DE IT
HomeComunicati stampaL’Italia ha bisogno urgente di una legge contro l’omotransfobia

L’Italia ha bisogno urgente di una legge contro l’omotransfobia

COMUNICATO STAMPA.

Dopo essere stata approvata alla Camera lo scorso novembre, la proposta di legge Zan contro l’omotransfobia è ora bloccata in Senato. Di una legge contro l’omofobia (purtroppo) il nostro Paese ha urgente bisogno. Troppo spesso persone vengono aggredite, insultate e picchiate, non per aver fatto qualcosa, ma solo per essere di un determinato sesso o genere, per il loro orientamento sessuale, per via della loro identità di genere o addirittura per il fatto di avere una disabilità.

Il tasso di omotransfobia in Italia è paragonabile a quello dei Paesi più autoritari e discriminatori. Di una legge che contrasti il fenomeno si parla da ben 23 anni e siamo uno degli ultimi Paesi europei a non avere ancora una legge di questo tipo.

L’emergenza sanitaria ha reso il tema più urgente, perché anche in questo campo ha fatto aumentare le violenze in generale e in famiglia in particolare. Secondo Gay Help Line tra il 2019 e il 2020 il dato sulle violenze e gli abusi è aumentato del 9%. Il dato durante l’emergenza Covid-19 è cresciuto sino al 40% per gli adolescenti. Anche l’Alto Adige non è immune da questo fenomeno e una legge chiara a livello statale è importante per rafforzare l’impegno delle istituzioni locali per contrastare la violenza e l’intolleranza.

I Verdi Grüne Verc ritengono che l’Italia ha bisogno urgentemente di una legge contro l’omofobia. Per questo chiedono che la proposta di legge Zan sia inserita nel calendario dei lavori parlamentari con scadenze certe e la garanzia che, pur consapevoli che spetta al Parlamento il compito di definirne liberamente il testo finale, il dibattito possa arrivare a una conclusione positiva.

Con questo spirito il  Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato una mozione che invita il Parlamento italiano a dare finalmente alla Repubblica italiana una legge volta a contrastare efficacemente le discriminazioni fondate sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità.

 

Bolzano, 21.04.2021

 

Cons. prov.

Riccardo Dello Sbarba

Brigitte Foppa

Hanspeter Staffler

Co-portavoce Verdi Grüne Verc

Marlene Pernstich

Felix von Wohlgemuth

Avatar

Author: Heidi

Canone provinciale,
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

Prima (il) Klima!