato: Chiediamo che la Provincia convochi a uno stesso tavolo le parti sociali al fine di stipulare un accordo quadro che preveda:

  1. Di fissare un minimo salariale orario altoatesino („Südtiroler Mindeststundenlohn“) che consenta a chi lavora di arrivare alla fine del mese con dignità
  2. Di aprire trattative per contratti integrativi territoriali che migliorino il trattamento economico e normativo dei/delle dipendenti
  3. Di condizionare gli incentivi all’economia alla stipula di contratti integrativi territoriali e al rispetto del minimo salariale orario altoatesino

Le proposte Verdi

  • Mozione n. 18/18: Contratti territoriali e salario minimo orario nel settore privato
  • Mozione n. 19/19: Avvio della contrattazione collettiva
    Behandelt am 13.3.2019

Trattate il 13/3/2019

COMUNICATO STAMPA. Un primo passo è fatto. Il Gruppo Verde ha portato oggi in trattazione in Consiglio provinciale un documento voto che aveva come obiettivo quello di motivare lo Stato a elaborare una legge sulle catene produttive. In questo modo verrebbero responsabilizzate le aziende a garantire

[vc_row][vc_column][vc_column_text]COMUNICATO STAMPA. In Europa circola una petizione per inserire nelle Costituzione europea sei nuovi diritti fondamentali. Tra questi spiccano il diritto a un ambiente e un clima sano e il diritto ad avere sul mercato solo merce prodotta nel rispetto dei diritti umani. Sull’onda di questa

ORDINE DEL GIORNO N. 3 al disegno di legge provinciale n. 85/21. Il personale sanitario è esposto a una pressione enorme, e questo non soltanto in seguito alla crisi da Coronavirus e non solo in Alto Adige. Lo stipendio non è però minimamente commisurato agli sforzi lavorativi

ORDINE DEL GIORNO al disegno di legge provinciale n. 85/21. Il sostegno alla cinematografia è di grandissima importanza in Alto Adige, sia da un punto di vista culturale che economico. La realizzazione di un progetto cinematografico è un’attività dispendiosa, che richiede un notevole impiego di risorse

ANFRAGE ZUR AKTUELLEN FRAGESTUNDE. In unserer Sprechstunde berichtet man (frau) uns, dass eine Reinigungskraft in einer Kindertagesstätte einen Stundenlohn von 7,80 Euro brutto erhält. Die Reinigungskraft ist vertraglich mit einer Genossenschaft verbunden, die diesen Lohn zahlt. Eine derartige tarifliche Behandlung scheint, zumal bei den Lebenshaltungskosten in

COMUNICATO STAMPA. Nella settimana dell’8 marzo, Giornata internazionale per i diritti delle donne, il Consiglio provinciale si riunisce e il Gruppo Verde presenta due mozioni su temi che incidono sulle donne e sulla nostra società: la violenza di genere in rete e la fuga dei cervelli

Le discussioni sul tema del “brain drain” e le preoccupazioni per l’abbandono delle aree rurali sono da tempo arrivate anche nella nostra provincia. La fuga dei cervelli è nel frattempo diventata un vero e proprio ambito di ricerca e si stanno elaborando misure per reagire al

MOZIONE. La Giunta provinciale intende fornire aiuti considerevoli a sostegno di singoli settori dell’economia altoatesina. Si parla di un ordine di grandezza di 500 milioni di euro per ammortizzare gli effetti della crisi secondo l'esempio di Paesi quali Germania e Austria ovvero di singoli Länder. Gli aiuti

Il Consiglio provinciale di dicembre viene di solito dedicato interamente alla legge di bilancio per l’anno successivo. Ed è anche un’occasione per fare un bilancio complessivo su quanto è successo nell’anno che si sta avviando alla conclusione. Anche quest’anno è stato così. Solo che quest’anno