„Vertice sulla sicurezza“ a Bolzano

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Basta con i continui allarmismi, abbiamo bisogno di analisi precise e strategie mirate.

Sicurezza UrbanaNessuno mette in dubbio che la sicurezza sia visibilmente peggiorata in Sudtirolo, specialmente negli ultimi tempi, e che i furti siano aumentati, così come gli atti di violenza.
Piccola criminalità, furti con scasso e scippi sono riconducibili a cause sociali come il sensibile impoverimento, ma anche a una migliore organizzazione di bande di ladri che hanno una maggiore e più accurata conoscenza del territorio. Azioni penali poco severe e il decreto „svuota carceri“ attivo dal febbraio 2014 rassicurano i criminali e scoraggiano le forze di polizia così come le cittadine e i cittadini.
Anche le azioni di violenza aumentano. Determinati gruppi di migranti sono sicuramente co-responsabili, ma non possiamo minimizzare l‘apporto dei locali. Dobbiamo capire i motivi che portano a queste azioni di violenza talvolta davvero brutale. La formazione di gruppi violenti di immigrati non è assolutamente accettabile, una delle cause profonde è l‘esclusione persistente di molti giovani di origine straniera che deve essere contrastata con un impegno maggiore verso l‘inclusione. Perché è proprio questa generazione di giovani che dobbiamo convincere dei vantaggi di una cultura democratica a favore di tutti i valori e modalità di vita nella nostra provincia.
Infine è da ricordare che sono quasi solamente giovani uomini responsabili di atti di violenza e questo ci deve far mettere sul banco degli imputati la cultura machista e maschilista. Che numerosi atti di violenza in Italia e in Sudtirolo si rivolgano contro le donne, ultimamente nella nostra provincia con conseguenze mortali o con danni duraturi, viene sempre omesso nella discussione attuale.
I resoconti mediatici sui rischi per la sicurezza e sulla criminalità deve essere fatto con maggiore responsabilità: comunicati allarmisti e drammatizzanti senza una documentazione chiara delle circostanze e dei fatti aumenta la tiratura, ma crea soprattutto paura e allarmismo.
Piuttosto che un regolare vertice sulla sicurezza, i Verdi ritengono che sia più promettente una „Rete contro la violenza“ che provveda a un continuo scambio di informazioni tra forze di polizia, strutture sociali, associazioni, istituzioni, Provincia e Comuni.  Esempi come il Land tedesco dell‘Assia, ma anche della città di Bolzano (la cui analoga Rete contro la violenza alle donne ha avuto forte risonanza anche fuori dalla nostra provincia), mostrano i vantaggi di una tale rete che permette un monitoring preciso, interventi veloci e puntuali e la necessaria prevenzione. A tal proposito abbiamo presentato una mozione in Consiglio provinciale. L‘Alto Adige non è un territorio in stato di emergenza per quello che riguarda la politica di sicurezza, ma continua a essere una provincia sicura. Per per alcuni aspetti possiamo certamente migliorare, ma si deve procedere a mente fredda in maniera coordinata e continuativa.

25.02.2015
Hans Heiss
Brigitte Foppa
Riccardo Dello Sbarba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

La conferma ora è ufficiale: sebbene esistano misure efficaci per prevenire gli attacchi del lupo alle greggi e che esse siano finanziate generosamente dalla Provincia, in Alto Adige finora nessuno ne ha adottato neppure una. Sono queste le conseguen[...]
Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Siamo molto contente/i che la nostra mozione sia stata approvata! La Giunta provinciale ha accettato di avviare una campagna sia per informare uomini e giovani sul mestiere di maestro di scuola dell’infanzia o primaria, sia e per lottare contro gli s[...]
Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

L’opposizione al completo (16 consigliere e consiglieri provinciali) chiedono una nuova e più giusta legge elettorale. Anche il Gruppo Verde ha partecipato oggi alla conferenza stampa comune e ha sostenuto in aula la mozione-voto unitaria. “Vogliamo [...]
Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Il marchio Alto Adige – Südtirol dovrebbe essere garanzia di qualità, origine e autenticità. La carne di maiale da cui vengono confezionati i salumi però, proprio come lo speck, può arrivare anche da fuori regione. È dunque impossibile per la [...]
Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Il Parlamento italiano sta discutendo un disegno di legge per istituire lo ius soli temperato e lo ius culturae per l’attribuzione della cittadinanza italiana a bambine e bambini nati e/o cresciuti sul territorio italiano. La situazione attuale A[...]
Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Un primo commento sulla nuova legge urbanistica Politica degli annunci e strategia della zebra: questi i principali punti critici sottolineati dai Verdi alla presentazione della nuova legge urbanistica „territorio e paesaggio“. Il processo che ha [...]
Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Dal gruppo di rappresentanza del personale pedagogico delle scuole materne (KAS) riceviamo una lettera piena di dubbi e domande sulla questione vaccini. Noi Verdi condividiamo pienamente le loro perplessità. Le maestre si chiedono, in vista dell’att[...]
Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Da tempo le pazienti e i pazienti sudtirolesi soffrono delle lunghe liste d’attesa nella sanità. Oggi veniamo a sapere dal direttore generale Schael e dalla Giunta che l’emergenza verrà affrontata con l’aumento delle visite private e che al momento s[...]