Home2021Luglio

COMUNICATO STAMPA

In diverse città europee si affrontano le temperature estive sempre più calde cercando di rendere più freschi gli spazi pubblici. Anche in Alto Adige ci attrezzeremo in questo senso. Il Consiglio provinciale ha accolto ieri l’ordine del giorno alla legge di assestamento di bilancio presentato dai Verdi “Estati bollenti – piazze più fresche”. La mozione impegna la Giunta a lanciare un progetto, in collaborazione con i Comuni, di trasformazione di piazze e luoghi particolarmente assolati, ricoperti di cemento e pietra, in piazze e luoghi più freschi grazie all’aggiunta di piante, fiori, fontane e nebulizzatori d’acqua, partendo dalla Piazza simbolo dell’amministrazione provinciale: Piazza Silvius Magnago. Altre città, come Vienna ci hanno già pensato. Basta prendere esempio da loro.

“Anche queste apparentemente piccole misure sono decisive per migliorare la qualità della vita nelle nostre città, soprattutto nei periodi estivi quando le temperature diventano sempre più torride” commenta soddisfatta la prima firmataria Brigitte Foppa.

Bozen, 29/7/2021

Cons. prov.

Brigitte Foppa
Riccardo Dello Sbarba
Hanspeter Staffler

 

COMUNICATO STAMPA.

Alla fine di luglio, è di nuovo quel periodo dell’anno, quando la Giunta suddivide tra i vari assessorati e le varie ripartizioni i fondi del bilancio di assestamento. Prima, però, la Giunta deve esaminare le entrate fiscali e approvare le nuove spese con una legge di assestamento del bilancio di previsione. Solo dopo l’entrata in vigore di questa legge, le assessore e gli assessori possono usufruire di questi fondi, che quest’anno dovrebbero essere inferiori rispetto al solito.

In Consiglio provinciale, le consigliere e i consiglieri vogliono sapere quali assessorati ricevono somme particolarmente generose e quali invece somme particolarmente scarse. In anni normali, queste informazioni potrebbero essere facilmente ricavate e verificate dalle tabelle di bilancio. Quest’anno però le cose sembrano un po’ diverse: il bilancio di assestamento non indirizza quasi nessuna somma ai capitoli delle varie ripartizioni ma tutto va a finire nel “fondo di riserva”. Di solito in questo fondo vengono riposti circa 100 milioni di Euro, ora invece vi troviamo già più di un miliardo di Euro.

Dall’inizio della pandemia, la Giunta ha preso l’abitudine di dotare questo fondo di riserva con somme sempre più generose. Nel primo pacchetto di aiuti per l’emergenza covid dell’aprile 2020, nel fondo di riserva sono stati messi 300 milioni; nel secondo pacchetto di aiuti del marzo 2021 più di 500 milioni, e con questo ultimo assestamento di bilancio, sono stati aggiunti quasi 500 milioni di Euro. In questo modo oltre un miliardo di Euro è praticamente a libera disposizione della Giunta.

Il fondo di riserva è la “cassa” che la Giunta può usare per coprire costi imprevisti senza dover consultare prima il Consiglio provinciale. Ora, però, questo fondo è passato da 100 milioni a più di un miliardo di Euro. Un miliardo di Euro è il 15 per cento del bilancio, e in questo modo la Giunta può spenderlo come crede, senza nessun controllo. Le consigliere e i consiglieri provinciali possono vedere solo a cose fatte dove sono stati destinati questi fondi. A quel punto, però, è troppo tardi per le correzioni politiche, perché il denaro è già in circolazione.

“Questa pratica dovrebbe essere fermata al più presto”, sostiene Hanspeter Staffler. La crisi dovuta al covid non è ancora finita, ma è comunque necessario tornare a una normale gestione del bilancio. I soldi del bilancio di assestamento devono essere distribuiti alle varie ripartizioni sotto l’occhio vigile del Consiglio provinciale e il fondo di riserva non deve contenere più di 100 milioni di Euro, così come accadeva prima della pandemia. Questo significa meno soldi nel fondo di riserva e più trasparenza nei flussi di denaro.

Bolzano/Bozen, 28/7/2021
Cons. Prov.
Hanspeter Staffler
Brigitte Foppa
Riccardo Dello Sbarba

MOZIONE.

L’orticoltura e il giardinaggio sono ormai di moda. A lungo considerati solo un piacevole passatempo per anziani (pensiamo agli orti urbani, noti anche come orti di Schreber), ora se ne percepisce e apprezza sempre più la dimensione economica, ecologica, sociale e psicologica.

L’orticoltura esiste fin dalla preistoria: seminare, piantare, coltivare e raccoglierne i frutti per il proprio nutrimento è un’attività di tradizione antichissima, con ramificazioni culturali assai diverse.
Ora, dopo decenni di crescente industrializzazione – anche in agricoltura e nella coltivazione delle piante, con tutto ciò che comporta – l’orticoltura sta acquisendo un nuovo significato.

Tale significato va ben oltre la problematica dell’alimentazione, ma inizia da lì. In tutto il mondo l’80% degli alimenti non è prodotto dall’agricoltura industrializzata, ma da piccoli coltivatori e coltivatrici (FAO 2014). E in tutto il mondo, l’orto e l’agricoltura sono due realtà imprescindibili tra loro. Inoltre, gli orti garantiscono un minimo di cibo nelle città del sud del mondo, che spesso ne sono carenti. In Europa il movimento dei giardini dà importanza al rapporto delle persone – spesso giovani – con la terra e il suolo, soprattutto nei contesti urbani. Ne nasce una nuova consapevolezza, per effetto della quale in molte città e piccole località dell’Europa aree grandi e piccole sono state trasformate in giardini e orti, comunitari o individuali. Coltivando gli ortaggi, studenti, anziani e famiglie contribuiscono al proprio sostentamento.

Orti e giardini sono importanti fattori per la salute e l’integrazione sociale. Lavorarvi fa bene al corpo, alla mente e alla psiche. Hanno un effetto terapeutico e sono utilizzati in psichiatria, in pedagogia e nella formazione rivolta agli anziani. Gli orti e i giardini comunitari si sono dimostrati validi strumenti per (re)integrare le persone nella società. Negli orti e giardini interculturali s’incontrano non solo orticolture ma anche culture diverse.

Queste aree verdi hanno grande importanza anche per la protezione del clima e dell’ambiente, per l’ecologia e la sostenibilità.

I terreni sono il maggiore “serbatoio” terrestre di carbonio. La materia organica del suolo è importante non solo per la fertilità del terreno ma anche per il cambiamento climatico, perché essa determina l’immagazzinamento e il rilascio dei gas serra. I piccoli orti e giardini sono i più efficaci serbatoi di CO2. Il progetto di ricerca NatKoS dell’Università Humboldt ha esaminato l’accumulo
del gas serra biossido di carbonio (CO2) nell’humus e il relativo potenziale per la protezione del clima. È stato dimostrato che l’humus si lega al carbonio meglio di altre sostanze. L’arricchimento sistematico dell’humus in seguito ad attività di orticoltura o di giardinaggio, con grande e permanente apporto di materia organica, aumenta le quantità di humus.

In tempi di estinzione delle specie e d’impermeabilizzazione del suolo, orti e giardini sono importanti fattori per la biodiversità e l’ecodiversità. La crescente cementificazione ha spinto la flora e la fauna sempre più ai margini. Sono stati così creati confini artificiali, che interrompono importanti collegamenti tra gli habitat naturali di piante e animali selvatici. Nuovi habitat come orti e giardini possono costituire dei ponti essenziali, collegando fra loro queste “isole”. In tal modo si aiutano non solo gli animali, ma anche le specie vegetali in via di estinzione. Orti e giardini
seminaturali costituiscono luoghi di alimentazione, nidificazione e riposo per insetti, uccelli, piccoli mammiferi e rettili.

Dopo tutto, orti e giardini sono anche luoghi di scambio culturale, di compagnia, di trasmissione di conoscenze e tradizioni, di conservazione dei semi – e luoghi di bellezza.

In Alto Adige la gente è consapevole da lungo tempo del valore di questi luoghi. Le contadine, sempre un po’ più avanti dei propri tempi, già da anni pongono l’argomento in primo piano nei loro
programmi; tengono corsi, si aggiornano e sviluppano progetti.

Inoltre, da maggio 2015, la Provincia autonoma di Bolzano è partner di “Natur im Garten” (Natura nell’orto/nel giardino), una rete della Bassa Austria che si propone di ecologizzare orti, giardini e spazi verdi privati puntando sulla loro progettazione e cura senza pesticidi, fertilizzanti chimico-sintetici né torba, e di preservare la biodiversità servendosi di piante autoctone ed ecologicamente utili.

L’istituzione e la diffusione in Alto Adige della rete “Natur im Garten” sono state affidate al Centro di sperimentazione agraria e forestale Laimburg, che in futuro sarà anche l’organismo di certificazione per gli orti e i giardini altoatesini.

Questa lodevole iniziativa potrebbe essere ampliata e potenziata alla luce della considerazione positiva di cui godono orti e giardini anche e soprattutto in tempi di pandemia.

Un interessante esempio di promozione di tali attività è l’iniziativa “Tausende Gärten – Tausende Arten” (Mille giardini e orti, mille specie), lanciata dal governo federale tedesco nel 2019. In base
alla considerazione che “orti, giardini, balconi, spazi aperti e verdi costituiscono un immenso potenziale di biodiversità”, l’obiettivo dichiarato è “appassionare, nell’intero Paese, cittadine e cittadini a una maggiore biodiversità negli orti e giardini privati nonché negli spazi urbani aperti e verdi; inoltre promuovere l’allestimento seminaturale di tali spazi in collaborazione con vivai e aziende di sementi.” Il progetto prevede una piattaforma online per lo scambio d’informazioni, la diffusione di sementi e piante selvatiche regionali e un’opera di sensibilizzazione generale mediante la promozione delle buone pratiche.

Questo per quanto riguarda l’iniziativa in Germania. In Alto Adige, la promozione dell’orticoltura e del giardinaggio può essere estesa a diversi livelli nel quadro della strategia provinciale per la sostenibilità. Sono necessarie misure di sensibilizzazione, di formazione e informazione, progetti pilota, un sostegno finanziario e un ancoraggio giuridico.

Per questi motivi, il Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano incarica la Giunta provinciale:

  1. d’istituire una piattaforma online per creare una rete attiva di attori e di conoscenze affinché le persone interessate ricevano suggerimenti e informazioni comunicando con esperte/esperti in
    materia di orti e giardini naturali;
  2.  di cercare di realizzare nuovi orti e giardini, sia individuali/privati che comunitari, in aree sia urbane che rurali, offrendo assistenza ai nuovi orticoltori e orticoltrici, giardinieri e giardiniere;
  3. di coinvolgere e promuovere aziende di sementi, vivai e rivenditori del settore al fine di produrre e distribuire sementi di piante regionali e selvatiche;
  4. di diffondere nell’opinione pubblica le conoscenze su orti e giardini seminaturali e ad alta biodiversità: con materiali informativi, pacchetti di piante, cortometraggi, blog, iniziative e seminari, suscitare interesse per orti e giardini seminaturali e assistere i proprietari e le proprietarie nel riorganizzarli per aumentarne la biodiversità;
  5. di promuovere sistematicamente orti e giardini scolastici, terapeutici, per anziani, per alberghi e d’altro tipo per usi specifici;
  6. di premiare a intervalli regolari orti e giardini seminaturali esemplari;
  7. di prevedere possibilità di incentivazione di orti e giardini nei regolamenti di esecuzione alla legge provinciale “Territorio e paesaggio”.

BZ, 27.07.2021

Consiglieri provinciali

Brigitte Foppa
Riccardo Dello Sbarba
Hanspeter Staffler

ANFRAGE ZUR AKTUELLEN FRAGESTUNDE.

Die Umfahrungsstraße in Neumarkt stellt wegen der Lärmbelastung seit Langem ein Problem für die Anrainer:innen dar. Vom Lärm an der Straße sind ca. 110 Familien betroffen.
Ein Komitee hatte schon vor Jahren Unterschriften von BürgerInnen gesammelt, die die Errichtung von Lärmschutzwänden fordern. Am 21.11.2013 wurde ein Abstimmungsdokument des Bürgermeisters angenommen, das ihn verpflichtete, beim zuständigen Landesrat zu intervenieren, auf dass die Lärmschutzwände 2014 (!) errichtet werden. Landesrat Mussner war in der Folge zu einem Lokalaugenschein nach Neumarkt gekommen, um sich ein Bild (bzw. einen Ton) von der Situation zu machen. Er versprach einzugreifen. Ein kleiner Teil der Straße wurde abgeschirmt, aber der Großteil der Anrainer:innen leidet weiter.

In dieser Angelegenheit richten wir folgende Frage an die Südtiroler Landesregierung:

1. Ist der zuständige Landesrat über die Sachlage informiert?
2. Wurden an der Straße, im Bereich der Wohnzone „Gänsplätzen“, seit 2015 Lärmmessungen durchgeführt?
3. Falls ja, welche Ergebnisse wurden ermittelt? Falls nein, warum nicht?
4. Welche Absichten hat die Landeregierung im Hinblick auf die Bedürfnisse der BürgerInnen?

BZ, 27.07.2021

Landtagsabgeordnete
Brigitte Foppa
Riccardo Dello Sbarba
Hanspeter Staffler

COMUNICATO STAMPA

Le attiviste e gli attivisti si battono per il clima il venerdì, la Giunta ogni giorno. Questo è il messaggio – forse di buone intenzioni ma infine piuttosto saccente – del documento strategico per lo sviluppo sostenibile approvato dalla Giunta provinciale e presentato in grande stile venerdì scorso in una lunga conferenza stampa.

Tutte le assessore e tutti gli assessori provinciali si sono riuniti per celebrare la fiera della sostenibilità insieme al Presidente Kompatscher. Un atto lodevole. Mettere in atto gli obiettivi dell’ONU sulla sostenibilità in Alto Adige è un obiettivo grande ed importante. L’ambientazione era giusta, la messa in scena anche, ma l’attesa di gesti veri sulla sostenibilità dura davvero da troppo tempo.

Sostenibilità e tutela del clima dovevano essere la stella polare verso cui avrebbe dovuto orientarsi la legislatura Kompatscher II in coalizione con la Lega-Salvini. Quasi due anni fa, era stato annunciato, in seguito al ritiro strategico della Giunta provinciale, che tutte le leggi sarebbero state verificate secondo la compatibilità climatica. Noi in Consiglio provinciale non abbiamo visto l’ombra di tutto ciò.

Così anche il documento strategico, confezionato in un look marron-sostenibile, sembra essere più una lista di desideri piuttosto che un’istruzione concreta su come affrontare la sfida.

L’unica misura inequivocabile è infatti la “revisione attuale del Piano clima 2050”. Di grande attualità! L’edizione attuale è ancora blasonata con il ritratto dell’ex Presidente Luis Durnwalder e risale al 2011, opera dell’allora assessore Michl Laimer. Per un riscaldamento globale che ci lascia solo pochi anni di tempo per agire, questi sono non sono anni, ma ere di occasioni perse.

Quindi: è molto apprezzabile che la Giunta Provinciale faccia una chiara dichiarazione di adesione agli obiettivi sulla sostenibilità delle Nazioni Unite.

La Giunta deve anche lasciarsi giudicare rispetto alle cose fatte finora. Traffico aereo, nuove strade per le Olimpiadi 2026, giravolta sulle limitazioni del traffico sui passi dolomitici, mancata svolta ecologica nell’agricoltura – questi sono solo alcuni esempi che portano a dubitare quanto lo slogan dell’attenzione alle future generazioni sia davvero pensato fino in fondo.

Ci aspettiamo che i ben formulati obiettivi del documento portino a chiare indicazioni sul da farsi. Senza un piano d’azione anche le più belle dichiarazioni d’intenti restano lettera morta. E questo, sulla questione climatica, sarebbe fatale.

Bolzano, 26/07/2021

Cons. prov.

Brigitte Foppa
Riccardo Dello Sbarba
Hanspeter Staffler

Ordine del giorno al disegno di legge 88/21-XVI

Le estati diventano sempre più calde e soprattutto nelle città il bisogno di acqua e di luoghi dove rinfrescarsi diventa sempre più urgente. Le nostre città hanno già molti parchi e luoghi ombreggiati dove poter sostare, ma per adattarsi al cambiamento climatico e mitizzare le temperature estreme dei giorni più caldi non sono mai sufficienti. E ci sono anche piazze completamente esposte al sole, ricoperte di cemento, in cui in buona parte della giornata è quasi impossibile passare.

Nelle nostre ricerche abbiamo trovato alcuni esempi molto belli di città che si sono attrezzate per rendere più accoglienti e fresche strade e Piazze. A Vienna, ad esempio. con l’iniziativa “Cooles Wien” la città ha adibito diversi luoghi dove la gente passando si può rinfrescare grazie a piante che ombreggiano, fontane, getti e giochi d‘acqua, spruzzi d’acqua nebulizzata che rinfrescano.

Trasformare piazze e luoghi significativi della nostra provincia in luoghi accoglienti e più freschi dovrebbe diventare una priorità per le politiche provinciali di adattamento ai cambiamenti climatici e di miglioramento della vivibilità dei luoghi pubblici. Come è noto la presenza di verde e acqua cambia in modo notevole la percezione delle temperature ambientali. In questo senso la Provincia può dare delle direttive a Comuni, enti e privati, ma può anche attivarsi direttamente. Dato che è di proprietà della Provincia, Piazza Magnago potrebbe essere secondo noi il posto ideale da cui iniziare.

Tutto ciò considerato, il Consiglio provinciale impegna la Giunta provinciale:

  1. A lanciare un progetto, in collaborazione con i Comuni, di trasformazione di piazze e luoghi particolarmente assolati, ricoperti di cemento e pietra, in piazze e luoghi più freschi grazie all’aggiunta di piante, fiori, fontane e spruzzi d’acqua, prendendo spunto dall’esperienza di Vienna.
  2. A dare un segnale concreto migliorando la vivibilità di piazza Magnago, ad esempio con una fontana, soluzioni di ombreggiamento vicino alle panchine, ecc.

Bolzano, 26/07/2021

 

Cons. prov.

Brigitte Foppa
Riccardo Dello Sbarba
Hanspeter Staffler

Anfrage zur aktuellen Fragestunde

L‘11 settembre 2019 i rappresentanti della Provincia Autonoma di Bolzano, di STA e di Bombardier Transportation hanno celebrato il lancio del piano di mobilità sostenibile di lungo termine per il Sud Tirolo. Bombardier doveva fornire 7 treni regionali TALENT 3, secondo l’accordo quadro stipulato nel 2019, già in atto con STA, per un massimo di 32 nuovi treni e fino a 30 anni di servizi di manutenzione del parco. (blog.tuttotreno.it)

Im LOK-Magazin 04/2021 lesen wir von gravierenden Problemen rund um die Talent-3-Züge, deren Zulassung anscheinend immer noch ausständig ist. Die ÖBB rüsteten sich entsprechend schon Ende 2020, indem sie auf andere Züge zurückgreifen, da die Möglichkeit besteht, dass die Talent-3 gar nicht zum Einsatz kommen.

Daher richten wir folgende Fragen an die Südtiroler Landesregierung:

  1. Wie viele Talent-3 Züge wurden an Bombardier in Auftrag gegeben, und zu welchen Bedingungen und zu welchem Preis?
  2. Stimmen die News zur fehlenden Zulassung der Züge? Wurde die Zulassung in AUT. inzwischen erlangt?
  3. Wie rüstet man sich in Südtirol für den Umstand, dass es womöglich keine Zulassung gibt?
  4. Welcher Schaden entsteht dem Land Südtirol?

 

BZ, 26.07.2021

Landtagsabgeordnete

Brigitte Foppa
Riccardo Dello Sbarba
Hanspeter Staffler

COMUNICATO STAMPA.

Un anno fa in Val di Fleres nel comune di Brennero è stato riproposto un progetto per riattivare una cava le cui dimensioni andrebbero ad alterare notevolmente la qualità paesaggistica e ambientale della valle. Basti dire che su un’area di 7,5 ha dovrebbe essere estratto materiale per 280.000 m3, con migliaia di viaggi di camion per trasportarle.

Da alcuni mesi il Gruppo Verde sta seguendo gli ultimi sviluppi del progetto. Le interrogazioni più recenti risalgono a marzo e a maggio 2021 e riguardavano la sostenibilità del progetto e la trasparenza della comunicazione verso le/gli abitanti della valle.

Nel frattempo, l’iter per la Valutazione di Impatto Ambientale è andato avanti e alcuni giorni fa è arrivata una bella notizia: il comitato ambientale della Provincia ha respinto il progetto della “Cava Lochen”. “È davvero una notizia positiva che fa ben sperare sia per l’evoluzione di un modello di turismo sostenibile a cui la valle ha affidato da tempo il proprio futuro, sia per l’agricoltura, in particolare per le colture biologiche avviate con successo nell’ultimo decennio” commenta soddisfatto Riccardo Dello Sbarba, che alcune settimane fa si era recato sul posto con il collega Hans Heiss per un sopralluogo, guidato da alcuni abitanti della frazione Anichen, interessata al progetto. Le motivazioni ambientali che stanno alla base del parere negativo (tutela delle acque, tutela del bosco umido, impatto negativo della strada di collegamento, impatto negativo sul paesaggio, tutela di una specie di farfalla protetta dalle norme europee) appaiono solide e capaci di resistere a eventuali ricorsi dei promotori del progetto.

Intanto va registrato comunque questo successo per quelle persone che in val di Fleres si sono battute contro il progetto e per tutte/i coloro che si impegnano sul nostro territorio per un vero sviluppo sostenibile.

Cons. Prov.
Riccardo Dello Sbarba
Brigitte Foppa
Hanspeter Staffler

ANFRAGE ZUR SCHRIFTLICHEN BEANTWORTUNG.

Während in diesen Tagen der Weltraumtourismus an Fahrt aufgenommen hat, verfolgt Südtirols Tourismuspolitik irdischere Ziele. Zu diesen zählt auch das Tourismusentwicklungskonzept, dessen Ausarbeitung für die künftige Gestaltung des Sektors grundlegend sein sollte, das aber weiterhin auf sich warten lässt.

Daher richten wir folgende Fragen an die Landesregierung:

1. Bis wann ist mit der Vorlage eines Entwurfs zur künftigen Landes-Tourismuskonzepts zu rechnen?
2. Worin liegen die Gründe für die Verspätung?

Bozen, 23.07.2021

Landtagsabgeordnete
Riccardo Dello Sbarba
Brigitte Foppa
Hanspeter Staffler

COMUNICATO STAMPA.

Quello che sta succedendo all’aeroporto di Bolzano ha dell‘incredibile. Nel corso dei lavori per l’allungamento della pista di atterraggio sono stati interrati alcuni fossati che fungevano da habitat naturale per una popolazione di rospi smeraldini europei. Non solo sono stati uccisi esemplari adulti, ma è stato distrutto l’intero ecosistema.

Questa specie di anfibi, chiazzata di macchie verde smeraldo, gode della massima tutela e si trova nell’allegato IV della Direttiva Habitat. Questi animali e i loro habitat sono protetti in tutta Europa. Insomma, quasi in tutta Europa… Visto che, a quanto pare, qui in Alto Adige le cose vanno diversamente.

È un vero e proprio giallo! Abbiamo una vittima: il rospo smeraldino. C’è chi investiga: le associazioni ambientaliste. Manca solo il/la colpevole.

Il 3 maggio Hanspeter Staffler riceve la comunicazione che durante i lavori sulla pista dell’aeroporto stavano per essere distrutti alcuni habitat di anfibi. Subito viene fatta richiesta all’associazione Herpeton di fare una valutazione. Il verdetto: distruzione dell’habitat di ululoni dal ventre giallo e di rospi smeraldini europei. A inizio di giugno Herpeton ha fatto denuncia.

Il Gruppo Verde ha consegnato fino a oggi 4 interrogazioni, cercando di far luce su questa triste storia: in un primo tempo, l’assessora non sapeva nulla di queste distruzioni; poi ha giustificato gli interramenti con la “sicurezza pubblica” e infine ha dovuto ammettere che l’amministrazione sapeva fin dal 2013 dell’esistenza di questa popolazione nei pressi dell’aeroporto.

Incomprensibile è il fatto che, nonostante l’amministrazione provinciale sapesse dell’esistenza di questa specie tutelata dalla Direttiva Habitat, la cosa non sia stata tematizzata nel corso della valutazione di impatto ambientale. Perché? Ci chiediamo. “Speriamo di capirlo dalla risposta a una interrogazione ancora aperta” spiega Hanspeter Staffler.

Ancora non sappiamo se sarà possibile trovare e far pagare il colpevole. Ma una cosa è certa: è una storia vergognosa, per una Provincia così ricca che riesce a far funzionare un aeroporto usando tutti i trucchi possibili e che però non si occupa né di diritto internazionale per la tutela della natura, né della protezione di specie animali rare come il rospo smeraldino.

Noi continuiamo a resistere!

 

BZ, 23.07.2021

Cons. prov.

Hanspeter Staffler

Riccardo Dello Sbarba

Brigitte Foppa