HomeComunicati stampaEveryday for future – Il documento strategico per lo sviluppo sostenibile senza piano non funziona

Everyday for future – Il documento strategico per lo sviluppo sostenibile senza piano non funziona

COMUNICATO STAMPA

Le attiviste e gli attivisti si battono per il clima il venerdì, la Giunta ogni giorno. Questo è il messaggio – forse di buone intenzioni ma infine piuttosto saccente – del documento strategico per lo sviluppo sostenibile approvato dalla Giunta provinciale e presentato in grande stile venerdì scorso in una lunga conferenza stampa.

Tutte le assessore e tutti gli assessori provinciali si sono riuniti per celebrare la fiera della sostenibilità insieme al Presidente Kompatscher. Un atto lodevole. Mettere in atto gli obiettivi dell’ONU sulla sostenibilità in Alto Adige è un obiettivo grande ed importante. L’ambientazione era giusta, la messa in scena anche, ma l’attesa di gesti veri sulla sostenibilità dura davvero da troppo tempo.

Sostenibilità e tutela del clima dovevano essere la stella polare verso cui avrebbe dovuto orientarsi la legislatura Kompatscher II in coalizione con la Lega-Salvini. Quasi due anni fa, era stato annunciato, in seguito al ritiro strategico della Giunta provinciale, che tutte le leggi sarebbero state verificate secondo la compatibilità climatica. Noi in Consiglio provinciale non abbiamo visto l’ombra di tutto ciò.

Così anche il documento strategico, confezionato in un look marron-sostenibile, sembra essere più una lista di desideri piuttosto che un’istruzione concreta su come affrontare la sfida.

L’unica misura inequivocabile è infatti la “revisione attuale del Piano clima 2050”. Di grande attualità! L’edizione attuale è ancora blasonata con il ritratto dell’ex Presidente Luis Durnwalder e risale al 2011, opera dell’allora assessore Michl Laimer. Per un riscaldamento globale che ci lascia solo pochi anni di tempo per agire, questi sono non sono anni, ma ere di occasioni perse.

Quindi: è molto apprezzabile che la Giunta Provinciale faccia una chiara dichiarazione di adesione agli obiettivi sulla sostenibilità delle Nazioni Unite.

La Giunta deve anche lasciarsi giudicare rispetto alle cose fatte finora. Traffico aereo, nuove strade per le Olimpiadi 2026, giravolta sulle limitazioni del traffico sui passi dolomitici, mancata svolta ecologica nell’agricoltura – questi sono solo alcuni esempi che portano a dubitare quanto lo slogan dell’attenzione alle future generazioni sia davvero pensato fino in fondo.

Ci aspettiamo che i ben formulati obiettivi del documento portino a chiare indicazioni sul da farsi. Senza un piano d’azione anche le più belle dichiarazioni d’intenti restano lettera morta. E questo, sulla questione climatica, sarebbe fatale.

Bolzano, 26/07/2021

Cons. prov.

Brigitte Foppa
Riccardo Dello Sbarba
Hanspeter Staffler

Estati bollenti - pi
Lärmschutz an der U
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

Prima (il) Klima!