HomeComunicati stampaCambiamento climatico e vecchie ricette

Cambiamento climatico e vecchie ricette

neve-artificiale-oberholz-altaCambiamento climatico: Dolomiti Superski e HGV dovrebbero pensarci bene prima di riproporre vecchie ricette.
Le sfavorevoli condizioni del tempo e la mancanza di neve hanno spinto il presidente di Dolomiti Superski e dell’associazione albergatori a invocare un più forte ricorso al bene pubblico acqua per innevare artificialmente le piste nel più breve tempo possibile. Il ricorso a derivazioni da fiumi e torrenti e più grandi serbatoi in alta quota dovrebbero servire a trasformare acqua in neve appena le temperature si abbassano un po’. Insomma: una corsia preferenziale per il turismo invernale, senza con ciò reagire in modo sostenibile al cambiamento climatico.
La risposta non può consistere in un più intensivo sfruttamento che minaccia le risorse più importanti di cui dispongono le Alpi, cioè l’acqua e il paesaggio. Stravolgere le norme a tutela delle acque e seminare in alta montagna altri grandi serbatoi è la risposta sbagliata al cambiamento radicale delle condizioni climatiche. Il turismo invernale raggiunge da 5 anni il 37% dei pernottamenti totali (circa 11 milioni all’anno). Bisogna pensare ad alternative valide, invece di spremere fino all’ultimagoccia le risorse delle Alpi e disseminare le montagne di migliaia di cannoni divoratori di acqua e di energia.
Hans Heiss
Brigitte Foppa
Riccardo dello Sbarba
Bolzano, 17. 12. 2014

L'insicurezza d
„Errare è umano,
NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

* Die Checkbox für die Zustimmung zur Speicherung ist nach DSGVO zwingend.

Ich stimme zu.