HomeComunicati stampa6 nuovi diritti fondamentali per l’UE: quando, se non ora, Europa?

6 nuovi diritti fondamentali per l’UE: quando, se non ora, Europa?

COMUNICATO STAMPA PER LA FESTA DELL’EUROPA.

Domenica 9 maggio è la Festa dell’Europa. Molti dei vantaggi dell’Unione Europea sono diventati talmente ovvi per tutte e tutti noi che ce ne rendiamo conto solo quando vengono brevemente sospesi. Un esempio fra tutti: le frontiere aperte. Lo abbiamo sperimentato di persona l’anno scorso quanto sia ormai assurdo quando ogni stato prende decisioni per conto suo riguardo ai propri confini (ma non solo).

Ma non sono solo le pandemie a poter essere gestite meglio se si è uniti piuttosto che da soli. A livello globale siamo davanti a sfide che vanno affrontate su grande scala: la distruzione del nostro ambiente, l’uso dei nostri dati su Internet, l’avanzata dell’intelligenza artificiale, le bugie di una parte della politica raccontate sistematicamente come “fatti alternativi”, le condizioni disumane con cui vengono creati e forniti prodotti e servizi e l’erosione dello stato di diritto – per citarne giusto sei.

Sono tutti problemi che le madri e i padri della nostra Costituzione non conoscevano, perché sono sorti o diventati più urgenti solo negli ultimi anni. Oggi, invece, sono in cima all’agenda e definiscono la tabella di marcia. Così, un gruppo di persone raccoltesi intorno all’autore e avvocato tedesco Ferdinand von Schirach ha lanciato un’iniziativa per aggiungere sei nuovi diritti fondamentali alla Costituzione europea (vedi riquadro sotto e la petizione) che coprono questi sei temi di stringente attualità: ambiente, autodeterminazione digitale, intelligenza artificiale, verità, globalizzazione, ricorso per i diritti fondamentali.

Se questi nuovi diritti fondamentali venissero incorporati nella Costituzione europea, sarebbe niente meno che una rivoluzione. Una rivoluzione che ogni cittadino e ogni cittadina (#JederMensch) dell’UE può attualmente sostenere online. L’unica domanda è: quando, se non ora, Europa?

Bolzano, 9.05.2021

Il Gruppo Verde in Consiglio provinciale

6 nuovi diritti fondamentali per l’UE

  1. Ambiente: Ogni persona ha il diritto di vivere in un ambiente sano e protetto.
  2. Digitale Selbstbestimmung: Jeder Mensch hat das Recht auf digitale Selbstbestimmung. Die Ausforschung oder Manipulation von Menschen ist verboten.
    „Das Internet und vor allem die sozialen Medien erleichtern unser Leben, bergen jedoch auch viele Risiken. Umso wichtiger ist es, dass #JederMensch jederzeit die alleinige Kontrolle über seine persönlichen Daten hat“ – Hanspeter Staffler.
  3. Intelligenza artificiale: Ogni persona ha diritto ad algoritmi trasparenti, verificabili ed equi. Decisioni fondamentali devono essere prese dall’essere umano.
  4. Verità: Ogni persona ha il diritto di sapere che le affermazioni di chi ci guida corrispondano alla verità.
    “Chi governa ha il dovere e la responsabilità di dire la verità, di portare fatti concreti e non solo annunci, false promesse e vuota propaganda. Ne va della fiducia della gente nella democrazia” – Riccardo Dello Sbarba. #JederMensch
  5. Globalisierung: Jeder Mensch hat das Recht, dass ihm nur solche Waren und Dienstleistungen angeboten werden, die unter Wahrung der universellen Menschenrechte hergestellt und erbracht werden.
    „Damit #JederMensch durchschauen kann, woher das kommt, was er oder sie kauft, müssen Unternehmen Menschenrechts- und Umweltstandards einhalten – entlang der gesamten Lieferkette“ – Brigitte Foppa.
  6. Grundrechtsklage: Jeder Mensch kann wegen systematischer Verletzungen dieser Charta Grundrechtsklage vor den Europäischen Gerichten erheben.
Avatar

Author: Serena

Kommunikationsbeauftragte der Grüne Fraktion.

I dipendenti non son
Mense: per sapere ch
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

Prima (il) Klima!