HomeBuon climaLasciamola a casa ovvero per un’Euregio raggiungibile senza auto

Lasciamola a casa ovvero per un’Euregio raggiungibile senza auto

COMUNICATO STAMPA.

Oggi la nostra proposta sulla raggiungibilità dell’Euregio senza auto è stata approvata all’unanimità alla Seduta congiunta a Merano. Un passo importante per diminuire il traffico in Tirolo, Alto Adige e Trentino e per proteggere abitanti, paesaggio, natura e clima.

Bozen/ Bolzano, 16.10.2019

L’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino è una delle regioni più amate e visitate di tutto l’arco alpino. E sono anni che la tendenza è in crescita. I numeri del 2018 parlano chiaro:

n. abitanti posti di letto arrivi pernottamenti
Tirolo 754.705 332.212 12.273321 49.379.498
Alto Adige 527.750 227.033 7.519.786 33.329.270
Trentino 540 901 93.042 4.415.851 18.156.000
totale 1.823.356

 

652.287

 

24.208.958

 

100.864.768

 

Si tratta di un vero e proprio esercito di 24 milioni di turisti e turiste che equivale a 13 volte il numero delle persone residenti. Inoltre, il numero dei posti letto è così alto che nell’Euregio in teoria un abitante su tre ne offre uno. Nel 2018 siamo arrivati a 100 milioni di pernottamenti. Il numero complessivo delle notti che gli 1,8 milioni di abitanti hanno verosimilmente dormito in loco equivale appena a 6,5 volte tanto – e non va dimenticato che la popolazione residente vi passa 365 notti all’anno, mentre i turisti in media trascorrono solo 4 notti all’anno nella regione.

Per un territorio sensibile come quello alpino è un bilancio di luci e ombre. La cementificazione, l’invasione di turisti nel sensibile ecosistema alpino, alcuni settori ad alta intensità energetica come il turismo invernale e quello sciistico oppure il turismo del benessere sono solo alcuni aspetti legati ai flussi turistici che hanno un impatto sulla natura, l’ambiente, il paesaggio e il clima. Uno dei problemi principali che invece pesa allo stesso modo su tutti e tre i territori è il traffico.

La stragrande maggioranza dei turisti arriva in macchina. Per quanto riguarda l’Alto Adige l’Istituto di statistica ha calcolato che si tratta dell’85,5% (ASTAT 2015). Secondo il sito tirolwerbung.at in Tirolo la situazione è molto simile e l’automobile è di gran lunga il mezzo di trasporto più amato da chi viene in Tirolo per trascorrere una vacanza. In estate arriva in macchina l’83% e in inverno il 78% dei visitatori. Per il Trentino valgono numeri simili.

Nel frattempo, gli enormi problemi legati al traffico si stanno rivelando controproducenti per il turismo stesso, in quanto per i media stiamo diventando un territorio in cui il traffico è spesso congestionato.

E qui bisogna cambiare qualcosa. La possibilità di arrivare e ripartire senza macchina deve diventare un elemento della strategia comune dei tre territori verso l’obiettivo “no car requested”, vale a dire un territorio turistico in cui le varie località sono raggiungibili senza l’utilizzo dell’automobile. Entro il 2030 la percentuale di coloro che arrivano in treno per passare una vacanza nell’Euregio deve arrivare al 30%. Per questo servono collegamenti funzionanti a lunga percorrenza, sistemi adeguati di prenotazione, servizi minimi per agevolare la vacanza, come navette o servizi bagagli, nonché proposte di car sharing nelle stazioni principali. Bisogna poi introdurre agevolazioni straordinarie a favore delle strutture che decidono di impegnarsi in questa direzione.

Ciò premesso, la Commissione interregionale sottopone alle tre assemblee legislative riunite in seduta congiunta la seguente proposta:

  1. Le assemblee legislative, riunite in seduta congiunta, si impegnano a favore di una mobilità ecosostenibile per il turismo nell’Euregio. In questa ottica incaricano i rispettivi esecutivi di elaborare una comune strategia del tipo “no car requested”, tenendo conto delle iniziative e delle strategie regionali già avviate, per rendere l’Euregio “raggiungibile senza auto” entro il 2022. A tal fine si provvede affinché per l’arrivo e la partenza, nonché durante il soggiorno, i turisti non abbiano più bisogno di avere una macchina propria. L’obiettivo è di fare in modo che entro il 2030 il 30% di chi arriva in regione per una vacanza lo faccia utilizzando il treno.
  2. La strategia prevede
  • ‘introduzione di collegamenti ferroviari regolari e diretti dalle principali piazze del mercato turistico verso l’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino, per esempio tra Vienna e Trento, tra Berlino e Trento, tra Amburgo e Trento, anche sul modello dei treni charter;
  • una rete possibilmente ampia ed estesa di car sharing nelle stazioni ferroviarie più importanti dell’Euregio, possibilmente con macchine elettriche e relative colonnine di ricarica;
  • un esteso servizio di trasferimento persone e bagagli disponibile in tutto il territorio dell’Euregio;
  • lo sviluppo di applicazioni e sistemi di prenotazione elettronica che consentano di prenotare agevolmente l’arrivo e la partenza con i mezzi pubblici; l’attuazione della deliberazione approvata dalle tre assemblee legislative riunite in seduta congiunta a Schwaz, in cui si chiedeva un sistema tariffario unificato per il trasporto pubblico locale, per viaggiare su tutti i mezzi pubblici dell’Euregio con un biglietto unico;
  • lo sviluppo di strategie pubblicitarie e di comunicazione in cui si mettano in evidenza l’arrivo e la partenza con i mezzi pubblici.”

Cons. Prov.

Brigitte Foppa
Riccardo Dello Sbarba
Hanspeter Staffler
Sven Knoll
Myriam Atz Tammerle
Paul Köllensperger
Alex Ploner
Maria Elisabeth Rieder
Peter Faistnauer
Franz Ploner
Josef Unterholzner

Vecchia foto, domand
In visita da Mila
1 COMMENT
  • Giuliano Gabrielli / 19. Ottobre 2019

    Un quadro qualificato, ampio e moderno. Mi piace, es gefallt mir, I like it, je l aime, jag gillar et, me gusta, …

SCRIVI UN COMMENTO

* Die Checkbox für die Zustimmung zur Speicherung ist nach DSGVO zwingend.

Ich stimme zu.