DE IT
HomeDemocraziaAdeguamenti in materia di democrazia diretta e partecipazione

Adeguamenti in materia di democrazia diretta e partecipazione

Disegno di legge provinciale n. 43/19.

Adeguamenti in materia di democrazia diretta e partecipazione. Modifica della legge provinciale 3 dicembre 2018, n. 22, “Democrazia diretta, partecipazione e formazione politica”, e della legge provinciale 8 febbraio 2010, n. 4, “Istituzione e disciplina del Consiglio dei Comuni”

Nel luglio 2018 il Consiglio provinciale ha trattato il disegno di legge n. 134/17-XV, “Democrazia diretta, partecipazione e formazione politica”, presentato dai conss. Amhof, Foppa e Noggler. Il disegno di legge è stato preceduto da una fase preparatoria pluriennale e da un processo partecipativo, quindi elaborato da un gruppo di lavoro della I commissione legislativa, e approvato dal Consiglio provinciale il 25 luglio 2018 con 22 voti favorevoli, 6 voti contrari e 4 astensioni.

Il disegno di legge è stato oggetto di un dibattito molto teso, e in sede di esame ha anche subito tutta una serie di modifiche e soppressioni.

Dopo il dibattito è emerso chiaramente che il testo abbisognava ancora di correzioni di natura legistica.

I principali punti critici riguardano la commissione dei giudici, le scadenze, la chiara definizione delle/degli aventi diritto al voto e la norma finanziaria.

Il presente disegno di legge corregge queste criticità.

Le disposizioni hanno effetto anche sulla legge che disciplina organizzazione e funzionamento del Consiglio dei Comuni. Pertanto il presente disegno di legge introduce, al capo II, anche le modifiche necessarie in tale ambito.

Così la presentatrice spera di rendere meglio applicabili le disposizioni in una materia così importante come quella della democrazia diretta e della partecipazione, e di migliorare la vita democratica in questa provincia.

 

Bozen, 06.12.2019

Cons. prov.
Brigitte Foppa

 

Qui potete scaricare il DdL completo e il parere del Consiglio dei Comuni.

Avatar

Author: Heidi

Un bel po‘ contrad
Marlene Pernstich e
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO