HomeNatura e ambienteVertice sul traffico a Monaco: la solita litania

Vertice sul traffico a Monaco: la solita litania

Le cifre sui camion confutano le dichiarazioni del vertice sul traffico di Monaco: il trend va nella direzione opposta.

Ieri i Ministri per la mobilità e i Governatori dell’Euregio si sono incontrati a Monaco per consultarsi sulla problematica del traffico lungo l’asse del Brennero. Il bilancio del vertice bavarese è stato a dir poco mediocre. Anche il Presidente Kompatscher questa volta non è riuscito ad annunciare un successo. La sensazione insipida deriva dal fatto che ascoltiamo per l’ennesima volta la solita vecchia litania. Nessuna nuova dunque da Monaco: che la RoLa debba essere rafforzata non è certo una rivoluzione.

Sicuramente ci risulta difficile credere alle promesse.
Anche perché i dati sul trasporto tramite l’autostrada ferroviaria (RoLa) sono in evidente regresso, come emerge chiaramente dalla risposta alla nostra interrogazione dello scorso dicembre (v. allegato): tra il 2007 e il 2016 i treni che trasportano camion non solo non sono cresciuti, ma sono drammaticamente diminuiti. L’andamento è impressionante: negli ultimi 10 anni il numero di treni è calato da 3.157 a 1.121 (vedi interrogazione) e soprattutto dopo il 2011 la discesa è stata continua e inesorabile.

In questo arco di tempo è stato trasportato sulla RoLa al massimo il 2,6% dei camion passati attraverso il Brennero. Si tratta di una chance sprecata. Come emerge dalla risposta alla nostra interrogazione, con una RoLa funzionante la concentrazione del diossido di azoto potrebbe essere ridotta del 10%. Corrisponde circa alla riduzione che potrebbe essere raggiunta con la riduzione dei limiti di velocità. L’esempio del Tirolo dimostra misure decise come una RoLa funzionante, la riduzione della velocità e il divieto di transito settoriale possono essere efficaci contro l’inquinamento. Il Sudtirolo resta troppo passivo – i dati sulla RoLa parlano chiaro. Il terminale per il trasporto merci che chiediamo da anni ancora non è stato realizzato e la Provincia negli ultimi 10 anni non ha elargito nessun incentivo a favore della RoLa.

In tutto ciò il numero di camion che attraversano ogni anno il Brennero è salito a 3,6 milioni e di questi solo 18.000 passano su rotaia. Nel 2007 erano 50.000.

Il trend attuale va nella direzione esattamente opposta a quella ripetuta ieri (per l’ennesima volta) a Monaco. Ci risulta davvero difficile continuare ad ascoltare.

Cons. prov.
Brigitte Foppa, Hans Heiss, Riccardo Dello Sbarba

Bolzano, 06/02/2018

Libere e liberi, di
Spazio gentile - Spa
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

* Die Checkbox für die Zustimmung zur Speicherung ist nach DSGVO zwingend.

Ich stimme zu.