DE IT
HomeComunicati stampaBasta glifosato lungo le linee ferroviarie

Basta glifosato lungo le linee ferroviarie

COMUNICATO STAMPA.

Chi viaggiava in treno sulla linea Bolzano-Merano a inizio di giugno ha notato una cosa preoccupante: la vegetazione lungo la linea ferroviaria e lungo la pista ciclabile accanto era prima diventata gialla, per poi appassire completamente.

Per andare a fondo della questione, il gruppo Verde ha presentato un’interrogazione. Dalla risposta del assessore Daniel Alfreider veniamo a sapere che nella notte tra il 25 e il 26 maggio lungo la linea ferroviaria Bolzano-Merano era stato applicato il prodotto CREDIT 540 SL che contiene glifosato. L’incarico per quest’applicazione era stato dato da Rete Ferroviaria Italiana SpA – nonostante la legge di tutela della natura dell’Alto Adige vieti l’uso di diserbanti totali sulle scarpate delle tratte ferroviarie.

La legge non vieta l’uso di diserbanti sui binari stessi, ma è espressamente vietato di eliminare la vegetazione sulle scarpate. Esattamente quello è successo a fine maggio lungo la linea ferroviaria e nelle stazioni. Nella sua risposta l’assessore non menziona affatto le norme di legge in Alto Adige, ma si accontenta dell’affermazione di RFI secondo la quale si “applica il fitofarmaco per impedire la creazione di una vegetazione indesiderata”. “Non possiamo accettare questa prassi”, dice il consigliere provinciale Hanspeter Staffler, e aggiunge: “Ci aspettiamo che l’assessore e la giunta facciano rispettare le nostre leggi provinciali, anche andando contro le pratiche di RFI”.

Il glifosato e prodotti che lo contengono non devono essere usati lungo le linee ferroviarie e le piste ciclabili. La giunta e RFI devono scegliere metodi alternativi. Del resto altre soluzioni ci sono, basta guardare come fanno le ÖBB. Le ferrovie austriache da anni applicano metodi alternativi. Natura e salute ringraziano.

Bozen, 15.07.2020

Cons. prov.
Hanspeter Staffler
Brigitte Foppa
Riccardo Dello Sbarba

Avatar

Author: Heidi

Inversione riuscita,
Alperia, Bilancio 20
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO