HomeLavoro consiliareEnergia: procedura d’infrazione UE 2011/2026

Energia: procedura d’infrazione UE 2011/2026

INTERROGAZIONE

Concessioni idroelettriche: Procedura d’infrazione UE 2011/2026 – Governo e Provincia hanno risposto?

GrosswasserkonzeptionenCon lettera del 26.09.2013 il Commissario europeo per il Mercato Interno Michel Banner ha inviato al ministro italiano Emma Bonino l’avviso della procedura di infrazione nr. 2011/2026 (“Normativa italiana in materia di concessioni idroelettriche – Costituzione in mora complementare”) riguardante norme di proroga o proroghe di fatto di grandi concessioni idroelettriche sia sul territorio italiano sia su quello della Provincia autonoma di Bolzano. Oggetto della procedura di infrazione europea sono infatti sia leggi nazionali sia leggi provinciali:

Il Decreto legge 22.6.12 nr. 83, “Misure urgenti per la crescita del paese”, il cosiddetto “Decreti Monti”.

La Legge provinciale nr. 4 del 1998 della Provincia di Trento.

La Legge provinciale nr. 7 del 2006, articolo 19 bis (introdotto dalla LP nr. 122/2010) della Provincia di Bolzano.

Tutte queste normative, secondo la Commissione Europea, hanno l’effetto di prorogare “automaticamente” concessioni idroelettriche ormai scadute (ad esempio le concessioni Hydros di Brunico, Visse, Marlengo), senza alcuna gara, e questo contrasta diverse norme europee sovra ordinate, tra cui l’articolo 12 della direttiva 2006/123/CE che vieta rinnovi automatici di qualsiasi autorizzazione per una determinata attività, oppure l’articolo 49 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea sul “diritto alla libertà di stabilimento” compreso il diritto a partecipare senza subire alcuna discriminazione a gare o rinnovi di concessioni come quelle idroelettriche.

Il Commissario Barnier dava all’Italia, e attraverso l’Italia anche alle province di Bolzano e Trento, due mesi di tempo per rispondere a questa notifica.

I due mesi sono scaduti il 26 novembre 2013, ma non si ha notizia delle risposte che sono state date.

Si chiede:

  1. Risulta che la Repubblica italiana abbia risposto alla citata procedura di infrazione europea?
  2. Se sì, quando e con quali argomentazioni? Si richiede gentilmente la trasmissione del documento o dei documenti con cui la risposta è stata redatta.
  3. La Provincia di Bolzano è stata consultata sulla vicenda? Se sì, ha trasmesso al Governo italiano e/o all’Unione Europea una sua risposta, o un qualsiasi documento o argomentazione che riguardi la procedura di infrazione citata o comunque le circostanze e le norme oggetto di tale procedura? Si richiede gentilmente la trasmissione del documento o dei documenti con cui la risposta o l’argomentazione della Provincia è stata redatta.
  4. A che punto è la procedura di infrazione? Vi sono stati altri passi formali, da parte dei soggetti coinvolti (governo italiano e province autonome)? Se sì, quali e quando, e con quali esiti? Si richiede gentilmente la trasmissione della documentazione esistente al proposito.
  5. A che punto è la procedura di infrazione?

Bolzano, 31.1.2014

Cons. Provinciali

Riccardo Dello Sbarba
Brigitte Foppa
Hans Heiss

Assemblea provincial
Giorgio Zanvettor e
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

* Die Checkbox für die Zustimmung zur Speicherung ist nach DSGVO zwingend.

Ich stimme zu.