HomeLavoro consiliareDisegni di leggeDiritto al plurilinguismo nel sistema d’istruzione e formazione della Provincia

Diritto al plurilinguismo nel sistema d’istruzione e formazione della Provincia

DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE n. 2/18

Richiesta di offerta plurilingue nella scuola altoatesina

Già da molto tempo parti della società altoatesina chiedono un’offerta supplementare plurilingue, a partire dall’asilo e dalle scuole elementari e medie fino alle superiori e professionali. Le iniziative in tal senso vanno dalle associazioni di genitori (Convivia, Genitori per il Bilinguismo/Eltern für die Zweisprachigkeit, MixLing) fino a interventi politico-culturali come il Manifesto Alto Adige 2019. Comunque è facilmente intuibile che nella società queste aspettative sono ben più diffuse.

Già nel 2008 un sondaggio fra i presidenti delle rappresentanze dei genitori e dei consigli d’istituto svolto dal Landeselternbeirat für die deutsche Schule (LBE, comitato provinciale dei genitori nella scuola tedesca) aveva rivelato che la maggioranza di queste rappresentanze valuterebbe positivamente un’offerta supplementare plurilingue: in quel momento, infatti, il 57,9% sarebbe stato “del tutto” o “tendenzialmente” favorevole a una tale offerta.

Qualche anno dopo, il punto di vista di genitori (tedeschi) era ancora simile. Da un sondaggio della LBE del 2015 risulta infatti che più di un quinto sarebbe addirittura favorevole ad accorpare le scuole tedesca e italiana. Complessivamente il 77% dei genitori intervistati vorrebbe che la scuola desse più spazio alla lingua italiana.

Anche l’attuale consulta provinciale dei genitori fa spesso presente la richiesta di più plurilinguismo proveniente dalle famiglie. (Vedi p.e. l’articolo su Salto del 22.08.2018).

Questo orientamento si è mantenuto, come risulta chiaramente dall’ultimo sondaggio dell’Astat sulle lingue. Il 69% delle altoatesine e degli altoatesini sarebbe molto o abbastanza favorevole a introdurre l’insegnamento precoce della seconda lingua, e sempre il 69% sarebbe molto o abbastanza favorevole a introdurre l’insegnamento di alcune materie in un’altra lingua. (Barometro linguistico dell’Alto Adige. Uso della lingua e identità linguistica in provincia di Bolzano 2014. Collana Astat n. 211).

Qui trovate il disegno di legge e la relazione completi.

Bolzano, 10.12.2018

Consigliera provinciale

Brigitte Foppa

Contratti in sanità
Aeroporto di Bolzano
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

* Die Checkbox für die Zustimmung zur Speicherung ist nach DSGVO zwingend.

Ich stimme zu.