HomeBuon climaGestione dell’aeroporto dopo il parere dell’Anticorruzione

Gestione dell’aeroporto dopo il parere dell’Anticorruzione

INTERROGAZIONE.

Con delibera n. 494 del 10 giugno 2020 l’Autorità Nazionale Anti Corruzione (ANAC) ha stabilito che “l’ingresso del socio privato nella compagine societaria per effetto dell’acquisizione dell’intero pacchetto azionario determina di fatto una modifica del profilo soggettivo del titolare della concessione della società già gestita dalla mano pubblica”. La conseguenza è che l’acquisizione da parte del privato del 100% delle azioni ABD non comporta automaticamente il trasferimento della concessione per la gestione dell’aeroporto stesso. In particolare, ci sembra di poter dedurre dalla delibera ANAC che per “concessione” si intende tutto ciò che è correlato con la gestione dell’aeroporto sia attuale (la “gestione a titolo precario per anticipata occupazione”, svolta oltretutto in regime di proroga) che futura (la domanda per la gestione totale presentata da ABD pubblica nel 1999, per la quale ENAC aveva già autorizzato il Direttore Generale alla firma della preventiva convenzione, firma poi mai apposta da ABD).

Tutto ciò considerato, Si chiede:

  1. Quali effetti concreti, e in quali tempi, ha la delibera 494/2020 di ANAC? Quali conseguenze ne trae la Provincia? Adesso la Provincia è obbligata a fare qualcosa? E come intende farlo?
  2. È ancora valida la procedura con la quale la Provincia ha ceduto al socio privato il 100% della propria partecipazione in ABD? Se sì, perché? Se no, che deve fare la Provincia adesso?
  3. È ancora valida per la ABD in mano al socio privato la “gestione a titolo precario per anticipata occupazione” rilasciata a suo tempo alla ABD pubblica? Se sì, in base a quali normative?
  4. Se invece tale “gestione a titolo precario” non è trasmissibile automaticamente dalla ABD in mano pubblica alla ABD in mano privata, a che titolo, da chi e per quali attività può essere legittimamente gestito l’aeroporto di Bolzano?
  5. Se non può essere gestito dall’attuale gestore, cioè da ABD privata, poiché non più titolare della “gestione a titolo precario”, chi e come deve muoversi per garantire una gestione legittima (considerando anche tutte le responsabilità che comporta una gestione aeroportuale)?
  6. La ABD in mano al socio privato è ancora titolare della domanda per la gestione totale presentata da ABD pubblica nel 1999, per la quale ENAC aveva già autorizzato il Direttore Generale alla firma della relativa convenzione (mai firmata finora)? Se sì, in base a quali norme?
  7. Se invece la ABD in mano al socio privato NON è Più titolare della domanda per la gestione totale presentata da ABD pubblica nel 1999, che cosa deve accadere adesso per l’assegnazione della citata “gestone totale” che può durare fino a 40 anni? Deve essere indetta una gara pubblica per assegnarla? E chi è il soggetto che indice la gara, giudica le offerte e assegna la concessione?
  8. In quali tempi deve avvenire la procedura di cui al punto precedente?

Bolzano, 06.07.2020

Cons. prov.
Riccardo Dello Sbarba
Brigitte Foppa
Hanspeter Staffler

Avatar

Author: Heidi

TAGS:
Appalti pubblici “
Frana presso il Rifu
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

Prima (il) Klima!