HomeComunicati stampaCara Svp, sull’aeroporto non bastano le chiacchiere

Cara Svp, sull’aeroporto non bastano le chiacchiere

COMUNICATO STAMPA.

Ieri un partito politico, la Svp, si è incontrato privatamente a porte chiuse con il proprietario di una società privata che si è aggiudicata la gara per l’acquisto della società provinciale ABD SPA per un prezzo stracciato. Dato il carattere dell’incontro, l’opinione pubblica si deve accontentare dei comunicati diramati dai partecipanti, i quali sono mossi da un unico interesse: tranquillizzare le migliaia di elettrici ed elettori che al referendum del 2016 hanno votato no al potenziamento dell’aeroporto e adesso si sentono truffati dalla svendita di ABD.

La cordata di imprenditori privati che acquisterà ABD infatti questo potenziamento non solo è intenzionata a portarlo avanti, ma vi si dichiara costretta addirittura dalla stessa Giunta provinciale che nel bando di gara ha inserito l’obbligo a realizzare quel Masterplan del 2012 che prevede espressamente l’allungamento della pista dagli attuali 1296 metri a 1434 metri. Che tale allungamento si faccia per poter effettuare più voli con aerei più grandi per avere più passeggeri e più guadagni dall’attività aerea, lo capisce anche un bambino.

Per questo, le “rassicurazioni” diffuse nei comunicati finali dei partecipanti all’incontro di ieri non valgono di più della carta su cui sono scritte. Se la Svp avesse voluto garantire alla popolazione e ai comuni confinanti con l’aeroporto che la pista non sarebbe mai stata allungata e che l’attività di volo sarebbe stata limitata, avrebbe dovuto votare a favore del disegno di legge provinciale del Gruppo Verde, che conteneva proprio queste prescrizioni. Il fatto che invece, poco più di un mese fa, la Svp abbia affossato in commissione la nostra legge, senza proporre nessuna alternativa, toglie ogni credibilità alle rassicurazioni di ieri.

Se si leggono attentamente i comunicati diramati alla fine dell’incontro di ieri, l’unica affermazione concreta che vi è contenuta è l’intenzione dei privati, che si richiamano all’obbligo concordato con la Giunta provinciale, di potenziare l’aeroporto secondo il Masterplan 2012. Quando lo faranno, e come utilizzeranno questo potenziamento, dipenderà solo dai loro piani imprenditoriali che – legittimamente – risponderanno all’obbiettivo di massimizzare i ricavi derivanti dalle attività di volo.

Per questo i Verdi- Grüne-Vërc invitano l’opinione pubblica a non fare alcun affidamento su incontri privati come quelli di ieri.

I Verdi-Grüne-Vërc continueranno a contrastare in ogni modo questo inganno dell’aeroporto e sperano che un primo stop possa arrivare dal successo delle iniziative giudiziarie già attivate.

 Le ricordiamo:

–  il ricorso al TAR presentato un anno fa dal Comune di Laives, 

 – la segnalazione alla Autorità Anticorruzione inviata in primavera dal Dachverband,

–  l’esposto alla Corte dei Conti presentato in luglio dal gruppo consiliare provinciale dei Verdi-Grüne-Vërc,

– il ricorso al TAR presentato oggi dal gruppo consiliare del Team Köllensperger. 

Si tratta di iniziative diversificate ma unite negli obbiettivi comuni della tutela della salute e del clima e del rispetto della volontà popolare.

Bolzano, 03.09.2019

Cons. prov.

Riccardo Dello Sbarba
Brigitte Foppa
Hanspeter Staffler

TAGS:
Centro di tutela con
Inizia la scuola, ma
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

* Die Checkbox für die Zustimmung zur Speicherung ist nach DSGVO zwingend.

Ich stimme zu.