Verdi e liste civiche eco-sociali restano garanti per la pluralitá democratica della provincia

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Danke Grazie Cecilia

Verdi e liste civiche eco-sociali in Alto Adige/Südtirol tengono e restano garanti per la pluralitá democratica della provincia.

Il risultato sensazionale a Merano e la conquista di alcuni comuni da parte delle liste civiche sono motivo di grande soddisfazione.

Siamo soddisfatti del risultato della tornata elettorale appena conclusa. Nei comuni dove si sono presentate liste verdi siamo riusciti a mantenere il risultato del 2010. A Merano è grande la soddisfazione per il fantastico risultato di Paul Rösch sostenuto dalla lista verde. Al ballottaggio sarà ancora tutto da vedere.

A Bolzano, la candidata sindaca Cecilia Stefanelli con il 10,5% è riuscita a calamitare i voti degli eco-sociali, il cui elettorato, evidentemente, non era più in sintonia con la strada imboccata da Luigi Spagnolli. Il 5,1% della lista verde a Bolzano è segno di stabilità nel capoluogo, dato che Projekt Bozen si è sganciato restando nella coalizione di governo.
Preoccupa invece la deriva verso la destra estrema: Lega, Lista Benussi, Unitalia e Casa Pound raggiungono praticamente il 20% e a questi si aggiungono gli altri partiti di destra come Fratelli d’Italia, Forza Italia e Alto Adige nel Cuore. Si vedrà se l’alleanza PD-SVP con il centro-destra sará la causa dell’ingovernabilità della città.

A Laives il risultato è tale e quale a quello del 2010. A Renon la nuova e giovane lista verde è riuscita a raggiungere un bel 7,8%.

Non siamo molto soddisfatti del risultato della lista civica verde a Bressanone, dove la partecipazione al governo e la lista parallela Demos, nonostante l’indiscusso ottimo lavoro svolto dall’assessora Elda Letrari, hanno influenzato negativamente il risultato. A Varna la lista civica verde ha mantenuto i due posti in consiglio.

Importanti sono anche i notevoli successi raggiunti in provincia da nuove e meno nuove liste civiche. Siamo inoltre contenti del cambio di sindaco a San Candido (brava Rosmarie Burgmann!), a Prato allo Stelvio e del risultato di Vipiteno e Malles. Tutto ciò, insieme al fatto che a Bolzano siamo rappresentati in tutti i quartieri significa che anche per i prossimi 5 anni il pensiero eco-sociale potrà esprimere la propria voce chiaro e forte, sia nelle città che nei comuni più piccoli.

Per questo ringraziamo tutte le elettrici e gli elettori, i candidati e le candidate e tutte/i coloro che hanno contribuito a questo bel risultato.

Brigitte Foppa e Giorgio Zanvettor
Co-portavoce provinciali Verdi Grüne Vërc

Bolzano, 11.05.2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

60 anni da Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l’oggi Il 17/11/1957 a Castel Firmiano resta una data di riferimento per l’Alto Adige. Circa 35.000 persone, donne e uomini, espressero con la loro presenza e [...]
Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Mozione: Consiglio Regionale La ferrovia della Val di Fiemme (in tedesco Fleimstalbahn) era una ferrovia a scartamento ridotto, costruita dal Genio militare austriaco all’inizio del ‘900 che congiungeva la ferrovia del Brennero da Ora a Predazzo[...]
L’università trilingue merita il patentino

L’università trilingue merita il patentino

  In occasione del 40° compleanno dell’esame di bilinguismo, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa mozione. Ci sembra paradossale che chi frequenta una scuola superiore in italiano e una università in Germania, o v[...]
I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

In fondo si tratta di una cosa molto semplice: pubblicare nei menù delle mense pubbliche (di scuole, case di riposo, ospedali, asili) la provenienza della carne offerta nei piatti. Perché è importante? Solo una piccolissima parte della carne che arri[...]
Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: Kompatscher promette che “la pista non sarà allungata”. Bene! E allora perché non fissare questo impegno nel piano urbanistico di Laives? La maggioranza SVP-PD ha oggi votato contro la mozione dei Verdi che chiedeva di eliminare dal p[...]
Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Sulla morte del piccolo Adan l’assessora si nasconde dietro un muro di burocratico silenzio. Con una interrogazione del Gruppo verde la TRAGICA vicenda del profugo curdo irakeno è arrivata per la prima volta in Consiglio provinciale. Dall’assessora [...]
Oggi il Parlamento europeo vota
Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

La consultazione popolare sull’autonomia in Veneto e Lombardia si è conclusa con una notevole partecipazione popolare, rispettivamente del 60% e del 39%. Un risultato, impressionante per il Veneto e considerevole per la Lombardia, che dà adito a inte[...]