HomeLavoro consiliareInterrogazioniSpostamento di cubatura nel comune di Corvara – secondo tentativo

Spostamento di cubatura nel comune di Corvara – secondo tentativo

INTERROGAZIONE.

Il 21 dicembre 2018 il gruppo Verde ha presentato l’interrogazione intitolata: “Spostamento di cubatura nel comune di Corvara”, cui è stato attribuito il numero 63 del 2018, che ha avuto la seguente (non) risposta: “si comunica che al comune di Corvara con nota dd. 4.1.2019 n. prot. 6742 è stato chiesto di rispondere alla domanda posta dall’interrogazione. Sino ad oggi non abbiamo avuto nessuna risposta dal comune di Corvara. Si presume quindi che ai sensi della comunicazione n. 82/2016 del Consorzio dei comuni, non voglia rispondere all’interrogazione”.

 Questa risposta non ci convince per due motivi.

Il primo è che, data la delicatezza della materia, la Giunta provinciale avrebbe fatto bene non a “presumere”, ma a chiedere al comune se davvero non ha la volontà di rispondere oppure se solo ha bisogno di più tempo.

Il secondo motivo è che ci sono domande a cui la Giunta provinciale stessa dovrebbe essere in grado di rispondere, poiché ricadono sotto la sua competenza o comunque riguardano campi su cui dispone delle necessarie informazioni. Facciamo alcuni esempi:

Domanda 1: l’eventuale piano delle zone di pericolo viene approvato dalla Giunta Provinciale.

Domanda 2: per “atto giuridico” si tratta principalmente di un atto di competenza della Giunta provinciale: o di approvazione del “piano delle zone di pericolo” o in sua assenza del PUC,  che classifica delle aree come a rischio; la Giunta dovrebbe anche sapere se le baite in questione rientravano in queste aree.

Domanda 5: il trasferimento di cubatura ha a che fare con la legge urbanistica provinciale 13/97, art. 107.

Domanda 10:  analoga alla 2.

Domanda 13: analoga alla 5.

Domanda 15: analoga alla 5, ma qui si tratta di quesito sulla nuova legge provinciale “Territorio e paesaggio”.

Riproponiamo dunque la medesima interrogazione, chiedendo alla Giunta provinciale:

  1. Di chiedere formalmente al comune di Corvara se davvero non ha intenzione di rispondere a questa interrogazione e in questo caso se c’è una motivazione;
  2. Di rispondere come Giunta provinciale almeno alle domande di sua competenza.
  3. Di vedere se le è possibile, come Giunta provinciale, fornire comunque informazioni utili in possesso dell’amministrazione provinciale anche sulle domande non direttamente di sua competenza.

Questa dunque l’interrogazione originaria:

Interrogazione n. 63/2018

Spostamento di cubatura nel comune di Corvara

Diversi media hanno parlato di un caso di spostamento di cubatura che riguarda 4 malghe attinenti al maso Rönn nel comune di Corvara. Il caso è stato riportato prima dal settimanale FF, poi dal quotidiano Tageszeitung, dalla Rai e dal portale Salto.bz. I media hanno informato che le cubature originarie si trovavano da un lato presso il passo Gardena a 1,3 km di distanza dalla nuova ubicazione (il comune di Corvara ha rilasciato la concessione edilizia per 2 nuove baite il 15.11.2013) e dall’altro lato nella cosiddetta “Mure von Corvara”, ad ovest del paese a 4,2 km di distanza dalla nuova ubicazione (concessione edilizia per 2 nuove baite del 05.05.2015).

Come noto, in casi come questi si applica la legge urbanistica provinciale n. 13 del 1997 (che resterà in vigore fino al gennaio 2020), in particolare l’art. 107, commi 12, 13, 13 bis e 13 ter. Questo articolo sul “Verde agricolo e alpino” è uno dei più tormentati, più volte modificati, contestati e discussi di tutta la legge, che si presta a diverse interpretazioni e ha creato una situazione di forte incertezza del diritto.

I giornali hanno riportato le opposte argomentazioni delle diverse parti, ma di molte non è stata chiarita la documentazione che ne sta a supporto e che è fondamentale per capire se nella procedura tutto era in ordine. Per avere chiarezza ed esercitare la nostra istituzionale funzione di controllo sugli atti della pubblica amministrazione chiediamo alla giunta provinciale le informazioni che ci mancano per poter valutare il caso.

Si chiede quindi alla giunta provinciale:

  1. Il comune di Corvara ha un piano delle zone di pericolo? Se sì, in quale data è entrato in vigore? Se no, quali altri strumenti definiscono le zone a rischio nel territorio del comune di Corvara, ai fini dell’applicazione della legge urbanistica provinciale n. 13 del 1997, art. 107?

SULLE DUE MALGHE IN ZONA PASSO GARDENA:

  1. In base a quali atti giuridici l’area in cui sorgevano le due preesistenti malghe in zona Passo Gardena è stata dichiarata zona di pericolo?
  2. Con la documentazione utilizzata nel corso della procedura di autorizzazione dello spostamento della cubatura delle due malghe in zona passo Gardena era stata presentata la documentazione attestante il fatto che esse si trovavano in una zona di pericolo?
  3. Alla delibera del comune di Corvara del 15.11.2013 per la realizzazione delle 2 nuove baite è allegata la documentazione attestante il fatto che esse si trovavano in una zona di pericolo?
  4. Entro quale area, ai sensi della vigente Legge urbanistica provinciale, poteva avvenire il trasferimento della cubatura delle due baite in zona passo Gardena? La cubatura poteva essere spostata in tutto il territorio comunale oppure in un ambito territoriale più ristretto?
  5. In base a quali criteri e valutazioni è stata autorizzato lo spostamento della cubatura delle ex malghe in zona passo Gardena proprio nell’area dove effettivamente è avvenuta?

SULLA ESISTENZA DELLA EX MALGA IN ZONA “Mure von Corvara”:

  1. In base a quali atti giuridici è stata dimostrata l’esistenza effettiva e/o la distruzione dopo il 1° ottobre 1997 della preesistente malga in zona “Mure von Corvara”, nel rispetto del comma 12 dell’articolo 107 della vigente Legge urbanistica provinciale (n. 13/97)?
  2. Nella documentazione allegata alla procedura di autorizzazione dello spostamento della cubatura della ex malga in zona “Mure von Corvara” era stata presentata la documentazione che confermava che essa era effettivamente esistente ai sensi del comma 12 dell’articolo 107 della vigente Legge urbanistica provinciale (n. 13/97)?
  3. Alla delibera del comune di Corvara del 5.05.2015 per lo spostamento di cubatura della ex malga in zona “Mure von Corvara” è allegata la documentazione attestante il fatto che essa era effettivamente esistente ai sensi del comma 12 dell’articolo 107 della vigente Legge urbanistica provinciale (n. 13/97)?

SULLA CLASSIFICAZIONE COME ZONA DI PERICOLO DELLA EX MALGA IN ZONA “Mure von Corvara”:

  1. In base a quali atti giuridici l’area in cui sorgeva la preesistente malga in zona “Mure von Corvara” è stata dichiarata zona di pericolo?
  2. Nella documentazione allegata alla procedura di autorizzazione dello spostamento della cubatura della ex baita era stata presentata la documentazione attestante il fatto che essa si trovava in una zona di pericolo?
  3. Alla delibera del comune di Corvara del 05.05.2015 per la realizzazione delle 2 nuove baite derivanti dalla cubatura della ex baita in zona “Mure von Corvara” è allegata la documentazione attestante il fatto che essa si trovava in una zona di pericolo?
  4. Entro quale area, ai sensi della vigente Legge urbanistica provinciale, poteva avvenire il trasferimento della cubatura della ex baita in zona “Mure von Corvara”? La cubatura poteva essere spostata in tutto il territorio comunale oppure in un ambito territoriale più ristretto?
  5. In base a quali criteri e valutazioni è stata autorizzato lo spostamento della cubatura della ex baita in zona “Mure von Corvara” proprio nell’area dove effettivamente è avvenuta?

POSSIBILITA’ DI UTILIZZO FUTURO DELLE NUOVE BAITE COME “ESERCIZI PUBBLICI PER LA SOMMINISTRAZIONE DI PASTI E BEVANDE NELLE AREE SCIISTICHE”.

  1. Alle quattro baite di nuova realizzazione, o a una o più di esse, (autorizzate con la concessione edilizia del comune di Corvara in data 15.11.2013 e 05.05.2015), che si trovano tutte ai bordi di piste da sci esistenti o in progetto, sarà teoricamente applicabile l’articolo 34 comma 1 della nuova legge “territorio e paesaggio”, trasformandole così in “esercizi pubblici per la somministrazione di pasti e bevande nelle aree sciistiche”?

 Si chiede alla Giunta provinciale:

  1. Di chiedere formalmente al comune di Corvara se davvero non ha intenzione di rispondere a questa interrogazione n. 63/2018 e in questo caso se c’è una motivazione;
  2. Di rispondere come Giunta provinciale almeno alle domande di sua competenza contenute nella citata interrogazione n. 63/2018.
  3. Di vedere se le è possibile, come Giunta provinciale, fornire comunque informazioni utili in possesso dell’amministrazione provinciale anche sulle domande della interrogazione n. 63/2018 non direttamente di sua competenza.

Bolzano, 28 maggio 2019

Cons. prov.

Riccardo Dello Sbarba

Brigitte Foppa

Hanspeter Staffler

Qui potete scaricare la risposta della giunta. 

TAGS:
Chi sono i “presun
Progetto eco-acquist
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

* Die Checkbox für die Zustimmung zur Speicherung ist nach DSGVO zwingend.

Ich stimme zu.