Centrali Hydros: ci sono gli investimenti ambientali?

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

INTERROGAZIONE

rienz-perchaCentrali Hydros: ci sono gli investimenti ambientali?

In Provincia di Bolzano 4 centrali Hydros sono in scadenza nei prossimi anni e le gare non sono state mai indette.

La vicenda è nota: Le gare non sono state mai indette (soprattutto per la centrale di Brunico, la cui concessione è appena scaduta), la legge provinciale sulle gare per le grandi concessioni è stata cancellata nel dicembre del 2012 e dunque anche in provincia di Bolzano l’unica norma in vigore è quella dell’art. 37 del “Decreto Monti” (DL 22 giugno 2012, n. 83)che al comma 2 prevede che “per le concessioni in scadenza entro il 31 dicembre 2017, per le quali non è tecnicamente applicabile il periodo di cinque anni”, tali concessioni siano di fatto prorogate fino al 31 dicembre 2017.

Risultano così prorogate fino al 31 dicembre 2017 le concessioni delle centrali Hydros di Brunico (scadenza 05.03.2014, proroga di 45 mesi), Vizze (scadenza 17.11.2016, proroga di 14 mesi) e Marlengo (scadenza 18.11.2016, proroga di 14 mesi).

Il problema: così i concessionari possono andare avanti alle vecchie condizioni, che non prevedevano investimenti ambientali.

Su questo noi Verdi ci siamo subito attivati, presentando una mozione che è stata approvata il 9 maggio 2013 e che impegnava la Provincia “a trovare una soluzione giuridica, in analogia con quanto previsto dall’articolo 19/bis comma 1 della legge provinciale nr. 7 del 20 luglio 2006, e concordandola con i comuni interessati, affinché per le concessioni idroelettriche che verranno prorogate sia garantito ai comuni stessi un importo da parte del concessionario per gli investimenti ambientali”.

Ciò comportava che anche per concessioni prorogare in futuro (la legge del 2006 aveva effetto fino al 2010) il concessionari paghi un contributo di 38 € per Kw di potenza nominale da spendere in investimenti ambientali.

La mozione dei Verdi fu appunto approvata. Successivamente, in esecuzione di tale mozione, il 9 settembre 2013, il Consiglio provinciale approvò una modifica della legge nr. 7 del 20 luglio 2006 che estendeva la normativa anche alle centrali in scadenza nel presente e nel futuro.

Sono passati diversi mesi, la concessione di Brunico è scaduta ed è il momento di chiarire se la legge ha avuto un seguito.

Questo premesso, si chiede:

  1. E’ stato trovato un accordo con la Hydros per quanto riguarda il pagamento di contributi per investimenti ambientali per le 4 centrali in scadenza, ricordate in premessa?
  2. Se no, quali ostacoli ci sono?
  3. Se sì, quali sono le nuove condizioni in vigore e da quando valgono tali condizioni?
  4. In particolare, a quanto ammontano i contributi per investimenti ambientali da parte del concessionario e come sono stati calcolati?

Alle due ultime domande si chiede una risposta separata per ciascuna centrale, in ordine di scadenza delle concessioni (dunque cominciando da Brunico, che è già scaduta).

Bolzano, 31 marzo 2014

Cons. prov.

Riccardo Dello Sbarba
Brigitte Foppa
Hans Heiss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

La conferma ora è ufficiale: sebbene esistano misure efficaci per prevenire gli attacchi del lupo alle greggi e che esse siano finanziate generosamente dalla Provincia, in Alto Adige finora nessuno ne ha adottato neppure una. Sono queste le conseguen[...]
Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Siamo molto contente/i che la nostra mozione sia stata approvata! La Giunta provinciale ha accettato di avviare una campagna sia per informare uomini e giovani sul mestiere di maestro di scuola dell’infanzia o primaria, sia e per lottare contro gli s[...]
Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

L’opposizione al completo (16 consigliere e consiglieri provinciali) chiedono una nuova e più giusta legge elettorale. Anche il Gruppo Verde ha partecipato oggi alla conferenza stampa comune e ha sostenuto in aula la mozione-voto unitaria. “Vogliamo [...]
Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Il marchio Alto Adige – Südtirol dovrebbe essere garanzia di qualità, origine e autenticità. La carne di maiale da cui vengono confezionati i salumi però, proprio come lo speck, può arrivare anche da fuori regione. È dunque impossibile per la [...]
Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Il Parlamento italiano sta discutendo un disegno di legge per istituire lo ius soli temperato e lo ius culturae per l’attribuzione della cittadinanza italiana a bambine e bambini nati e/o cresciuti sul territorio italiano. La situazione attuale A[...]
Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Un primo commento sulla nuova legge urbanistica Politica degli annunci e strategia della zebra: questi i principali punti critici sottolineati dai Verdi alla presentazione della nuova legge urbanistica „territorio e paesaggio“. Il processo che ha [...]
Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Dal gruppo di rappresentanza del personale pedagogico delle scuole materne (KAS) riceviamo una lettera piena di dubbi e domande sulla questione vaccini. Noi Verdi condividiamo pienamente le loro perplessità. Le maestre si chiedono, in vista dell’att[...]
Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Da tempo le pazienti e i pazienti sudtirolesi soffrono delle lunghe liste d’attesa nella sanità. Oggi veniamo a sapere dal direttore generale Schael e dalla Giunta che l’emergenza verrà affrontata con l’aumento delle visite private e che al momento s[...]