Home2020Gennaio

COMUNICATO STAMPA.

Dialogare è importante. Il Gruppo Verde ne ha trovato ennesima conferma il 31 gennaio 2020, quando i Consiglieri provinciali Brigitte Foppa e Riccardo Dello Sbarba hanno incontrato il Presidente di Assoimprenditori Alto Adige.

Per l’Alto Adige l’industria è un fattore economico importante: il settore manifatturiero produce il 25% del PIL complessivo, che arriva a oltre il 30% se si considerano anche i servizi ad esso collegati. L’industria inoltre garantisce lavoro stabile e ben pagato (il 90% delle persone che vi lavorano – ha raccontato Giudiceandrea – ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato, arricchito in molti casi da accordi integrativi aziendali e territoriali). Giudiceandrea ha sottolineato che l’industria altoatesina è impegnata nella sfida della sostenibilità, della riduzione dei consumi energetici e dello sviluppo delle energie rinnovabili e si trova di fronte al bisogno crescente di personale qualificato, spesso proveniente da tutta Europa. “La sostenibilità per noi va in ogni caso intesa nelle sue tre accezioni: ambientale, sociale ed economia”, ha sottolineato Giudiceandrea.
Questi sono dati di grande importanza e altrettanto significativi sono i punti d’incontro con le idee e le politiche sostenibili ed ecologiche. Innovazione e sviluppo nelle modalità e nei processi produttivi offrono ancora ampi spazi d’azione per quanto riguarda la tutela del clima. E su questi temi i Verdi e le associazioni ambientaliste avranno il mondo dell’industria dalla loro parte. Un altro tema che accomuna Verdi e mondo dell’industria riguarda lo sviluppo e la tutela di forme di lavoro sostenibili. Da ultimo l’incontro si è concentrato anche sul costante bisogno di rinnovamento nella società e nella convivenza. Senza apertura e plurilinguismo non c’è sviluppo – concludono unanimi Giudiceandrea, Foppa e Dello Sbarba.
“Continueremo a dialogare!” di questo ne sono certi.

BZ, 31.01.2020

MOZIONE.

Da anni in provincia di Bolzano esistono diverse guest card molto apprezzate dai turisti. Queste carte turistiche consentono non solo di usufruire di diversi vantaggi e dell’ingresso gratuito in musei e strutture per il tempo libero, ma anche di viaggiare gratuitamente sui mezzi di trasporto pubblico di tutta la provincia. L’idea di fondo, del tutto lodevole, a cui si ispira questa iniziativa è quella di consentire a chi trascorre le proprie ferie nella nostra provincia di spostarsi con i mezzi pubblici anziché con l’auto privata.

In 13 casi su 17 (situazione aggiornata al 2017) le guest card sono finanziate dagli operatori turistici attraverso una tassa fissa sul pernottamento, che viene corrisposta per ogni ospite (compresi i bambini di età inferiore ai 6 anni) e per ciascun pernottamento presso le strutture convenzionate, indipendentemente dal fatto che il servizio venga utilizzato o meno. Il volume di utilizzo è davvero considerevole: nel 2016, 1,125 milioni di turisti hanno utilizzato una card finanziata con la tassa di pernottamento. Il contributo degli esercizi alberghieri
ammontava a 9,9 milioni di euro. Soprattutto le strutture che si rivolgono a una clientela attenta all’ambiente e al turismo sostenibile sono ben liete di contribuire ai costi della card perché così vengono incontro alle aspettative dei loro ospiti.

Tuttavia non mancano le critiche:

  • in provincia esistono ben 17 tipi di card con condizioni e durata diverse.  Alcune non sono valide in tutti i periodi dell’anno e per tutto il territorio provinciale. Sarebbe invece interessante se la card fosse valida per tutta la provincia e lungo tutto l’arco dell’anno. Un esempio lo troviamo poco distante da noi: nella vicina provincia di Trento, la Trentino Guest Card è valida in tutti i comprensori. Essa consente di utilizzare liberamente i mezzi di trasporto pubblici. In Val di Fiemme ci si è spinti addirittura oltre: grazie a un aumento dell’imposta di soggiorno di 1 euro, gli impianti di risalita sono inclusi nella card
  • La tassa di pernottamento indifferenziata penalizza quelle strutture, come le pensioni, che praticano prezzi ridotti, in quanto la percentuale dell’imposta è molto più alta rispetto agli hotel di categoria superiore (ad esempio, 1 euro, a fronte di un prezzo di 50 euro per la mezza pensione, equivale al 2% mentre su un prezzo di 100 euro si paga solo l’1% – in pratica la struttura più economica paga il doppio di quella più costosa!), Il finanziamento tramite l’imposta di soggiorno che già viene riscossa sarebbe più sensato e, se applicata in maniera differenziata, anche più equo. In alternativa a questa proposta, la tassa di pernottamento potrebbe essere mantenuta, ma differenziata per categoria.

Vi sono inoltre ripetute lamentele, ultimamente anche da parte delle rappresentanze dei lavoratori dipendenti, per il fatto che le tourist card causano il sovraffollamento degli autobus al punto che i conducenti non permettono più alle persone che devono andare a lavorare di salire a bordo. Queste ultime devono quindi ricorrere all’auto con conseguenze negative dal punto di vista ecologico e sociale. Inoltre i pendolari pagano per ogni chilometro percorso con i mezzi pubblici, mentre i turisti viaggiano gratis. Questo fatto è percepito come un’ingiustizia e genera sempre più spesso malcontento.

In seguito alla deliberazione del Consiglio provinciale con cui è stato deciso di gestire il trasporto pubblico locale tramite una società in house della Provincia, ci sono buone probabilità che le carte turistiche possano essere riviste in un’ottica di sostenibilità ecologica e sociale.

Pertanto il Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano incarica la Giunta provinciale

  1. di elaborare una strategia unitaria volta ad offrire una carta turistica valida in tutta la provincia di Bolzano e lungo tutto l’arco dell’anno;
  2. di provvedere al finanziamento delle carte turistiche mediante l’imposta di soggiorno scaglionata a seconda della categoria della struttura ricettiva;
  3. in alternativa al punto 2, di applicare la tassa di pernottamento in maniera differenziata in base alla categoria della struttura ricettiva.

BZ, 30.01.2020

consiglieri provinciali
Brigitte Foppa Brigitte Foppa
Riccardo Dello Sbarba Riccardo Dello Sbarba
Hanspeter Staffler Hanspeter Staffler

SAVE THE DATE!  

Tutte e tutti ormai ne parlano, ma di 5G ancora sappiamo molto poco. Eppure sempre più cittadine e cittadini chiedono maggiori informazioni. Su questo sono d’accordo quasi tutti i partiti in Consiglio provinciale e così sei Gruppi politici dell’opposizione stanno organizzando insieme una conferenza, per offrire a tutte le interessate e gli interessati dati, conoscenze e chiarezza.

Vi aspettiamo il 27/2/2020 dalle 10 alle 13 presso il Palais Widmann, in Piazza Silvius-Magnago (Bolzano). Segnatevi questo appuntamento. Riceverete al più presto maggiori informazioni e il programma completo.

 

Brigitte Foppa, Paul Köllensperger, Andreas Leiter-Reber, Sven Knoll, Sandro Repetto, Diego Nicolini

COMUNICATO STAMPA.
10 anni Legge pari opportunità

Pari opportunità per tutte e tutti. In teoria su questo esiste pieno consenso. Ma perché è così difficile fare passi avanti su istanze concrete come tempo a casa per i papà, un linguaggio rispettoso delle diversità di genere, piena parità per coppie gay e lesbiche, ecc.? Con Anna Heiss, direttrice del gruppo cabarettistico Dekadenz di Bressanone, Marina Della Rocca, antropologa, Cornelia Schöpf, regista e Markus Frei educatore, cercheremo di trovare delle strategie per sfuggire alla palude degli stereotipi, proveremo a dare un nome alle disuguaglianze e a immaginare nuovi scenari. Forse anche queste visioni che potranno trovare spazio in una rielaborazione della legge provinciale per le pari opportunità.
L‘8 marzo 2020 la Legge provinciale “Pari opportunità e per il sostegno delle donne” compie infatti 10 anni. In due incontri precedenti le Donne Verdi, insieme al Gruppo Verde in Consiglio provinciale, hanno iniziato a fare un bilancio e hanno raccolto proposte per migliorare e attualizzare la legge. A ottobre 2019 abbiamo parlato con Luisa Gnecchi, Michela Morandini, Silvia Vogliotti e Silvia Rier di donne e lavoro. A novembre il focus è invece caduto su donne e politica, di cui abbiamo discusso a Merano insieme a Madeleine Rohrer, Marialaura Lorenzini, Ulrike Oberhammer e Sepp Noggler.
Giovedì 30 gennaio 2020 alle ore 19 parleremo infine di Questioni di gender. A Bressanone, presso la Sala Adrian-Egger, insieme a Uli Spitaler (Moderazione), Markus Frei, Anna Heiss, Marina Della Rocca, Cornelia Schöpf e tutte le persone che vorranno contribuire alla discussione.

Uli Spitaler, Donne Verdi
Marlene Pernstich, Co-portavoce Verdi Grüne Vërc
Brigitte Foppa, Consigliera provinciale

COMUNICATO STAMPA

Nel 2020 la Provincia investirà 3,1 milioni nella cooperazione allo sviluppo. Questa la decisione presa oggi dalla Giunta provinciale. Il presidente Kompatscher ha parlato della lunga strada che la cooperazione internazionale ha percorso in Alto Adige. La cosa di cui invece non ha parlato, è quanto sia piccola la somma, da sfiorare il ridicolo, con cui la Provincia finanzia questo settore – o per meglio dire, sulle briciole che vengono lasciate a questo tema del bilancio miliardario del Sudtirolo.
E questo salta agli occhi soprattutto per un motivo: nel programma di governo sottoscritto nel 2018 da Svp e Lega e presentato in Consiglio provinciale da Kompatscher venivano assunti come propri i 17 obbiettivi dell’ONU per lo sviluppo sostenibile: “La Giunta provinciale – disse Kompastscher nel discorso di insediamento – punta a raggiungere gli obiettivi di sostenibilità fissati dalle Nazioni Unite (UN sustainable development goals). Per il perseguimento di tali obiettivi l’Alto Adige si assume responsabilità a livello sovraregionale e internazionale, mediante la partecipazione attiva a progetti di cooperazione e collaborazione allo sviluppo”.
Se però si leggono questi obiettivi Onu per lo sviluppo sostenibile viene da dubitare che la Giunta provinciale li prenda sul serio: l’impressione è che si tratti di vuote parole. Infatti l’ultimo punto degli Obiettivi Onu prevede che per raggiungere lo sviluppo sostenibile ogni paese sviluppato investa lo 0,7% del proprio prodotto interno lordo (PIL) nella cooperazione allo sviluppo, o almeno lo 0,2%. Gli scarsi 3,1 milioni messi a disposizione dalla Giunta per il 2020 rappresentano invece lo 0,013% del nostro PIL, che ammonta a circa 23 miliardi di euro.
E quel che è peggio: in quanto a finanziamenti, l’Alto Adige fa ogni anno un passo indietro. Nel 2016 e nel 2017 infatti la Provincia investì 4 milioni, nel 2018 sono diventati 3,5 milioni e ora si è scesi a 3,1 milioni.
Se l’Alto Adige volesse arrivare “almeno allo 0,2%” dovrebbe mettere a disposizione 46 milioni. “Noi Verdi abbiamo ripetuto più volte che giudicheremo il Presidente Kompatscher dai fatti, non dalle parole. E purtroppo siamo di nuovo delusi: chiacchierare di sviluppo sostenibile e praticarlo realmente restano per ora due universi separati” dichiara il consigliere Riccardo Dello Sbarba.
I Verdi hanno presentato in questa legislatura una proposta di legge sulla cooperazione internazionale affinché la Provincia si impegni seriamente in questo settore mettendo a disposizione i finanziamenti necessari.

Bolzano, 28.01.2020

Cons. prov.
Riccardo Dello Sbarba
Brigitte Foppa
Hanspeter Staffler

Le elezioni comunali in Emilia-Romagna e Calabria sono chiuse. Salvini aveva delineato questa tornata elettorale come un verdetto sulla coalizione di governo a Roma e quindi anche su sé stesso. L’eventuale sconfitta di Stefano Bonaccini in Emilia-Romagna, roccaforte storica del centro sinistra italiano, avrebbe probabilmente portato alla fine del governo Conte II.

Con buone azioni di governo, una campagna elettorale forte e la mobilitazione della società civile, la coalizione a sostegno di Bonaccini (compresi i nostri colleghi di Europa Verde) è riuscita a convincere la maggioranza delle cittadine e dei cittadini del valore di una politica buona, sostenibile, rivolta al futuro e soprattutto senza paura.

Noi Verdi Grüne Verc ci congratuliamo con Stefano Bonaccini per questo importante successo e gli auguriamo di continuare al meglio il suo mandato. Siamo molto felici anche per le centinaia di migliaia di persone che negli ultimi mesi sono scese in piazza per testimoniare un’Emilia Romagna aperta e tollerante. La vittoria è anche loro!
L’esempio dell’Emilia Romagna dimostra l’importanza della cooperazione e, soprattutto, della coesione delle forze moderate se si vuole contrastare efficacemente il populismo ottuso di Salvini e dei suoi.

In Calabria invece ha vinto come previsto la candidata di centro-destra Jole Santelli
Poco sorprendente è stato anche il risultato del Movimento 5 stelle. Sia in Calabria che in Emilia-Romagna i grillini hanno subito un drastico calo e sono quasi scomparsi.

Questa clamorosa perdita di potere e di consensi del partner di governo più forte a Roma avrà delle ripercussioni importanti nei prossimi mesi nella politica interna italiana. Così, nonostante le notizie positive dall’Emilia-Romagna, il risultato di queste elezioni non sembra essere in grado di tranquillizzare e stabilizzare la coalizione di governo e nuove elezioni non sembrano proprio escluse del tutto.

Felix von Wohlgemuth
Marlene Pernstich

INTERROGAZIONE SU TEMI SI ATTUALITA’.

Con la delibera n. 40 del 21.01.2020 la Giunta provinciale ha approvato il quadro di azioni prioritarie per Natura 2000 per il periodo 2021-2027 con finanziamenti pari a 66,4 milioni di euro. Tra le misure previste molte riguardano come naturale la tutela degli habitat. C’è tuttavia una voce che si riferisce a: “Prevenzione, mitigazione o compensazione di danni provocati da specie protette”. Nella consueta conferenza stampa la Giunta ha parlato esplicitamente di “danni provocati da grandi carnivori”, citando orso e soprattutto lupo. Su circa 9,4 milioni l’anno, per questa voce verranno investiti 3,6 milioni, pari al 38% delle risorse. La prevenzione e il risarcimento dei danni subiti dagli allevatori ad opera di orso e lupo sono misure molto positive, ci chiediamo però se è corretto investire a questo fine risorse destinate ai siti Natura 2000 previsti dalla direttiva Habitat.

Si chiede:

  1. La normativa riguardante i siti Natura 2000 consente di finanziare la “Prevenzione, mitigazione o compensazione di danni provocati da specie protette” come orso e lupo?
  2. Come motiva la Giunta una simile scelta sia scientificamente che giuridicamente?
  3.  I finanziamenti riguarderanno misure di prevenzione, mitigazione o compensazione prese nelle aree Natura 2000 o in tutto il territorio provinciale?
  4. Se i finanziamenti verranno distribuiti su tutto il territorio provinciale, su quale base giuridica potrà avvenire?

Bolzano, 24 gennaio 2020

Cons. prov.
Riccardo Dello Sbarba
Brigitte Foppa
Hanspeter Staffler

Qui potete scaricare la risposta della giunta.

INTERROGAZIONE SU TEMI SI ATTUALITA’.

Athesia ha accettato l’offerta di Retelit per Brennercom a un prezzo di circa 52 milioni, sulla base di una Enterprise Value di 65 milioni. Questo prezzo è 4 volte superiore alle valutazioni del 2016, quando Brennercom fu scissa in 2 rami, valutati della società Deloitte Italia, nominata dalla Provincia: Brennercom intera fu valutata 36,16 milioni, il 51,7% della Provincia 19,76 milioni (Infranet) e il 48,3% di Athesia 17,5 milioni (Brennercom).

Si chiede:

  1. E’ corretta l’informazione secondo cui nel 2016 il valore totale di Brennercom fu stimato a 36,16 milioni dalla società Deloitte Italia, nominata dalla Provincia, dei quali il 51,7% della Provincia a 19,76 milioni (Infranet) e il 48,3% di Athesia a 17,5 milioni (Brennercom)?
  2. Come avvenne esattamente la transazione tra i due soggetti al momento della realizzazione della scissione? Oltre al suo ramo di azienda la mano pubblica ricevette un conguaglio?
  3. Quanto ha investito la Provincia in Brennercom (considerando ogni genere di apporto di denaro alla società), dalla nascita delal scocietà fino alla al momento della scissione nel 2016?
  4. Come spiega la Provincia la differenza tra il valore stimato nel 2016 per il ramo Brennercom-Athesia e il prezzo a cui Brennercom verrà venduta nel 2020? Nel 2016 la società fu sottovalutata o la Provincia valorizzò male la sua partecipazione?

Bolzano, 23 gennaio 2020

Cons. prov.
Riccardo Dello Sbarba
Brigitte Foppa
Hanspeter Staffler

Qui potete scaricare la risposta della giunta.

INTERROGAZIONE
Rispondendo alla nostra interrogazione n. 535/19, il Presidente della Giunta ci ha informato che nell’areale dell’aeroporto ben 165.503 m2 (oltre 16,5 ettari) sono di proprietà della società ABD. Tali terreni, continuava la risposta, “sono destinati all’ampliamento del sedime aeroportuale e non possono essere distolti da tale destinazione. (…) La Giunta provinciale aveva disposto di trasferire le aree al Demanio pubblico del Ramo trasporti – Aviazione Civile tramite rogito notarile, alla condizione vincolante che tali aree venissero utilizzate solo per l’operatività dell’aeroporto di Bolzano. Tali aree verrebbero restituite alla Provincia Autonoma di Bolzano, qualora (…) vengano meno le condizioni tecnico od economiche per l’esercizio dell’attività aeroportuale inerente ai voli commerciali”.

Si chiede:

  1.  I 16,5 ettari di proprietà di ABD sono stati poi effettivamente demanializzati? Se sì, in quale data?
  2. Se non sono stati demanializzati, perché?
  3. Verranno comunque demanializzati e, se sì, in quali tempi?
  4. Oppure, essendo passata ABD ai privati, non verranno più demanializzati?
  5.  Nel caso non vengano demanializzati, di chi resterebbero in proprietà i terreni nel caso “vengano meno le condizioni tecnico od economiche per l’esercizio dell’attività aeroportuale inerente ai voli commerciali”?
  6. Nel caso invece che siano già stati, oppure vengano comunque demanializzati, restano le condizioni indicate nella risposta, cioè che tali aree sono vincolate all’attività di voli commerciali e ove ne vengano meno le condizioni esse sarebbero “restituite alla Provincia di Bolzano”?
  7. Oppure le condizioni sono cambiate, ed essendo ora i terreni di proprietà di ABD, ma ABD essendo di proprietà di privati, i terreni – nel caso vengano meno le condizioni per svolgere attività di voli commerciali – resterebbero di proprietà di ABD?
  8. Se le aree resterebbero (o tornerebbero) di proprietà di ABD anche nel caso che “vengano meno le condizioni tecnico od economiche per l’esercizio dell’attività aeroportuale inerente ai voli commerciali”, che uso ne potrebbe fare ABD?
  9. In particolare, ABD potrebbe/dovrebbe cederli a un eventuale nuovo gestore dell’aeroporto?
  10. Oppure ABD potrebbe/dovrebbe cederli alla Provincia tramite esproprio? E in questo caso la Provincia dovrebbe pagare ad ABD il prezzo di esproprio?

Bolzano, 22 gennaio 2020

Cons. prov.
Riccardo Dello Sbarba
Brigitte Foppa
Hanspeter Staffler

INTERROGAZIONE SU TEMI SI ATTUALITA’.

I privati che hanno acquistato ABD hanno preso l’impegno di “dare piena attuazione al Masterplan approvato nel 2012 ed alla base dell’istanza per l’affidamento della concessione ventennale presentata dalla Società nel 2011”. Quel Masterplan prevedeva un tempo di attuazione di 20 anni, l’allungamento della pista da m. 1296 a m. 1430 entro i primi due anni, l’obbiettivo di raggiungere entro il 5° anno i 214.000 passeggeri (il triplo di quanto mai raggiunto dall’aeroporto di Bolzano) e i 226.000 passeggeri al 20° anno. Il Masterplan prevedeva l’arco temporale 2013-2032, diviso in due decenni 2013-2022 e 2023-2032. E’ chiaro che quest’ultima periodizzazione va riformulata.

Si chiede:

  1.  Il Masterplan che i privati sono impegnati a realizzare ha ancora una validità di 20 anni?
  2.  Se sì, da quando cominciano i 20 anni di attuazione del Masterplan, e quando finiscono?
  3. Se invece la validità non è più di 20 anni, ma diversa, qual è l’arco temporale di attuazione del Masterplan e da quale anno a quale anno?

Bolzano, 22 gennaio 2020

Cons. prov.
Riccardo Dello Sbarba
Brigitte Foppa
Hanspeter Staffler

Qui potete scaricare la risposta della giunta.

Prima (il) Klima!