HomeComunicati stampaUna nuova legge per le telecomunicazioni che sa già di vecchio

Una nuova legge per le telecomunicazioni che sa già di vecchio

Domani in Consiglio verrà discusso il disegno di legge sulle telecomunicazioni.
mediaBrigitte Foppa ha scritto una relazione di minoranza, in quale i punti che critichiamo in modo particolare sono i seguenti:

  • Il mancato coinvolgimento degli utenti della comunicazione nella genesi della legge e l‘insufficiente coinvolgimento di giornalisti e giornaliste nella sua elaborazione e correzione.
  • Punto di partenza sbagliato: si è cercato di rispondere alla domanda „Come finanziare i media“ e non a „Di quale comunicazione ha bisogno la nostra provincia“. Ne è prova l‘inserimento in una legge per le telecomunicazioni anche di un articolo dedicato alla comunicazione istituzionale della Provincia. Dovrebbe essere invece quest‘ultima ad adattarsi al vero obiettivo, cioè a come informare i cittadini e le cittadine.
  • Approccio datato: sono stati utilizzati dei parametri rigidi soprattutto di tipo quantitativo che corrisponde a uno spirito mediatico del 20° secolo, ma sicuramente non del 21°.
  • Non c‘è spazio per nuove e sperimentali forme di comunicazione.
  • In generale mancano criteri qualitativi: noi sosterremmo il lavoro di ricerca e la produzione locale e non articoli acquisiti, che nella legge vengono denominati come „autoprodotti“!
  • Mancanza di trasparenza: in Commissione è stata bocciata la nostra proposta di mettere in evidenza negli annunci i costi delle pubblicità istituzionali e che i programmi televisivi acquistati dalla Provincia lo riportino chiaramente nei titoli di testi e di coda.

Troviamo positivo che siano state accolte alcune proposte correttive soprattutto per quello che riguarda l‘articolo 4.
Per il dibattito generale, in aggiunta ai nostri 19 emendamenti, presenteremo poi un ordine del giorno con il quale impegniamo la Giunta a prevedere dei criteri di finanziamento particolari per i media gestiti da cooperative di giornalisti.
Brigitte Foppa
Hans Heiss
Riccardo dello Sbarba
La relazione di minoranza:
[gview file=”http://www.verdi.bz.it/wp-content/uploads/2015/09/Minderheitenbericht_Mediengesetz.pdf”]
L’ordine del giorno:
[gview file=”http://www.verdi.bz.it/wp-content/uploads/2015/09/2015-09-02-Ordine-del-giorno-Sostegno-a-uninformazione-pluralista-e-di-qualità.pdf”]

Un passo in avanti p
Impedire che Bolzano
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

* Die Checkbox für die Zustimmung zur Speicherung ist nach DSGVO zwingend.

Ich stimme zu.