Risparmio con il passaggio a Microsoft?

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Per i Verdi sarà tutto a discapito di democrazia e innovazione.

Il direttore generale della SIAG Stefan Gasslitter ha spiegato in questi giorni che il passaggio del sistema informatico dell’amministrazione pubblica a Microsoft è stato voluto, tra le altre cose, per „risparmiare“.
Ricordiamo: per anni si è lavorato all’interno dell’amministrazione provinciale a una soluzione open-source e la cosa è sempre stata comunicata apertamente. L’intenzione era quella di limitare la dipendenza dalle multinazionali dei software e così ottenere un corrispondente risparmio economico. All’improvviso però, il 12 aprile 2016, la Giunta ha approvato una delibera volta in una direzione completamente contraria: con la delibera 388, infatti, sono state poste le basi per una soluzione cloud che al momento non è compatibile con gli strumenti open-source.
Il 22.04.2016 è stato dato l’incarico alla SIAG di ordinare attraverso Telecom Italia della licenze Microsoft. Con la convenzione Consip sono stati acquistati tutti i contratti d’uso per i pacchetti Microsoft che erano già in uso nell’amministrazione, in più sono stati firmati dei contratti per quei pacchetti necessari all’utilizzo online di Office 365 (incluso i servizi Cloud).
Le 16.164 licenze complessive per tre anni scadranno il 31.05.2019. In tutto i costi ammontano a 5.522.524,86 Euro più IVA. Tutte queste informazioni ci sono state fornite in risposta a una nostra interrogazione n.2028/16. Nella stessa risposta ci era stato comunicato che l’obiettivo della Giunta era quello di chiudere la fase di sperimentazione delle vecchie licenze entro il 2016 e di immettere le nuove licenze ancora nello stesso anno.
Dalle dichiarazioni di ieri sembra che il progetto sia ora concluso, un anno dopo il termine annunciato. Nel frattempo, così come comunicato dalla assessora Deeg, 421 collaboratrici e collaboratori hanno utilizzato il pacchetto Office 365 completo, mentre “tutte le collaboratrici e i collaboratori dell’amministrazione ne hanno utilizzato alcune parti”.

Noi Verdi abbiamo criticato questi provvedimenti e ribadito a più riprese che abbandonare l’orientamento open-source significa perdita di democrazia: in questo modo viene perso il potenziale di innovazione e allo stesso tempo di sostenibilità digitale di cui l’amministrazione pubblica dovrebbe essere esempio.
La lamentela di Gasslitter, secondo il quale in Alto Adige esistono troppo poche competenze nel mondo IT per lo sviluppo di soluzioni open-source, è assurda. È invece proprio la procedura della Giunta provinciale e della SIAG verso un distacco consapevole dall’open-source che porta alla diminuzione di competenze in questo ambito strategico.

Se forse inizialmente comporterà qualche “risparmio”, alla lunga ci verrà a costare molto caro.

Brigitte Foppa, Riccardo Dello Sbarba, Hans Heiss
e il gruppo di lavoro Digital Sustainability dei Verdi Grüne Vërc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Mercatini di Natale: superati i limiti del sostenibile

Mercatini di Natale: superati i limiti del sostenibile

L'ultimo fine settimana ha stabilito nuovi record per i mercatini di Natale dell'Alto Adige: le città della provincia sono state invase da centinaia di migliaia di visitatori, migliaia di auto, autobus e camper hanno intasato strade e parcheggi. I[...]
Traforo Malles-Bormio: no a un treno-navetta per auto, bus e camion

Traforo Malles-Bormio: no a un treno-navetta per auto, bus e camion

https://youtu.be/VwCcJh_zApc Ieri a Malles l’assessore altoatesino Richard Theiner e il sottosegretario della Lombardia Ugo Parolo hanno presentato lo studio preliminare per un traforo sotto lo Stelvio. Lo studio ha valutato diverse ipotesi di [...]
Iscrizioni alle scuole materne: quanti nuovi problemi!

Iscrizioni alle scuole materne: quanti nuovi problemi!

Dopo il lamento dei mesi scorsi sul fatto che nelle scuole materne tedesche ci siano troppi bambini di altre lingue, la giunta provinciale ha deciso di centralizzare le iscrizioni. Si vuole arrivare a una più equa distribuzione dei bambini di varie l[...]
Con l’estate 2017 il turismo va a mille

Con l’estate 2017 il turismo va a mille

Il previsto record annuale ci dà l’occasione per cambiare rotta Alla fine della stagione 2017 il turismo sudtirolese ha ottenuto un altro record: grazie all’estate fortissima con 20,4 milioni di pernottamenti, l’intero anno 2017 supererà con agilità[...]
Ampio consenso per più sostegno all’imprenditoria femminile

Ampio consenso per più sostegno all’imprenditoria femminile

Accesa e bella discussione oggi in Consiglio provinciale su due nostre mozioni con cui abbiamo portato avanti il tema della valorizzazione e del sostegno all’imprenditoria femminile nella nostra provincia. La nostra richiesta per un „Sostegno concret[...]
Aeroporto: le promesse non bastano. Chi vuole gestire lo scalo deve sapere che la pista non potrà essere allungata

Aeroporto: le promesse non bastano. Chi vuole gestire lo scalo deve sapere che la pista non potrà essere allungata

Non è passato nemmeno un mese da quando il Presidente Kompatscher ha promesso pubblicamente che non ci sarebbe mai stato un allungamento della pista di decollo dell’aeroporto. La dichiarazione è stata fatta esattamente l‘8 novembre scorso, durant[...]
Glifosato: permesso prolungato. Un regalo per le multinazionali.

Glifosato: permesso prolungato. Un regalo per le multinazionali.

  Gli effetti del glifosato sono noti da tempo: dove viene utilizzato la biodiversità diminuisce drasticamente. L’erbicida uccide piante verdi naturali e così elimina l’habitat di altre forme viventi come insetti, rettili e uccelli, tutte[...]
I Verdi dell'Alto Adige sono ora membri dei Verdi Europei

I Verdi dell'Alto Adige sono ora membri dei Verdi Europei

Un grande successo e un ottimo risultato a Karlstad: il 100% dei delegati e delegate hanno votato per l'ammissione dei Verdi Grüne Verc nel Partito Verde Europeo. Da tanto tempo i Verdi dell'Alto adige si erano dati l'obbiettivo di essere ammessi [...]