HomeDeutschRappresentazione della storia delle donne in Alto Adige

Rappresentazione della storia delle donne in Alto Adige

MOZIONE.

La storiografia ancora è fortemente segnata da secoli di scrittura “al maschile”. Le donne, la loro funzione nella società, ma anche il loro ruolo negli eventi “storici” a lungo non sono state né viste, né raccontate. Negli ultimi decenni le storiche e gli storici stanno recuperando una memoria rimasta troppo a lungo dimenticata e nascosta, e sempre più nomi di donne memorabili emergono, trovando la loro giusta collocazione.

Questo recupero trova visibilità solo lentamente nello spazio pubblico. Questa arretratezza la notiamo ad esempio nella questione dell’odonomastica. Sappiamo che in Italia solo il 6% delle strade e piazze è dedicata a donne. A Bolzano la percentuale sale al 13%, ma resta sempre un grande squilibrio.

Oltre ai nomi delle strade, sono anche i monumenti a segnare lo spazio pubblico. Quasi tutti i monumenti e le statue che vediamo sulle piazze, nei viali, sugli slarghi, se rappresentano persone, rappresentano uomini.

Da una trasmissione televisiva abbiamo appreso che in tutta Italia sarebbero solo 148 statue dedicate a donne. Un numero ben esiguo, se pensiamo al grande ruolo che le donne hanno nella società e che hanno avuto nella storia.

Abbiamo provato a capire se nella nostra Provincia la situazione è migliore rispetto al resto d’Italia.

Alla nostra interrogazione del 24 novembre 2021 su quante fossero le statue dedicate a donne in Alto Adige, a quali donne fossero dedicate e dove fossero collocate, la risposta è stata “Ciò comporterebbe una ricerca approfondita”. Siamo quindi solo agli inizi di una storia ancora tutta da scrivere … e da rappresentare.

Sulla base della ricerca “Biografie di donne e nomi di strade” che unibz sta svolgendo in seguito a una mozione approvata dal Consiglio Provinciale ci sarà un elenco di donne meritevoli a disposizione dei Comuni altoatesini. Da questo si potrà trarre spunto per intitolare strade e piazze, ma anche per “arredare” lo spazio pubblico ricordando il valore e il lavoro delle donne nel passato e nel presente.

Tutto ciò considerato, il Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano impegna la Giunta provinciale:

  1. Ad avviare una ricerca approfondita per rilevare la presenza di statue e monumenti dedicate a donne nei luoghi pubblici dell’Alto Adige.
  2. A indire, almeno un bando pubblico all’anno per la realizzazione di una statua o un’opera artistica permanente dedicata a personaggi femminili della storia o a temi/eventi storici in cui le donne siano protagoniste.
  3. A invitare il Consiglio dei Comuni a intitolare più frequentemente strade e piazze alle donne e ad arredare lo spazio pubblico anche con opere artistiche dedicate a donne.

il Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano inoltre incarica la propria presidenza:

  1. Ad allestire, nel corso dei lavori di ristrutturazione dell’edificio del Consiglio Provinciale, uno spazio dove venga reso omaggio alle politiche del Sudtirolo che hanno contribuito alla sua storia.

 

Bolzano, 14/2/2022

 

Cons. prov.

Brigitte Foppa

Riccardo Dello Sbarba

Hanspeter Staffler

Avatar

Author: Heidi

Von Kirche und Land
Bolzano: predisporre
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO