HomeBuon climaVola, vola, vola… l’elicottero fino in hotel. Ma sul serio?

Vola, vola, vola… l’elicottero fino in hotel. Ma sul serio?

COMUNICATO STAMPA.
Nella nostra provincia, che si spaccia per esemplare nella protezione del clima, si nota che in certe zone certi ospiti raggiungono il loro hotel a bordo di un elicottero. Nella sola zona di Bressanone, per esempio, l’autorità forestale ha registrato nel mese di ottobre un numero cospicuo di voli di elicotteri. In risposta a una interrogazione presentata dal gruppo Verde in Consiglio provinciale su questo argomento, il Presidente Kompatscher ha confermato che ci sono effettivamente alcuni alberghi in Alto Adige che offrono ai loro ospiti la possibilità di arrivare in elicottero. Ha anche aggiunto che “fino a oggi” questo è legale, perché sulle piattaforme d’atterraggio provvisorie possono essere effettuati fino a 100 atterraggi all’anno, purché siano sotto i 1.600 metri sul livello del mare e non avvengano in aree sensibili. “Questa definizione è solo polvere negli occhi ed è pure una presa in giro nei confronti della gente della Val d’Isarco, che già sopporta giornalmente i disagi del rumore e dei gas di scarico del traffico”, ha commentato Brigitte Foppa sbigottita. E si può pure supporre che questo “servizio” non venga offerto solo in Val d’Isarco. Il turismo è un pilastro importante dell’economia sudtirolese. Senza tutte le attività legate al turismo sarebbe davvero difficile immaginare la nostra provincia. Ma esattamente così come questa branca economica dipende dalle turiste e dai turisti che decidono di venire da noi, allo stesso modo si poggia anche sull’accettazione della popolazione locale. È la popolazione locale che supporta il turismo – e al contempo deve anche sopportare molti disagi. La cosa più importante qui è trovare un equilibrio tra costi e benefici che vada bene per tutta la collettività. Perché una destinazione turistica, come è l’Alto Adige, che non gode più dell’appoggio della popolazione locale è l’ultima cosa che il settore si immagina. Per non parlare degli effetti sull’ambiente: “Quando si parla di Piano per il clima, la prima cosa da fare è rinunciare alle cose meno necessarie. Ed è proprio da questi eccessi che dobbiamo cominciare” concludono i Consiglieri provinciali Verdi, annunciando un disegno di legge sull’argomento. Bolzano, 04/12/2021 Cons. prov. Brigitte Foppa Riccardo Dello Sbarba Hanspeter Staffler In allegato la risposta della Giunta.

Avatar

Author: Serena

Kommunikationsbeauftragte der Grüne Fraktion.

La Cava di San Flori
Wann schämt es sich
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO