Dispendio di denaro per un progetto inutile

3 Flares Filament.io 3 Flares ×

BBT Aicha 17-09-2008L’ultimo provvedimento dello Stato approvato il 21 giugno 2013 dalla Camera dei deputati con un decreto d’emergenza sembra quasi l’ultima scorta che viene buttata fuori dal castello assediato e ormai allo stremo per dare prova di vita e di forza.

Da una parte lo Stato avrebbe urgente bisogno di 75 miliardi di Euro per coprire impegni urgenti e per alleviare la bancarotta, dall’altra decide di destinare 120 milioni di Euro all’anno dal 2015 al 2024 per le linee di accesso alla tratta meridionale del tunnel di base del Brennero.

Per i 190 km di linee di accesso tra Verona e Fortezza non esiste ancora alcun lotto pronto per essere edificato e per alcuni tratti non è nemmeno stato ancora deciso il tracciato. La lobby del cemento è riuscita a vincolare risorse per un grande e dispendioso progetto, mentre mancano soldi per un rinnovamento complessivo e urgente della rete ferroviaria italiana.

L’indaffarato ministro Maurizio Lupi ha inserito di nascosto questo finanziamento deciso ieri in un pacchetto d’emergenza destinato in realtà alle regioni colpite dal terremoto. Allo stesso tempo, un governo con una maggioranza così ampia pone la fiducia, così che i deputati non possano porre delle domande imbarazzanti.

La SVP, da sempre „posseduta“ da questo buco senza senso sotto il Brennero, naturalmente approva ulteriori finanziamenti. E nel frattempo i nostri smaniosi politici si dimenticano di ogni provvedimento per la riduzione di traffico non necessario e per il trasferimento del trasporto su ruota al quello su rotaia. E per concludere: 120 milioni di Euro all’anno non rappresentano nemmeno il 10% dei finanziamenti necessari per la realizzazione delle linee d’accesso.

Proclamazione dell’assemblea provinciale

Bolzano, 22/06/2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

L’Austria in turchese-blu e le conseguenze per l’Alto Adige

L’Austria in turchese-blu e le conseguenze per l’Alto Adige

Gli stravolgimenti delle elezioni nazionali austriache hanno superato tutte le aspettative: la lista Kurz (una volta ÖVP) ha concluso alla grande con una campagna super-egocentrica, la FPÖ è ritornata alle vette dei tempi di Haider, la SPÖ ha chi[...]
Cinque smentite all’assessora Stocker

Cinque smentite all’assessora Stocker

La tragica vicenda del bambino profugo curdo morto a Bolzano ha sollevato in tutto l’Alto Adige una forte emozione. Ciò dovrebbe portare i responsabili politici e amministrativi a un profondo esame di coscienza. Al contrario, l’assessora Stocker cont[...]
Girarci intorno, rimuovere, scaricare: così non può andare avanti, assessora Stocker!

Girarci intorno, rimuovere, scaricare: così non può andare avanti, assessora Stocker!

Girarci intorno, rimuovere, scaricare: sulla ricostruzione delle circostanze che sono costate la vita al giovane Adan. Così non può andare avanti, assessora Stocker! L’agenda profughi deve passare al Presidente Kompatscher. Durante l’odierna confe[...]
L’ennesimo dramma dell’accoglienza negata

L’ennesimo dramma dell’accoglienza negata

In merito alla tragica morte a Bolzano del minore disabile e profugo curdo-iracheno, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa interrogazione urgente per chiedere alla Giunta provinciale una dettagliata ricostruzione dei fatti e d[...]
Ingorgo A22: protesta dei camionisti comprensibile, disagio di chi ci vive vicino molto più grande

Ingorgo A22: protesta dei camionisti comprensibile, disagio di chi ci vive vicino molto più grande

Ingorgo sull’Autobrennero: la protesta dei camionisti è comprensibile, ma il disagio di chi vive lungo l’a22 è molto più grande. I camionisti dell’Alto Adige e la Camera di commercio protestano all’unisono contro l’ingorgo creatosi nel fine settiman[...]
Autorizzazioni ambientali:  la politica rispetti l'indipendenza dei comitati tecnici

Autorizzazioni ambientali: la politica rispetti l'indipendenza dei comitati tecnici

La nuova legge n. 135/17 sulla “Valutazione ambientale per piani e progetti”  offre la possibilità di marcare finalmente una chiara distinzione tra tecnica e politica, che finora si è riservata la possibilità di ribaltare arbitrariamente i pareri[...]
Collegamento sciistico Vallelunga-Kaunertal: i risultati del Comitato ambientale vanno rispettati!

Collegamento sciistico Vallelunga-Kaunertal: i risultati del Comitato ambientale vanno rispettati!

Ordine del giorno DdL 135/17 La questione di un nuovo collegamento sciistico tra Vallelunga nell’Alta Val Venosta e Kaunertal in Tirolo si trascina da parecchio tempo. Si tratta di impianti di risalita che dovrebbero essere realizzati tra l'ancora[...]
Referendum in Catalogna: dopo il risultato incombe un nuovo scontro – e l’Europa non c’è

Referendum in Catalogna: dopo il risultato incombe un nuovo scontro – e l’Europa non c’è

Più di 2 milioni di sì per l’indipendenza della Catalogna sono un risultato impressionante. Anche se la sua legittimità giuridica è fragile, l’espressione democratica della volontà popolare è da prendere sul serio. La carenza di disponibilità a un co[...]