Giornata internazionale del rifugiato

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Il contributo dell’Alto Adige/Südtirol è lodevole, ma può essere migliorato.

Logo_Refugees_welcomeLa giornata odierna dedicata a livello mondiale ai rifugiati ci ricorda in modo molto chiaro le dimensioni di un fenomeno epocale: 60 milioni di persone scappano da guerra e fame. La maggior parte di loro si rifugia nei Paesi limitrofi, ma anche in quei Paesi e continenti in cui si aspettano di ricevere aiuto e che sono co-responsabili di miserie e ingiustizie.

Anche da qui parte il nostro deciso dovere alla solidarietà. L’Alto Adige ha dato molto, accanto alla Provincia si sono attivate soprattutto associazioni di volontariato, singole persone e Comuni, ma il potenziale di accoglienza non è stato ancora esaurito. Mentre il Land Tirolo ospita 6000 profughi e richiedenti asilo, la nostra Provincia ha posto il limite d’accoglienza a 900 persone.  Non c’è quindi motivo di lamentarsi e c’è ancora spazio a sufficienza.

Il fatto è questo: da tempo non si tratta più di chiedersi SE dobbiamo aiutare queste persone, ma solo COME possiamo farlo nella maniera migliore.

Le proposte Verdi sono ormai note:

  1. proponiamo di istituire una quota volontaria da parte dell’Alto Adige/Südtirol, posta più o meno a metà tra lo standard austriaco-tirolese (l’1% della popolazione) e quello italiano (per l’Alto Adige/Südtirol attualmente lo 0,9% dei profughi);
  2. distribuire i profughi in piccoli gruppi su più comuni. Bolzano deve essere alleggerita;
  3. Rafforzare in modo deciso la proposta di servizi per l’integrazione come corsi di lingua, occasioni sociali e culturali, lavori per la comunità. Soprattutto è da migliorare la possibilità di inserirsi nel mondo del lavoro; a questo proposito è richiesta la disponibilità delle imprese;
  4. creare un tavolo di coordinamento permanente tra Commissariato del governo, Provincia (ripartizioni sociale, sanità, lavoro, scuola, formazione professionale, lingue, edilizia, ecc.) Comuni, Enti territoriali, organizzazioni non governative, la società civile, partner sociali, volontari/e;
  5. assicurare prestazioni umanitarie migliori e più sistematiche ai profughi di passaggio;
  6. il problema dei profughi resta un tema centrale dell’Euroregione Tirol-Südtirol-Trentino;
  7. Informare e sensibilizzare meglio cittadine e cittadini. E soprattutto riconoscere meglio di quanto non sia stato fatto fino a ora il lavoro di volontari e volontarie. La grande festa organizzata a Innsbruck la settimana scorsa dal governo tirolese per i/le volontari/e ci sia da esempio.

Fino a che le cause di fuga (guerra, povertà, ingiustizia) non verranno arginate in modo efficace, ci dovremmo preparare a nuovi arrivi. Sarà un fenomeno epocale che accompagnerà anche la nostra provincia.

20.06.2016
Cons. prov. Hans Heiss,  Brigitte Foppa, Riccardo Dello Sbarba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

60 anni da Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l’oggi Il 17/11/1957 a Castel Firmiano resta una data di riferimento per l’Alto Adige. Circa 35.000 persone, donne e uomini, espressero con la loro presenza e [...]
Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Mozione: Consiglio Regionale La ferrovia della Val di Fiemme (in tedesco Fleimstalbahn) era una ferrovia a scartamento ridotto, costruita dal Genio militare austriaco all’inizio del ‘900 che congiungeva la ferrovia del Brennero da Ora a Predazzo[...]
L’università trilingue merita il patentino

L’università trilingue merita il patentino

  In occasione del 40° compleanno dell’esame di bilinguismo, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa mozione. Ci sembra paradossale che chi frequenta una scuola superiore in italiano e una università in Germania, o v[...]
I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

In fondo si tratta di una cosa molto semplice: pubblicare nei menù delle mense pubbliche (di scuole, case di riposo, ospedali, asili) la provenienza della carne offerta nei piatti. Perché è importante? Solo una piccolissima parte della carne che arri[...]
Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: Kompatscher promette che “la pista non sarà allungata”. Bene! E allora perché non fissare questo impegno nel piano urbanistico di Laives? La maggioranza SVP-PD ha oggi votato contro la mozione dei Verdi che chiedeva di eliminare dal p[...]
Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Sulla morte del piccolo Adan l’assessora si nasconde dietro un muro di burocratico silenzio. Con una interrogazione del Gruppo verde la TRAGICA vicenda del profugo curdo irakeno è arrivata per la prima volta in Consiglio provinciale. Dall’assessora [...]
Oggi il Parlamento europeo vota
Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

La consultazione popolare sull’autonomia in Veneto e Lombardia si è conclusa con una notevole partecipazione popolare, rispettivamente del 60% e del 39%. Un risultato, impressionante per il Veneto e considerevole per la Lombardia, che dà adito a inte[...]