Sicurezza sulle piste da sci

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

gatto-delle-nevi

MOZIONE

Sulle piste da sci le ore successive alla chiusura degli impianti possono diventare molto pericolose. Infatti, quando la pista è ufficialmente chiusa cominciano i lavori di preparazione per la giornata successiva. Tali lavori sono eseguiti da gatti delle nevi che percorrono più volte i pendii: in quel momento chi si trova sulle piste, diventate ormai cantieri a cielo aperto, è esposto a notevoli pericoli. Numerosi sono i casi di incidenti di sciatori ritardatari, di persone su slittino o di pedoni investiti da gatti delle nevi al lavoro.

L’ultimo grave incidente si è verificato la notte di sabato 16 febbraio: un ragazzo di 19 anni di Tesero è stato investito sulle piste di Obereggen nella tarda serata, a piste chiuse, da un gatto delle nevi al lavoro.

Quest’ultimo incidente ha fatto tornare di attualità un vecchio problema, quello degli orari di chiusura dei locali adiacenti alle piste da sci.

Il ragazzo di Tesero, infatti, aveva trascorso la serata a una festa presso il Genischer Alm di Obereggen e stava tornando a valle lungo la pista quando è accaduto l’incidente.

Nei giorni successivi diversi esponenti del personale medico, del soccorso alpino, delle forze dell’ordine e anche autorità politiche del vicino Trentino hanno chiesto una normativa omogenea sugli orari di chiusura dei locali limitrofi alle piste da sci: essi devono chiudere contemporaneamente agli impianti, oppure – in caso di autorizzazione alla apertura prolungata – i gestori devono preoccuparsi di riportare a valle i clienti con mezzi e lungo itinerari che garantiscano la massima sicurezza.

In particolare, dopo la chiusura degli impianti le piste da sci devono restare totalmente sgombre.

Tutto ciò considerato,

il Consiglio provinciale impegna la Giunta provinciale

a varare la necessaria normativa e a coordinarsi con le forze dell’ordine, con i gestori dei locali e degli impianti da sci e con i responsabili politici delle province confinanti affinché:

  1. I locali limitrofi alle piste da sci chiudano contemporaneamente alla chiusura degli impianti delle piste stesse.
  2. Le piste restino dunque totalmente sgombre nel momento in cui entrano in azione gatti delle nevi e altri mezzi nei lavori di preparazione delle piste per la giornata successiva.
  3. Nel caso di autorizzazioni al prolungamento degli orari di apertura dei locali, di cene, feste e simili, tali autorizzazioni siano sottoposte alla condizione che i gestori si assumano il compito e la responsabilità di ricondurre a valle i propri clienti su mezzi e per itinerari sicuri, senza alcun ingombro delle piste.

Consiglieri provinciali

Riccardo Dello Sbarba
Hans Heiss

Bolzano, 18 febbraio 2013

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Doppia cittadinanza o doppia strategia?

Doppia cittadinanza o doppia strategia?

L'atteggiamento ballerino della SVP sulla doppia cittadinanza è un flirt rischioso con i secessionisti. La lettera firmata da 19 consiglieri al governo austriaco sulla doppia cittadinanza ha fatto scalpore... non tanto per i contenuti, quanto piut[...]
Il fango resta attaccato alla mano che lo lancia. I Verdi del Sudtirolo e i Verdi di Bolzano condannano l’azione leghista contro la collega Maria Laura Lorenzini

Il fango resta attaccato alla mano che lo lancia. I Verdi del Sudtirolo e i Verdi di Bolzano condannano l’azione leghista contro la collega Maria Laura Lorenzini

Oggi i consiglieri comunali della Lega a Bolzano hanno distribuito ai passanti delle finte banconote da 1000 Euro con l’immagine dell’assessora Maria Laura Lorenzini. Questa azione  vuole portare l’attenzione (e l’odio!) della gente sull’iniziativa[...]
Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

60 anni da Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l’oggi Il 17/11/1957 a Castel Firmiano resta una data di riferimento per l’Alto Adige. Circa 35.000 persone, donne e uomini, espressero con la loro presenza e [...]
Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Mozione: Consiglio Regionale La ferrovia della Val di Fiemme (in tedesco Fleimstalbahn) era una ferrovia a scartamento ridotto, costruita dal Genio militare austriaco all’inizio del ‘900 che congiungeva la ferrovia del Brennero da Ora a Predazzo[...]
L’università trilingue merita il patentino

L’università trilingue merita il patentino

  In occasione del 40° compleanno dell’esame di bilinguismo, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa mozione. Ci sembra paradossale che chi frequenta una scuola superiore in italiano e una università in Germania, o v[...]
I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

In fondo si tratta di una cosa molto semplice: pubblicare nei menù delle mense pubbliche (di scuole, case di riposo, ospedali, asili) la provenienza della carne offerta nei piatti. Perché è importante? Solo una piccolissima parte della carne che arri[...]
Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: Kompatscher promette che “la pista non sarà allungata”. Bene! E allora perché non fissare questo impegno nel piano urbanistico di Laives? La maggioranza SVP-PD ha oggi votato contro la mozione dei Verdi che chiedeva di eliminare dal p[...]
Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Sulla morte del piccolo Adan l’assessora si nasconde dietro un muro di burocratico silenzio. Con una interrogazione del Gruppo verde la TRAGICA vicenda del profugo curdo irakeno è arrivata per la prima volta in Consiglio provinciale. Dall’assessora [...]