Home2019novembre

COMUNICATO STAMPA.

Nel corso del dibattito sulla riforma della Legge urbanistica “Territorio e paesaggio” il Consiglio provinciale ha approvato oggi l’emendamento verde per una rappresentanza di genere “equilibrata” nelle commissioni edilizie comunali (che in futuro si chiameranno Commissioni comunali per il territorio e il paesaggio). L’obbligo della rappresentanza di genere era stato inserito già durante i lavori in Commissione legislativa. Con l’inserimento nell’articolo 1 della parola “equilibrata” viene garantita così una rappresentanza femminile (o eventualmente maschile) nelle commissioni edilizie di almeno un terzo.
“È un segnale importante: non è possibile pianificare e gestire il territorio senza il punto di vista e la partecipazione delle donne” – commenta soddisfatta Brigitte Foppa, prima firmataria dell’emendamento. Il fronte delle donne e di tutti coloro che si schierano dalla parte dei diritti di tutte e tutti questa mattina ha portato a casa un bellissimo risultato per l’intera società.

BZ, 29.11.2019

Cons. prov.
Brigitte Foppa
Riccardo Dello Sbarba
Hanspeter Staffler

COMUNICATO STAMPA

Negli Stati Uniti, ormai da diversi anni, il Black Friday è diventato una festa dopo la festa: dopo il Giorno del ringraziamento, questo weekend dà il via agli acquisti natalizi e gli americani si precipitano nei negozi a caccia di occasioni. Da qualche anno il Black Friday è arrivato anche in Europa – soprattutto nel commercio online. Gli sconti spesso con percentuali a due cifre hanno lo scopo di attirare le/gli acquirenti. Non vogliamo entrare nel merito di quanto in questa “occasione” i prezzi siano davvero ridotti. Il Centro tutela consumatori tedesco (Stiftung Warentest) riporta infatti nella sua rivista mensile quanto sia difficile fare veri “affari” durante il Black Friday, quando le occasioni uniche e imperdibili vengono solo suggerite. In realtà – conferma la Stiftung Warentest – la maggior parte dei prodotti sono disponibili a prezzi più bassi in altri periodi dell’anno.

Con il Black Friday i giganti del commercio online creano un’occasione per incoraggiarci a comprare per il semplice atto dello “shopping” e non perché ci serve qualcosa. E anche in questo caso ci chiediamo: ne abbiamo davvero bisogno?
Banner pubblicitari con sconti lampeggianti e cartelli con date di scadenza dell’offerta mettono sotto pressione consumatrici e consumatori, che si sentono quasi obbligati all’acquisto. Per fortuna non tutti/e ci stanno.

In contemporanea al “Black Friday” si svolge anche il “Buy nothing day”. Con questa e altre campagne diverse organizzazioni cercano di persuadere le persone a sfuggire da questa brama d’acquisti.
Una pausa dal consumo offre anche l’opportunità di riflettere su modelli alternativi: molti oggetti e prodotti possono essere rinnovati o riparati, oppure comprati di seconda mano. E la prossima volta che teniamo in mano un acquisto, prima di andare verso la cassa, possiamo fermarci un momento per porci la domanda: “Ma ne ho davvero bisogno?

Il mondo e il nostro ben-essere ne trarranno vantaggio.

Bolzano 28/11/2019

Cons. prov.
Brigitte Foppa
Riccardo Dello Sbarba
Hanspeter Staffler

COMUNICATO STAMPA.

I corridoi umanitari sono il modo migliore e sicuro per aiutare e portare in salvo persone che scappano da guerre, persecuzioni, fame e condizioni disumane. Il Trentino lo sta già facendo con successo. Sono ormai 60 le persone che grazie alla collaborazione tra Provincia autonoma di Trento e Diocesi hanno trovato rifugio e speranza in Trentino.
La Provincia autonoma di Bolzano ha tutte le carte in regola per seguire l’esempio e avviare un proprio corridoio umanitario, per portare in salvo donne, uomini, bambini che dopo vere e proprie odissee, troppo spesso restano bloccati in campi profughi o lager dall’altra parte del Mediterraneo.
Per un solo voto il Consiglio provinciale ha bocciato la nostra proposta. Cogliendo una proposta dell’Assessora Deeg, ripresenteremo più là un’altra proposta su questo tema, invitando tutte le istituzioni preposte all’accoglienza di richiedenti asilo (Europa, Stato Italiano e Provincia autonoma di Bolzano) a farsi carico delle proprie responsabilità.

BZ, 28.11.2019

Cons. prov.
Riccardo Dello Sbarba
Brigitte Foppa
Hanspeter Staffler

Dal 1999 il 25 novembre è ufficialmente la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Dal 23 novembre al 10 dicembre (Giornata internazionale per i diritti umani) governi e società civili di tutto il mondo dedicano particolare attenzione e impegno ad attività di sensibilizzazione su questo tema.

Secondo l’indagine dell’ASTAT del 2018, per il 64% delle donne che in Alto Adige/Südtirol chiedono aiuto ai centri d’ascolto antiviolenza e alle case-donna il maltrattatore è il marito o il convivente. E per il 20% dei casi il pericolo arriva dall’ex partner. Rari sono invece i casi in cui il maltrattatore è uno sconosciuto (2%). Tra le forme di violenza subite, spesso presenti in più modalità contemporaneamente, le più frequenti sono la violenza psicologica e quella fisica.

La violenza contro le donne riguarda l’intera società. Questo è emerso chiaro durante l’audizione della 4° commissione tenutasi questa mattina insieme alle associazioni attive nelle case per le donne e nei centri d’ascolto. È un tema di attualità sconvolgente che riguarda non solo le donne, ma anche i bambini che alla violenza assistono, è una questione intergenerazionale e sociale. “Ci vuole vigilanza da parte di tutta la società – commenta Brigitte Foppa – altrimenti la catena della violenza non si spezzerà mai”.

Bolzano, 25/11/2019

Cons. prov.

Brigitte Foppa
Riccardo Dello Sbarba
Hanspeter Staffler

Nella consultazione popolare sul tram il NO vince chiaramente.
Prendiamo atto della volontà della cittadinanza così esplicitamente espressa. Era un progetto in cui credevamo. Secondo noi era  una delle soluzioni migliori ed ecologiche alle problematiche del traffico che attanagliano Bolzano. Era la scelta del futuro, come testimoniano anche i tanti giovani che si sono impegnati per il tram nel segno della lotta al cambiamento climatico. Ma la scelta della cittadinanza è stata un’altra. Per noi un chiaro incarico di andare avanti sulla strada della mobilità sostenibile, in altro modo. Parleremo ancora con i cittadini per sentire le loro proposte. La nostra politica parte dalle persone. Per loro e con loro continueremo a lavorare.

Verdi di Bolzano 

Verdi Grüne Vërc

COMUNICATO STAMPA.

Le quote rosa sono come lo sciroppo per la tosse. Va preso finché si è ammalati, con l’obiettivo però di smettere non appena la tosse è passata – commenta la moderatrice Brigitte Foppa durante il secondo incontro di riflessione sulla legge per le pari opportunità. Venerdi sera a Merano si è parlato in particolare di donne in politica e di quote rosa.
Nel 2020 infatti la legge per le pari opportunità compie 10 anni. È un’occasione da celebrare come si deve, ma anche da cogliere per fare un bilancio sul passato e guardare al futuro. La serata di Merano è stata un altro passo in questa direzione: insieme a Ulrike Oberhammer, Marialaura Lorenzini, Madeleine Rohrer e Sepp Noggler abbiamo parlato di donne in politica.
Tra i partecipanti c’erano rappresentate tutte le posizioni: chi era a favore delle quote, chi contro, chi si è convinto col tempo della loro utilità.
Tutte e tutti hanno così potuto portare la loro esperienza personale e in uno scambio avvincente. Si è parlato di piccoli comuni e della difficoltà a trovare persone che si impegnino in politica. Se poi bisogna pure cercare delle donne la ricerca diventa ancora più difficile. Ma ci si può ancora permettere che le decisioni sul territorio vengano prese senza una rappresentanza del 50% della popolazione? Perché in Alto Adige si accetta senza batter ciglio il sistema della proporzionale, mentre le quote rosa vengono viste solo come un ostacolo? E perché le donne non vogliono entrare in politica? Gli attacchi che dovrebbero sostenere fanno così paura? Sono davvero così sensibili?
La serata è stata davvero troppo breve per trovare a tutto una risposta o una soluzione. Ma tanti sono stati gli spunti di riflessione, uno fra tutti: non è vero che le donne devono cambiare per ottenere un posto in politica. Il vero problema è un altro: cosa c’è che non va in una politica in cui le donne non vogliono partecipare?
Dobbiamo iniziare da qui e noi non molliamo!

Bolzano, 23/11/2019

Per le Donne Verdi
Uli Spitaler
Silvia Rier

PRESSEMITTEILUNG

Die 2. Gesetzgebungskommission im Regionalrat hat heute das Stabilitätsgesetz 2020 und das Begleitgesetz behandelt.

Die Grünen habe die darin enthaltene Digitalisierung des Grundbuches gutgeheißen, weil das Grundbuch bisher gute Arbeit im Umstieg auf digitale Verwaltung gemacht hat und weil diese Entwicklung unterstützenswert ist. Auch die Neuregelung der Aufsicht über die genossenschaftlichen Körperschaften ist in Ordnung, weil sie die Eigenständigkeit der Südtiroler Raiffeisenkassen regelt (Art. 1 und 2).

Die Abschaffung der Stadtviertelräte von Bozen, wie im Art. 3 vorgeschlagen, wurde von den Grünen hingegen entschieden abgelehnt. Schon die Vorgehensweise, die zu diesem Artikel geführt hat, ist verwerflich: Über die Köpfe aller Beteiligten hinweg wurde dieser Artikel eingeschleust. Auch der Änderungsantrag der SVP – der ein Kompromiss sein kann – wird von uns abgelehnt, weil er weder mit der politischen Mehrheit noch mit der Stadtregierung der Gemeinde Bozen abgesprochen wurde.
Die Mehrheit lehnte ihrerseits unseren Streichungsantrag zum Artikel 3 ab und genehmigte den Änderungsantrag der SVP. Was beim Kompromissvorschlag der SVP gar nicht geht, ist die Abschaffung der Sitzungsgelder für die Stadtviertelräte. Partizipation darf etwas kosten. Mit dieser Regelung werden die Stadtviertelräte aber ausgehungert.
Über die Modalitäten der demokratischen Partizipation in Bozen soll der Gemeinderat selbst transparent diskutieren und eigenständig entscheiden.

Daher haben wir gegen das Gesetz gestimmt – obwohl wir die Regelungen für die Gemeindeverwalter und für genossenschaftlichen Körperschaften durchaus mittragen hätten können.

Bozen, 22.11.2019

Regionalratsabg.
Hanspeter Staffler
Riccardo Dello Sbarba
Brigitte Foppa

COMUNICATO STAMPA.

La 2a commissione in Consiglio regionale ha trattato oggi le Leggi regionali di stabilità 2020 e la legge collegata.

I Verdi hanno detto sì a una ulteriore digitalizzazione del libro fondiario qui prevista, perché i risultati sono buoni e perché questo tipo di sviluppo è da sostenere. Hanno detto sì anche alla nuova norma sul controllo sugli enti cooperativi, perché regola l’autonomia della Cassa rurale dell’Alto Adige. (Articoli 1 e 2).

I Verdi hanno invece detto convintamente No all’eliminazione delle circoscrizioni di Bolzano (art. 3). Rifiutiamo con fermezza la modalità con cui la maggioranza ha deciso di procedere: è inaccettabile che un articolo di questo tipo venga inserito di nascosto, bypassando tutti i diretti interessati. Rifiutiamo anche l’emendamento della SVP – che può essere un compromesso – perché non è stato concertato né con la maggioranza politica, né con la giunta del Comune di Bolzano.
La maggioranza ha bocciato il nostro emendamento per lo stralcio dell’articolo 3 e ha invece approvato quello della SVP. Quello che non possiamo accettare della proposta della SVP è l’eliminazione del gettone di presenza per i consiglieri delle circoscrizioni. La partecipazione costa e con questo provvedimento non si incentiva certo la partecipazione alla politica.
Sulle modalità della partecipazione democratica a Bolzano è competenza e responsabilità del Consiglio comunale discutere in maniera trasparente e decidere liberamente.

Perciò abbiamo votato contro la legge, anche se avremmo potuto sostenere le nuove norme per gli amministratori comunali e per gli enti cooperativi.

Bolzano, 22/11/2019

Cons. regionali
Hanspeter Staffler
Riccardo Dello Sbarba
Brigitte Foppa

Domenica le cittadine e i cittadini di Bolzano (a partire dai 16 anni!) voteranno sulla possibilità di avere un tram.
Come Gruppo Verde in Consiglio provinciale sosteniamo con convinzione il „Sì“. Da molti anni i Verdi lottano per realizzare nelle città sistemi di trasporto su binari, naturalmente anche a Bolzano. Già nel piano mobilità del 2010 era stato previsto un sistema di tram che fino a oggi però non è mai stato realizzato per motivi finanziari.
Ora invece è possibile. Per il nostro capoluogo ne deriverebbero molti vantaggi. Ce lo dimostrano tutte quelle città in cui negli ultimi anni è stata realizzata o rinnovata una rete tramviaria. La qualità di vita è migliorata ovunque, spostarsi in città è diventato più comodo, i quartieri sono stati riqualificati.
Si sa che le linee tramviarie moderne aumentano il numero di utenti del 50-100%. Il tram si muove a trazione elettrica ed è quindi più silenzioso e povero di emissioni. Per le persone che si muovono in città il tram è comodo, senza barriere ed è sicuro. Con il tram, code e ricerca di parcheggio non sono più un problema. I quartieri sono collegati meglio – inoltre vediamo il tram di Bolzano come un primo passo verso un sistema di trasporto pubblico moderno per tutta l’area limitrofa, soprattutto Bolzano-Oltradige.
Come consiglieri e consigliera provinciali ringraziamo di cuore la nostra assessora e i Verdi bolzanini che si sono impegnati con grande entusiasmo e passione per questo sistema di trasporto sostenibile e rivolto al futuro.
E incitiamo tutte/i le/i Verdi, elettori, elettrici e simpatizzanti, domenica 24/11/2019 ad andare a votare SÌ.

Bolzano, 22.11.2019

Cons. prov.
Brigitte Foppa
Riccardo Dello Sbarba
Hanspeter Staffler

COMUNICATO STAMPA.

Troppe norme del DdLp 38/19, in aula la prossima settimana, sono frutto delle pressioni di interessi personali e di lobby, soprattutto nelle aree turistiche, mentre restano irrisolti temi essenziali di interesse generale, come l’edilizia agevolata.
Nel luglio 2018, quando fu approvata la nuova legge “Territorio e paesaggio”, dicemmo che presto la Giunta provinciale ci avrebbe rimesso le mani; che erano previsti troppi regolamenti di attuazione; che i comuni non erano stati preparati per le nuove competenze.
Tutto si è avverato: questo disegno di legge n. 38/19 modifica quasi 50 articoli della legge “Territorio e paesaggio” e sposta di altri 6 mesi la sua entrata in vigore visto che non sono pronti né i comuni né la Giunta provinciale, che in un anno e mezzo ha approvato solo 6 dei 26 regolamenti di attuazione necessari.
La legge che governa lo sviluppo del territorio non può essere bistrattata in questo modo!

In aula, con i nostri oltre 30 emendamenti, proporremo:

  • Basta articoli ad personam! Va cancellata la norma (art. 33, c.6 e art. 34 ) che cambia le regole a posteriori per avvantaggiare i soliti noti (e i loro avvocati).
  • Alloggi vincolati per residenti: sbagliato consentirne l’affitto a turisti! Ci si è già pentiti di questa misura presentata nel 2018 come soluzione contro il caro-casa nelle aree turistiche? (art. 2-bis, 8, 9 e 10).
  • Il diritto alla casa non va indebolito. Serve la nuova legge per l’edilizia sociale e agevolata (art. 2 ter, oltre che 2 bis, 8 e 10).
  • La rappresentanza di genere nelle commissioni comunali deve essere “adeguata”. Primo passo in commissione grazie a un nostro emendamento (art. 01).
  • Finanziamenti ai comuni tramite oneri e sanzioni: non vanno ridotti a tutto vantaggio di costruttori e Provincia (art. 26, 27 e 39).
  • Le “bagatelle” senza autorizzazione paesaggistica sono pericolose per paesaggio e biodiversità. Attenzione alle cave e all’ulteriore ampliamento di zone produttive in presenza di capannoni vuoti (art. 5, 6, 13, 16, 23, 33, 39).
  • Tutela degli insiemi: Incentiviamo i comuni a fare la loro parte (art. 13 e 16).
  • Posti letto nel turismo: reintroduciamo un limite massimo, il rischio bolla è dietro l’angolo (art. 7).

Qui potete scaricare la Relazione di minoranza sul DdLp completa.

Bolzano, 21/11/2019

Riccardo Dello Sbarba
Brigitte Foppa
Hanspeter Staffler