Verdi e liste civiche eco-sociali restano garanti per la pluralitá democratica della provincia

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Danke Grazie Cecilia

Verdi e liste civiche eco-sociali in Alto Adige/Südtirol tengono e restano garanti per la pluralitá democratica della provincia.

Il risultato sensazionale a Merano e la conquista di alcuni comuni da parte delle liste civiche sono motivo di grande soddisfazione.

Siamo soddisfatti del risultato della tornata elettorale appena conclusa. Nei comuni dove si sono presentate liste verdi siamo riusciti a mantenere il risultato del 2010. A Merano è grande la soddisfazione per il fantastico risultato di Paul Rösch sostenuto dalla lista verde. Al ballottaggio sarà ancora tutto da vedere.

A Bolzano, la candidata sindaca Cecilia Stefanelli con il 10,5% è riuscita a calamitare i voti degli eco-sociali, il cui elettorato, evidentemente, non era più in sintonia con la strada imboccata da Luigi Spagnolli. Il 5,1% della lista verde a Bolzano è segno di stabilità nel capoluogo, dato che Projekt Bozen si è sganciato restando nella coalizione di governo.
Preoccupa invece la deriva verso la destra estrema: Lega, Lista Benussi, Unitalia e Casa Pound raggiungono praticamente il 20% e a questi si aggiungono gli altri partiti di destra come Fratelli d’Italia, Forza Italia e Alto Adige nel Cuore. Si vedrà se l’alleanza PD-SVP con il centro-destra sará la causa dell’ingovernabilità della città.

A Laives il risultato è tale e quale a quello del 2010. A Renon la nuova e giovane lista verde è riuscita a raggiungere un bel 7,8%.

Non siamo molto soddisfatti del risultato della lista civica verde a Bressanone, dove la partecipazione al governo e la lista parallela Demos, nonostante l’indiscusso ottimo lavoro svolto dall’assessora Elda Letrari, hanno influenzato negativamente il risultato. A Varna la lista civica verde ha mantenuto i due posti in consiglio.

Importanti sono anche i notevoli successi raggiunti in provincia da nuove e meno nuove liste civiche. Siamo inoltre contenti del cambio di sindaco a San Candido (brava Rosmarie Burgmann!), a Prato allo Stelvio e del risultato di Vipiteno e Malles. Tutto ciò, insieme al fatto che a Bolzano siamo rappresentati in tutti i quartieri significa che anche per i prossimi 5 anni il pensiero eco-sociale potrà esprimere la propria voce chiaro e forte, sia nelle città che nei comuni più piccoli.

Per questo ringraziamo tutte le elettrici e gli elettori, i candidati e le candidate e tutte/i coloro che hanno contribuito a questo bel risultato.

Brigitte Foppa e Giorgio Zanvettor
Co-portavoce provinciali Verdi Grüne Vërc

Bolzano, 11.05.2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Le scuole materne „tedesche“ e le contraddizioni della politica scolastica in Alto Adige

Le scuole materne „tedesche“ e le contraddizioni della politica scolastica in Alto Adige

Il dibattito sulle iscrizioni di bambini e bambine „non-tedeschi/e“ nelle scuole materne tedesche apre svariate questioni tipiche della politica scolastica sudtirolese degli ultimi decenni. Ora più che mai è evidente quanto la politica della separazi[...]
Disposizioni sull’assestamento di bilancio in Consiglio provinciale

Disposizioni sull’assestamento di bilancio in Consiglio provinciale

Breve guida verde nella giungla di norme Nel corso della odierna conferenza stampa del Gruppo Verde, Hans Heiss, Riccardo Dello Sbarba e Brigitte Foppa hanno commentato la legge sull'assestamento di bilancio che verrà discussa nella sessione di Cons[...]
È tempo di cambiare!

È tempo di cambiare!

Il sistema scolastico separato è agli sgoccioli Da molti anni noi Verdi ci impegniamo con decisione per un rinnovamento radicale del sistema scolastico sudtirolese, i cui obiettivi principali, in una provincia con più gruppi linguistici, dovrebbero [...]
Dove sono finite trasparenza e partecipazione?

Dove sono finite trasparenza e partecipazione?

Giunta provinciale: troppe decisioni fondamentali prese a colpi di “delibere fuori sacco”. La giunta Kompatscher si era presentata annunciando un nuovo stile, caratterizzato da trasparenza e partecipazione. Nel corso del tempo queste promesse sono[...]
Convegno internazionale a Merano

Convegno internazionale a Merano

#greeningtourism – limiti e opportunità dello sviluppo turistico in Europa e sull’Arco alpino All Inclusive? Con questa domanda i Verdi del Sudtirolo hanno accolto una platea internazionale per analizzare il conflitto, ma anche le possibili simbio[...]
Ennesima omnibus

Ennesima omnibus

Meno diritti per le persone immigrate e meno garanzie sugli OGM per consumatori e consumatrici. La legge omnibus (LGE Nr. 125/17) è l’ennesimo esempio di come non si fa legislazione. Un anno fa, in occasione della omnibus precedente, il Gruppo Ver[...]
La legge sulla dirigenza arriva in Consiglio provinciale

La legge sulla dirigenza arriva in Consiglio provinciale

Una piramide d’oro con la base d’argilla Dopo il dibattito in Commissione legislativa, giovedì 29 giugno la legge sulla struttura dirigenziale dell’amministrazione provinciale approda in Consiglio provinciale. Le nostre valutazioni iniziali resta[...]
Natura e turismo, conflitto e simbiosi: conferenza internazionale a Merano con patrocinio verde.

Natura e turismo, conflitto e simbiosi: conferenza internazionale a Merano con patrocinio verde.

All Inclusive? Nature and tourism between conflict and symbiosis – Questo è il titolo della conferenza internazionale organizzata dai Verdi sudtirolesi in collaborazione con i Verdi europei il prossimo fine settimana a Merano. Venerdì 23 giugno si[...]