HomeComunicati stampaCome si diventa candidato/a dell’Euregio?

Come si diventa candidato/a dell’Euregio?

EuregioAncora nella nostra regione si scambiano ruoli ed istituzioni – segnale che non è cambiato nulla.
Ancora „infeltrimento“ vecchio stile – si capiva ieri dalle notizie sui media: i rappresentanti dell’Euregio, Günther Platter (Bundesland Tirol), Ugo Rossi (Trentino) ed Arno Kompatscher (Alto Adige) avevano esposto i loro obbiettivi di una migliore collaborazione in Europa e dichiarato Herbert Dorfmann (SVP) “comune candidato al Parlamento europeo”.
La domanda si pone chiaramente: con quale legittimazione tre governatori hanno selezionato il candidato comune per l l’Euregio? Al tavolo della conferenza stampa non si trovavano tre rappresentanti di partiti, bensì i rappresentanti di tre istituzioni – senza il minimo diritto di proclamare un candidato comune.
Critichiamo severamente questa eclatante confusione di livelli e ruoli e la reputiamo un abuso di ruolo istituzionale. Delude soprattutto il nostro presidente della Giunta Provinciale, che si era proposto per superare vecchi schemi di infeltrimenti tra partito, istituzioni ed associazioni e che ora cade nello stesso modo di procedere conosciuto sotto il suo predecessore. Anche l’evidente paura dell’SVP di non raggiungere la soglia delle 50.000 preferenze (soglia istituita ai tempi dalla stessa SVP per evitare la concorrenza di altri partiti), non giustifica questa terribile gaffe.
Invitiamo ora i tre governatori Kompatscher, Rossi e Platter a dichiarare anche la candidata verde Oktavia Brugger, della lista „Tsipras“, candidata comune per l’Euregio, esattamente come successo col candidato Dorfmann.
E per il futuro invitiamo il presidente Kompatscher a fare più attenzione ai limiti dei propri ruoli nel partito e nelle istituzioni.
Brigitte Foppa e Giorgio Zanvettor, Co-Portavoce Provinciali Verdi Grüne Vёrc

Oktavia in Europa
La Grecia e l’Euro
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

* Die Checkbox für die Zustimmung zur Speicherung ist nach DSGVO zwingend.

Ich stimme zu.