HomeComunicati stampaRecord di pernottamenti nel turismo: invece di cercare di tranquillizzare, chiediamo alla giunta provinciale di agire strategicamente.

Record di pernottamenti nel turismo: invece di cercare di tranquillizzare, chiediamo alla giunta provinciale di agire strategicamente.

Il tetto massimo dei posti letto del 2022 si rivela essere totalmente inefficace: il boom delle prenotazioni continua nonostante il freno, i pernottamenti in Alto Adige salgono da un record all’altro: Un aumento da 34,4 milioni (2022) a 36,1 milioni lo scorso anno significa un aumento di quasi il 5%. In dieci anni, il tetto dei 30 milioni è stato superato senza sforzo: dietro alle cifre si cela da un lato un aumento della prosperità e dell’occupazione, che nessuno nega, tuttavia, pesa ancora di più la radicale trasformazione del paesaggio, della mobilità e del livello dei prezzi, soprattutto dei prezzi degli immobili. Il peggioramento in questi tre settori principali è sperimentato da ogni abitante dell’Alto Adige anno dopo anno, e non si può nascondere. Inoltre, è prevedibile che nei prossimi anni il riscaldamento globale e l’attrattiva aumenteranno notevolmente l’afflusso di turisti in Alto Adige: già nel 2028 sono prevedibili 40 milioni di pernottamenti. Il primo commento del nuovo assessore al turismo, Walcher, è privo di prospettive per una gestione del futuro turistico della nostra provincia. Noi Verdi chiediamo di intraprendere al più presto misure per limitare il sovraffollamento turistico. Oltre ad habitat e risorse, si sta mettendo a dura prova anche la pazienza delle cittadine e dei cittadini. Un adeguato controllo del turismo è un elemento centrale per una politica climatica credibile. Anche in questo caso, la giunta provinciale non dà ancora risposte.

Author: Verena

Raccolta di dati sul
Stipendi più alti p
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO