HomeLavoro consiliareRiconoscimento ed equiparazione dei diplomi di maturità conseguiti nelle scuole di lingua italiana

Riconoscimento ed equiparazione dei diplomi di maturità conseguiti nelle scuole di lingua italiana

MOZIONE

Nell’anno scolastico 2016/17 le giovani altoatesine e i giovani altoatesini iscritti nelle scuole superiori di lingua tedesca erano 13.263, quelli nelle scuole in lingua italiana 5.941 e quelli nelle scuole delle località ladine 524. In quell’anno 2.411 hanno sostenuto l’esame finale in una scuola media superiore tedesca, 982 in una italiana e 78 in una ladina.

Molti continuano la formazione in un istituto d’istruzione superiore. Nell’anno scolastico 2015/2016 5.945 altoatesine e altoatesini erano immatricolati in università italiane e 6.601 in atenei austriaci. Altre studentesse e altri studenti (numero non rilevato dall’ASTAT) studiano in Germania, in altri Paesi dell’UE e in Paesi non appartenenti all’UE. I requisiti d’accesso richiesti ai diplomati e alle diplomate delle scuole medie superiori tedesche sono tuttora diversi rispetto a quelli richiesti ai diplomati e alle diplomate delle scuole in lingua italiana.

  • Negli istituti superiori austriaci non viene applicata una direttiva unitaria. Nella maggior parte di questi istituti i diplomati e le diplomate di scuole superiori italiane devono presentare uncertificato di conoscenza linguistica, mentre in altri basta il diploma di maturità. Tendenzialmente è però richiesta la certificazione linguistica.
  • Per accedere alle facoltà di medicina le diplomate e i diplomati di scuole medie superiori italiane non sono equiparati a quelli delle scuole tedesche, che rientrano nella quota riservata agli austriaci, mentre i primi sono trattati alla stregua di chi proviene dagli altri Paesi dell’UE.
  • In Germania (nonostante 13 anni di lezioni di tedesco!) si devono presentare attestati con il livello di conoscenza della madrelingua (C1, e in parte persino C2), ma a seguito della delibera della conferenza permanente dei ministri dell’istruzione dei Länder del 2 giugno 1995 i diplomati e le diplomate delle scuole superiori tedesche dell’Alto Adige ne sono esenti.

Tutto ciò rappresenta una per certi versi grave disparità di trattamento e condiziona le prospettive future di numerose/numerosi giovani di madrelingua italiana, ma anche tedesca (oppure di altre
lingue o i plurilingui), che per vari motivi hanno deciso di frequentare scuole superiori di lingua italiana.

Tutto ciò premesso,

il Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano incarica la Giunta provinciale

di avviare trattative a livello internazionale ai fini di una futura equiparazione, e in modo particolare,

  • di lavorare per una soluzione unitaria per gli istituti di istruzione secondaria superiore in Austria, per quanto riguarda il riconoscimento automatico del diploma di maturità conseguito in
    Alto Adige nelle scuole superiori in lingua italiana;
  • di lavorare per ottenere l’equiparazione dei diplomi delle scuole superiori italiane con quelle tedesche ai fini dell’accesso alle facoltà di medicina in Austria, di modo che entrambi diano
    accesso alla quota riservata ai cittadini austriaci/alle cittadine austriache;
  • di ottenere dalla conferenza permanente dei ministri dell’istruzione dei Länder che i diplomi conseguiti presso le scuole superiori di lingua italiana dell’Alto Adige siano equiparati a quelli
    delle scuole in lingua tedesca e non si debbano presentare ulteriori attestati di conoscenza linguistica.

04.02.2019

Consiglieri provinciali

Brigitte Foppa

Riccardo Dello Sbarba

Hanspeter Staffler

TAGS:
Per una pianificazio
Il diritto a vivere
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

* Die Checkbox für die Zustimmung zur Speicherung ist nach DSGVO zwingend.

Ich stimme zu.