HomeComunicati stampaDello Sbarba, Heiss, Kury congelano l’acconto ricevuto sulla loro pensione

Dello Sbarba, Heiss, Kury congelano l’acconto ricevuto sulla loro pensione

KuryDelloSbarbaHeissI consiglieri verdi Dello Sbarba, Heiss la ex consigliera verde Kury congelano su un conto di solidarietà l’acconto ricevuto sulla loro pensione. Presto seguirà la restituzione alla Regione oppure l’utilizzo trasparente in progetti sociali e culturali.

I consiglieri verdi, che hanno servito il consiglio provinciale e regionale dal 1993 al 2013 Riccardo Dello Sbarba, Hans Heiss e Cristina Kury e che in queste settimane hanno ricevuto l’anticipo sulla loro pensione previsto dalla nuova normativa regionale, hanno deciso di congelare il denaro ricevuto, rispettivamente 37.250 €, 45.212 € e 250.946 €, su un conto di solidarietà. Prossimamente i contributi verranno restituiti alla Regione, ma solo a condizione che venga garantito l’utilizzo per scopi sociali. Questa operazione non sembra comunque né semplice, né rapida.

In alternativa ci riserviamo di investire a breve termine il capitale congelato di 330.000 € in iniziative e progetti sociali e culturali.

I Verdi sono entrati in Consiglio Regionale nel 1995, espressamente con l’obiettivo di abolire i vitalizi e di ridurre le pensioni dei politici. Oltre a versare il 40% del loro stipendio netto al partito hanno sostenuto regolarmente iniziative culturali e sociali con somme significative.

Siamo molto dispiaciuti, con questa operazione poco trasparente, di esserci esposti al sospetto di voler godere di privilegi immeritati. Una tale posizione ci è assolutamente estranea, ma l’indignazione e le critiche da parte di tanti cittadini e cittadine sono del tutto comprensibili.

Lavoreremo attivamente in Consiglio Regionale, anche con proposte proprie, all’elaborazione di una nuova regolamentazione.

Riccardo Dello Sbarba
Hans Heiss
Cristina Kury

Bolzano, 3 3. 2014

Pensioni d’oro, no
Non c'è alcun
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

* Die Checkbox für die Zustimmung zur Speicherung ist nach DSGVO zwingend.

Ich stimme zu.