HomeComunicati stampaL’Alto Adige ha bisogno di una scuola plurilingue!

L’Alto Adige ha bisogno di una scuola plurilingue!

E’ un desiderio di molte famiglie ed è socialmente necessaria.
Noi Verdi Grüne Verc ci battiamo da sempre per l’istituzione di una scuola comune plurilingue, come offerta aggiuntiva accanto ad una scuola in madrelingua, per coloro che lo desiderano. Una scuola per migliorare l’apprendimento e insieme rafforzare la convivenza tra tutti i gruppi linguistici, oltre ai tre tradizionali.
Una scuola comune plurilingue è necessaria per un’autonomia più moderna e aperta, attenta al “vivere insieme e non accanto”.
I partecipanti intervenuti al flash mob organizzato dalle candidate dei Verdi Grüne Verc Laura Polonioli, Corinna Lorenzi, Chiara Rabini e dal più giovane candidato Zeno Oberkofler davanti alla Libera Università di Bolzano hanno urlato a gran voce al suono di campanelli e fischietti lo slogan „Scuola plurilingue adesso, facciamoci sentire“ in varie lingue.
La scelta di Piazza Università non è stata casuale perché proprio alla Libera Università di Bolzano è realizzato in buona parte quel modello di plurilinguismo che i Verdi Grüne Verc vorebbero vedere compiuto anche nelle scuole dell’obbligo della nostra Provincia.
La scuola plurilingue prospettata dai Verdi si propone come offerta aggiuntiva all’insegnamento in madrelingua e si articola in sezioni/classi plurilingui istituite in entrambe le scuole tedesca e italiana.
Una scuola plurilingue offre molteplici vantaggi per TUTTI: per coloro che sono già plurilingui – perchè valorizza e sostiene le lingue già conosciute, approfondendole – e per coloro che non sono ancora plurilingui, perchè aiuta a sviluppare quelle capacità comunicative che ancora non possiedono.
Non intacca il diritto all‘insegnamento nella madrelingua, ma crea quella libertà di scelta che una realtà sempre più variegata e globalizzata richiede.
Le famiglie, l’università trilingue, il mondo dell’economia, le amministrazioni pubbliche chiedono sempre più giovani preparati in piú lingue: la scuola plurilingue è il luogo naturale dove apprenderle e insieme praticare una vera convivenza, presupposto indispensabile per un’autonomia moderna e aperta che guardi all’Europa.
Durante il flash mob il più giovane dei candidati Zeno Oberkofler ha raccontato il suo sogno: „Voglio essere riconosciuto per quello che sono, plurilingue! Sia italiano sia tedesco!“

Kompatscher punta al
Europarlamentare Ell
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

* Die Checkbox für die Zustimmung zur Speicherung ist nach DSGVO zwingend.

Ich stimme zu.