HomeComunicati stampaSoccorrere i profughi è un dovere umanitario

Soccorrere i profughi è un dovere umanitario

2014 10 11 incontro profughi brenneroAl Brennero incontro dei Verdi di Tirolo e Alto Adige.
Dopo che il Consiglio provinciale ha respinto la mozione dei Verdi che proponeva di creare al Brennero un centro di accoglienza per i profughi, l’incontro al Brennero con Christine Baur, assessora nel governo tirolese dal 2013 con la competenza per i profughi, è arrivato nel momento più opportuno.
Il Tirolo si dimostra molto più generoso con i profughi che non il Sudtirolo: sono oltre 2.000 in questo momento i profughi di cui si fa carico il Tirolo, che ha una popolazione di 1,5 volte quella nostra, mentre in Sudtirolo i profughi accolti sono 250.
Inoltre il Tirolo ha preso atto che, di fronte a persone in fuga dalla guerra e spesso traumatizzate, bisogna andare oltre la disputa sulle competenze: „Noi ce ne occupiamo, e basta!“ ha detto Christine Baur, che comunque ha sottolineato la mancanza di un’efficace politica coordinata a livello europeo.
Nonostante questo il Tirolo offre una prima accoglienza, un letto, un pasto e una doccia a quei profughi che, sorpresi nel loro viaggio verso il nord Europa, devono poi essere riaccompagnati in Italia. Sul lato sud del Brennero la situazione è molto peggiore e le istituzioni non sono capaci di offrire nulla di simile. Lo Stato fa finta di non vedere, la Provincia dice che sarebbe competenza dello Stato, e in questo rimpallo di responsabilità chi ha la peggio sono i profughi.
Noi Verdi al Brennero abbiamo voluto testimoniare che, di fronte a persone in difficoltà, prive di tutto e in fuga dalla guerra, il soccorso è un’assoluta priorità. La Provincia dovrebbe orientarsi all’esempio del Tirolo, invece di scaricare la responsabilità sullo Stato, com’è accaduto ieri in Consiglio provinciale. Bisognerebbe smetterla di discutere „SE“ l’Alto Adige debba accogliere i profughi, ma „COME“ accoglierli.
E’ un dovere umanitario, sia di qua che di là del Brennero.
In occasione della seduta del Dreierlandtag il 28 ottobre deve essere trovato un momento in cui poter scambiare informazioni e individuare soluzioni comuni tra Tirolo, Alto Adige e Trentino.
Florian Kronbichler
Brigitte Foppa
Riccardo Dello Sbarba
Hans Heiss

Alluvione a Genova:
Una Convenzione per
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

* Die Checkbox für die Zustimmung zur Speicherung ist nach DSGVO zwingend.

Ich stimme zu.