HomeComunicati stampaRospi smeraldini in aeroporto: un vero e proprio giallo…

Rospi smeraldini in aeroporto: un vero e proprio giallo…

COMUNICATO STAMPA.

Quello che sta succedendo all’aeroporto di Bolzano ha dell‘incredibile. Nel corso dei lavori per l’allungamento della pista di atterraggio sono stati interrati alcuni fossati che fungevano da habitat naturale per una popolazione di rospi smeraldini europei. Non solo sono stati uccisi esemplari adulti, ma è stato distrutto l’intero ecosistema.

Questa specie di anfibi, chiazzata di macchie verde smeraldo, gode della massima tutela e si trova nell’allegato IV della Direttiva Habitat. Questi animali e i loro habitat sono protetti in tutta Europa. Insomma, quasi in tutta Europa… Visto che, a quanto pare, qui in Alto Adige le cose vanno diversamente.

È un vero e proprio giallo! Abbiamo una vittima: il rospo smeraldino. C’è chi investiga: le associazioni ambientaliste. Manca solo il/la colpevole.

Il 3 maggio Hanspeter Staffler riceve la comunicazione che durante i lavori sulla pista dell’aeroporto stavano per essere distrutti alcuni habitat di anfibi. Subito viene fatta richiesta all’associazione Herpeton di fare una valutazione. Il verdetto: distruzione dell’habitat di ululoni dal ventre giallo e di rospi smeraldini europei. A inizio di giugno Herpeton ha fatto denuncia.

Il Gruppo Verde ha consegnato fino a oggi 4 interrogazioni, cercando di far luce su questa triste storia: in un primo tempo, l’assessora non sapeva nulla di queste distruzioni; poi ha giustificato gli interramenti con la “sicurezza pubblica” e infine ha dovuto ammettere che l’amministrazione sapeva fin dal 2013 dell’esistenza di questa popolazione nei pressi dell’aeroporto.

Incomprensibile è il fatto che, nonostante l’amministrazione provinciale sapesse dell’esistenza di questa specie tutelata dalla Direttiva Habitat, la cosa non sia stata tematizzata nel corso della valutazione di impatto ambientale. Perché? Ci chiediamo. “Speriamo di capirlo dalla risposta a una interrogazione ancora aperta” spiega Hanspeter Staffler.

Ancora non sappiamo se sarà possibile trovare e far pagare il colpevole. Ma una cosa è certa: è una storia vergognosa, per una Provincia così ricca che riesce a far funzionare un aeroporto usando tutti i trucchi possibili e che però non si occupa né di diritto internazionale per la tutela della natura, né della protezione di specie animali rare come il rospo smeraldino.

Noi continuiamo a resistere!

 

BZ, 23.07.2021

Cons. prov.

Hanspeter Staffler

Riccardo Dello Sbarba

Brigitte Foppa

 

Avatar

Author: Heidi

Ein Heim für die Ho
An welchem Stand hä
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

Prima (il) Klima!