HomeItalianoLe orchidee del Monte Bullaccia

Le orchidee del Monte Bullaccia

MOZIONE.

Il Monte Bullaccia si trova nel nord-ovest dell’Alpe di Siusi, ed è, come tutta l’Alpe, habitat sensibile e luogo noto ben oltre i confini dell’Alto Adige per le specie particolari che vi crescono. Tra gli habitat sensibili possiamo citare le torbiere nelle quali si trovano specie relitte di interesse nazionale, così come formazioni erbose a Nardus che, stando al manuale Natura2000 di LASEN & WILHALM (2004) valido per l’Alto Adige, rientrano nell’habitat prioritario “Formazioni erbose a Nardus, ricche di specie, su substrato siliceo delle zone montane” (Natura2000: codice 6230).

Oltre alle specie relitte (specie arrivate dopo le glaciazioni, che sono sopravvissute in quel luogo mentre si sono estinte nelle zone circostanti) delle torbiere del Monte Bullaccia e dell’Alpe di Siusi, il Monte Bullaccia è noto per la presenza di una varietà di colori dell’orchidea nigritella (Nigritella rhellicani) unica al mondo. “La popolazione di Nigritella rhellicani sulla Bullaccia (Alpe di Siusi,
Alto Adige) è caratterizzata da una straordinaria variabilità del colore dei fiori dal bruno-nero al rosso-biancastro, giallo-rossastro, giallo, biancorossastro fino al bianco”, così Lorenz, R., Hedrén,
M., Kellenberger, R.T., Madl, J. & P.M. Schlüter (2020): Die bunten Brunellen vom Puflatsch in Südtirol – ein bedrohtes Naturwunder. (Le nigritelle variopinte del Monte Bullaccia: un miracolo
della natura in pericolo.) – J. Eur. Orch. 52 (2-4): 249-278. Questa popolazione è infatti molto conosciuta tra le esperte e gli esperti di botanica ed ecologia di tutta l’Europa.

Le nigritelle e le formazioni erbose a Nardus sul Monte Bullaccia già da anni però sono in pericolo a causa del pascolo intensivo di cavalli e dell’eccessiva concimazione. Nonostante la legge
di tutela della natura protegga in teoria questi luoghi e le orchidee, di fatto né il pascolo intensivo né l’eccessiva concimazione sono stati regolamentati dall’amministrazione provinciale ai sensi
della suddetta legge. A causa dell’inadempienza della Giunta provinciale questi luoghi unici nel loro genere rischiano il degrado.

Ora si è aggiunto un altro pericolo, come ha raccontato il settimanale ff nel numero 23/2021. “Attualmente sull’Alpe di Siusi ci sono cinque piccoli bacini di accumulo con una capacità totale di quasi 20.000 m3. Il bacino di accumulo pianificato, di quasi 36.000 m2 di superficie e oltre 82.000 m3 di capacità, ha dimensioni notevoli e corrisponde a circa due campi da calcio. E invaderebbe due delle cinque aree chiave di una popolazione di orchidee unica in Europa, ovvero la nigritella variopinta del Monte Bullaccia. Il cantiere e il deposito per il materiale di scavo andrebbero a distruggere gran parte di questa specie di orchidee.”

Visto il fenomeno dell’estinzione delle specie, che anche in Alto Adige dilaga come mai prima d’ora, i sistemi di coltivazione dannosi dal punto di vista ecologico vanno aboliti ai sensi delle leggi vigenti. Inoltre i progetti edilizi che distruggono gli habitat non vanno approvati. Non farlo sarebbe incomprensibile in una provincia che è tra le più ricche, e inoltre sarebbe irresponsabile nei confronti della natura, della società e delle generazioni future.

Pertanto il Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano incarica la Giunta provinciale

  1. di non approvare la costruzione del bacino di accumulo sul Monte Bullaccia o in altri siti di simile importanza ecologica;
  2. di elaborare, imporre e monitorare ai sensi della legge di tutela della natura per il Monte Bullaccia e per siti di simile importanza ecologica sull’Alpe di Siusi un sistema di gestione del
    pascolo moderno ed ecologicamente sostenibile;
  3. di elaborare, imporre e monitorare ai sensi della legge di tutela della natura per il Monte Bullaccia e per siti di simile importanza ecologica sull’Alpe di Siusi un sistema di gestione della concimazione. di elaborare, imporre e monitorare ai sensi della legge di tutela della natura per il Monte Bullaccia e per siti di simile importanza ecologica sull’Alpe di Siusi un sistema di gestione della concimazione.

 

BZ, 22/09/2021

Consiglieri provinciali
Hanspeter Staffler
Brigitte Foppa
Riccardo Dello Sbarba

Avatar

Author: Heidi

Corsi di società e
Galleria di monte To
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO