HomeEconomia diversaROUTINEN BEGRÜNEN – UNA BUONA VITA ECOLOGICA

ROUTINEN BEGRÜNEN – UNA BUONA VITA ECOLOGICA

Il nostro programma elettorale del 2013, nel capitolo sull’ecologia quotidiana, recitava così:

“L’ecologia è presupposto indispensabile per il benessere e la qualità della vita. Tutelare natura e biodiversità e garantire le basi della nostra esistenza come l’acqua e l’aria pulita sono da sempre al centro dell’impegno verde. Nulla costa di più che trascurare i principi ecologici. La domanda sui limiti della crescita è oggi più attuale che mai.

Ma anche il nostro comportamento e le nostre abitudini sono fattori importanti che consentono o meno di garantire un ambiente più sano e un futuro felice ai nostri figli e alle nostre figlie.”

Nel nostro programma del 2013 avevamo dedicato perciò ampio spazio alla vita quotidiana e ai gesti, piccoli e grandi, che le singole persone possono compiere per dare il proprio contributo alla tutela dell’ambiente. Oltre alle varie proposte per una mobilità più sostenibile e un uso dello spazio più equo e ambientalmente compatibile, avevamo elencato una serie di proposte che avremmo voluto mettere in atto se fossimo stati parte del governo della provincia.

In questi cinque anni abbiamo ripreso quindi alcune di queste proposte e le abbiamo trasformate in mozioni, emendamenti a leggi provinciali e ordini del giorno. Alcune sono state addirittura accolte. Un segnale che a volte anche dalle fila dell’opposizione si può portare avanti una politica efficace e costruttiva.

Le mozioni „Promuovere gli “Ecoacquisti“ e “L’acqua dal rubinetto oltre le macchinette” verranno discusse nei prossimi giorni in Consiglio Provinciale.

Di seguito trovate un elenco completo di tutte le nostre proposte accolte o meno negli ultimi quattro anni e mezzo:

La vita buona nell’economia

Per stipulare un patto con la grande distribuzione volto a ridurre gli imballaggi e diminuire a monte i rifiuti, soprattutto di plastica, alleggerendo la vita delle famiglie.

Per dare vita a una fiera che abbia come protagoniste le tante imprese orientate al bene comune, creando un tavolo di lavoro che le metta in rete e dia loro visibilità.

Per mettere sui siti della provincia, a disposizione di tutte le cittadine e dei cittadini, alle imprese e ai comuni, il sistema di calcolo dell’impronta ecologica.

Per una certificazione da assegnare a quei negozi che si impegnano a fare azioni contro il cambiamento climatico (a partire dalle porte chiuse per evitare sprechi di energia)

  • Economia del bene comune (presentata insieme ai cons. Köllensperger e Steger)accolta il 18.12.14
    Per promuovere in particolar modo quelle aziende e quei Comuni che aderiscono ai principi dell’economia del Bene comune.

 

Acqua, risorsa di vita

Per installare degli erogatori di acqua in tutte le strutture pubbliche (a fianco delle solite „macchinette“).

Per incentivare il  consumo di acqua del rubinetto, con “case dell’acqua” nei comuni, bottiglie a consumo nelle mense pubbliche e un marchio per gli esercizi che servono in tavola l’acqua del sindaco

Per far tornare nelle stazioni della provincia le fontanelle di acqua potabile.

 

La verità dei prodotti alimentari

Per pubblicare la provenienza delle carni sul menu esposto nelle mense pubbliche.

Per permettere l’uso del marchio Alto Adige/Südtirol solo per prodotti di provenienza locale o    per obbligare a segnalare la presenza di eventuali ingredienti non locali.

 

Stop allo spreco

Per mettere a disposizione dei contenitori ad-hoc per portarsi a casa gli avanzi di cibo dai ristoranti e per sensibilizzare contro lo spreco di cibo.

Per avviare un progetto pilota per istituire dei luoghi pubblici in cui poter scambiare avanzi di cibo.

 

Bio?-Logico!

Per far sì che la maggior parte degli alimenti serviti nelle mense pubbliche provenga da coltivazione biologica e/o regionale.

Per aumentare i fondi destinati alla ricerca sull’agricoltura biologica e per promuovere la formazione in agricoltura biologica a tutti i livelli scolastici e universitari.

Go Veggie/Vegan!

Per adeguare i piani dietetici delle strutture pubbliche alle indicazioni dell’OMS sul consumo di carne e per segnalare la presenza di cibi vegetariani e vegani sulle carte menu.

 

Recycling & Upcycling

Per dare nuova vita alle professioni e/o competenze volte a riparare oggetti, vestiti, scarpe ecc.

Per sviluppare strategie per rivalutare le tecniche di riuso e riparazione di oggetti.

 

Edilizia sostenibile

Per promuovere la costruzione di case di paglia e il necessario know-how in questo settore di edilizia sostenibile.

 

Per una buona vita in Alto Adige

Per far sì che l’Alto Adige Südtirol diventasse una regione-modello per gli stili di vita sostenibili, su imitazione delle città slow.

La proposta di Salvi
Il limite dei 100 no
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

* Die Checkbox für die Zustimmung zur Speicherung ist nach DSGVO zwingend.

Ich stimme zu.