S. Antonio a Eisackwerk: un’ammissione di colpa

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

SELS. Antonio a Eisackwerk: non un successo, ma un’ammissione di colpa.
E l’assessore Theiner non può giustificarsi con l’argomento del “tradimento”.

Presentare la decisione di togliere la centrale di S. Antonio alla Sel e assegnarla a Eisackwerk come un “successo” della nuova politica energetica della Giunta provinciale è paradossale: questa decisione rappresenta al contrario la chiara ammissione delle illegalità con cui tra il 2005 e il 2011 è stata gestita la fondamentale competenza autonomistica sull’energia. Rappresenta dunque la certificazione definitiva di un fallimento.

L’argomentazione con cui l’assessore Theiner giustifica sui media ciò che è successo è inaccettabile. La Giunta di allora, nel dicembre 2009, sarebbe stata “tradita” dall’assessore Laimer, che avrebbe convinto i suoi colleghi, Theiner compreso, a votare a favore della Sel.

Quello che Theiner non dice è che in quella seduta di Giunta lui e i suoi colleghi e colleghe avevano diversi elementi in mano per capire come stavano le cose. Infatti:

  1. Il parere dell’Ufficio elettrificazione, addirittura allegato alla delibera, assegnava chiaramente a Eisackwerk la centrale, valutando il relativo progetto come migliore e bocciando quello di Sel.
  2. Gli assessori del Pd Repetto e Tommasini abbandonarono la seduta dicendo che non potevano votare in senso opposto da quanto deliberato dagli uffici tecnici.

La Giunta di allora, Theiner compreso, aveva dunque tutti gli elementi a disposizione per non farsi “ingannare” e decidere correttamente. Invece preferì dare credito a Laimer e fu una scelta politica gravissima. Che chi fece questa scelta, come Theiner, sia oggi assessore all’energia è inaccettabile.

L’assegnazione odierna a Eisackwerk non è coerente con la procedura di riesame delle concessioni secondo la cosiddetta “procedura Caia”, avviata dalla Giunta provinciale. Questa procedura, tuttora in corso, comprende tutte le concessioni coinvolte dalla sentenza del Tribunale di Bolzano n. 138 del 2013, quindi anche S. Antonio, centrale citata chiaramente fin dalla prima pagina del parere del prof. Caia. Ricordiamo che alla gara per S. Antonio non parteciparono solo Sel e Eisackwerk: c’erano per esempio anche Azienda Energetica e ASM Bressanone, le cui domande avrebbero diritto di essere considerate nell’attuale procedura di riesame.

Che adesso S. Antonio venga assegnata ad Eisackwerk saltando il riesame dimostra la leggerezza con cui la famosa “procedura Caia” viene portata avanti.

Bolzano, 4.2.2015
Cons. prov.
Riccardo Dello Sbarba
Brigitte Foppa
Hans Heiss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

La conferma ora è ufficiale: sebbene esistano misure efficaci per prevenire gli attacchi del lupo alle greggi e che esse siano finanziate generosamente dalla Provincia, in Alto Adige finora nessuno ne ha adottato neppure una. Sono queste le conseguen[...]
Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Siamo molto contente/i che la nostra mozione sia stata approvata! La Giunta provinciale ha accettato di avviare una campagna sia per informare uomini e giovani sul mestiere di maestro di scuola dell’infanzia o primaria, sia e per lottare contro gli s[...]
Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

L’opposizione al completo (16 consigliere e consiglieri provinciali) chiedono una nuova e più giusta legge elettorale. Anche il Gruppo Verde ha partecipato oggi alla conferenza stampa comune e ha sostenuto in aula la mozione-voto unitaria. “Vogliamo [...]
Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Il marchio Alto Adige – Südtirol dovrebbe essere garanzia di qualità, origine e autenticità. La carne di maiale da cui vengono confezionati i salumi però, proprio come lo speck, può arrivare anche da fuori regione. È dunque impossibile per la [...]
Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Il Parlamento italiano sta discutendo un disegno di legge per istituire lo ius soli temperato e lo ius culturae per l’attribuzione della cittadinanza italiana a bambine e bambini nati e/o cresciuti sul territorio italiano. La situazione attuale A[...]
Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Un primo commento sulla nuova legge urbanistica Politica degli annunci e strategia della zebra: questi i principali punti critici sottolineati dai Verdi alla presentazione della nuova legge urbanistica „territorio e paesaggio“. Il processo che ha [...]
Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Dal gruppo di rappresentanza del personale pedagogico delle scuole materne (KAS) riceviamo una lettera piena di dubbi e domande sulla questione vaccini. Noi Verdi condividiamo pienamente le loro perplessità. Le maestre si chiedono, in vista dell’att[...]
Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Da tempo le pazienti e i pazienti sudtirolesi soffrono delle lunghe liste d’attesa nella sanità. Oggi veniamo a sapere dal direttore generale Schael e dalla Giunta che l’emergenza verrà affrontata con l’aumento delle visite private e che al momento s[...]