Funivia del Renon: alla fine la Provincia spenderà di più in affitti?

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

RiccardoINTERROGAZIONE

Funivia del Renon: Un carosello di uffici alla fine del quale la Provincia spenderà di più in affitti?

La Provincia da tempo promette una riduzione degli affitti a suo carico per edifici che ospitano uffici pubblici. Si tratta di verificare se le decisioni concrete sono coerenti con questo obbiettivo proclamato.

Uno dei più importanti “caroselli di uffici” in corso riguarda il nuovo edificio per uffici “Ribo Center” presso la funivia del Renon, di proprietà della società Ribo Skyline srl (Leitner Spa + Seeste Bau Spa), di cui la Provincia ha preso in affitto circa 1030 mq.

Ciò ha dato il via al seguente “carosello” di uffici:

  1. Trasferimento presso il “Ribo Center” dell’Agenzia per la Mobilità e di tutti i servizi di sportello della Ripartizione Mobilità, finora ospitati (gratuitamente) presso l’Edificio Provinciale 3 in piazza Magnago. Maggiore affitto annuo a carico della provincia: 158.400 € + IVA (13200 € + IVA mensili x 12).
  2. Trasferimento negli spazi lasciati vuoti presso l’Edificio Provinciale 3 di:
  • Assessorato al Bilancio dell’assessore Bizzo, finora ospitato presso il Palazzo di piazza Università di proprietà della Regione. Per questo palazzo la Provincia pagava alla Regione fino all’ottobre 2012 la cifra simbolica di 100 (cento) € all’anno; dal novembre 2012 l’affitto è stato portato a 26.000 €/anno. Che la Regione abbia improvvisamente aumentato di ben 260 volte l’affitto a carico della “sorella” Provincia è difficilmente spiegabile, a meno che la Provincia non si fosse impegnata a lasciare libero l’edificio entro fine ottobre 2012, la Regione lo avesse già promesso in affitto all’Università per quella cifra, avesse anche contato su questo introito e poi, visto che la Provincia ha tardato a trasferirsi, la Regione abbia preteso dalla Provincia quello che le avrebbe dato l’Università. La causa dei ritardi del trasferimento della Provincia sta nel ritardo con cui l’edificio presso la funivia del Renon è diventato disponibile, ritardo causato a sua volta dai noti problemi che si sono presentati nel complesso edilizio della funivia stessa. Dunque, nel bilancio i 26.000 € che la Provincia non pagherà più potrebbero anche apparire- semmai – come un transitorio costo aggiuntivo che la Provincia, per colpa del ritardato trasloco della Mobilità alla funivia, ha dovuto pagare. Sarebbe dunque non un risparmio ma un aggravio e dunque rappresenterebbe perfino una “cifra in rosso” nel conto sui costi e i benefici del “carosello degli uffici”. E’ significativo che, rispondendo alla nostra interrogazione 3550/13 sugli affitti in meno e in più, l’assessore Mussner non cita questi 26.000 € che la Provincia paga alla Regione tra quelli “risparmiati”.
  • Le sedi dei sindacati dei lavoratori provinciali per cui attualmente la Provincia paga un affitto di 56.585 € all’anno. E questo è un risparmio effettivo.

Tutto ciò considerato, a seconda di come si considera l’affitto di piazza Università, sono possibili tre tipi di calcoli costi-benefici sul “carosello” di uffici provinciali che ha per “motore” il “Ribo Center”:

1° CALCOLO COSTI-BENEFICI

(considerando l’affitto pagato alla Regione per piazza Università come un costo aggiuntivo dovuto al mancato trasloco):

Affitto in più al Ribo Center: 158.400 €

Affitto in più alla Regione per ritardi nel trasferimento dal Palazzo di piazza Università: 26.000 €

Affitto risparmiato per uffici sindacali: 56.585 €

RISULTATO: 127.815 € DI SPESE AGGIUNTIVE D’AFFITTO

2° CALCOLO COSTI-BENEFICI

(non considerando l’affitto pagato alla Regione per piazza Università né in positivo né in negativo, coma fa Mussner nella risposta alla nostra interrogazione 3550/13):

Affitto in più al Ribo Center: 158.400 €

Affitto risparmiato per uffici sindacali: 56.585 €

RISULTATO: 101.815 € DI SPESE AGGIUNTIVE D’ AFFITTO

3° CALCOLO COSTI-BENEFICI

(considerando “generosamente” l’affitto pagato alla Regione per piazza Università come un risparmio – cosa che non fa neppure Mussner):

Affitto in più al Ribo Center: 158.400 €

Affitto risparmiato in piazza Università: 26.000 €

Affitto risparmiato per uffici sindacali: 56.585 €

RISULTATO: 75.815 € DI SPESE AGGIUNTIVE D’ AFFITTO

VALUTAZIONE DI SINTESI

  1. Il carosello degli uffici provinciali che ha il Ribo Center come perno intorno a cui ruota l’operazione NON porta per la Provincia a un risparmio, ma a un aumento delle spese di affitto annuali.
  2. A seconda dei criteri con cui si giudica la vicenda di piazza Università, questa maggiore spesa in affitti risulta, rispettivamente:
  • Di 127.815 € nell’ipotesi peggiore;
  • Di 101.815 € nell’ipotesi intermedia (la più realistica, anche perché avvalorata dalla risposta di Mussner);
  • Di 75.815 € nell’ipotesi più favorevole per la Provincia.

Si chiede:

  1. Quale dei tre calcoli costi-benefici illustrati in premessa è quello che la Provincia ritiene esatto?
  2. Se la Provincia non condivide nessuno di questi tre calcoli, qual è il calcolo che fa la Provincia sul bilancio-affitti del “carosello degli uffici provinciali” citato, che ha come perno il trasferimento della Mobilità al “Ribo Center”?
  3. In particolare, come considera la Provincia l’affitto che dal novembre 2012 paga alla Regione per il palazzo di piazza Università?
  4. Se il calcolo costi-benefici del suddetto “carosello” porta comunque a un aumento del costo degli affitti a carico della Provincia, in che relazione sta tutta l’operazione con l’asserito obbiettivo di ridurre il peso degli affitti a carico della Provincia?

Consigliere provinciale

Riccardo Dello Sbarba

Bolzano, 7.8.2013

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

60 anni da Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l’oggi Il 17/11/1957 a Castel Firmiano resta una data di riferimento per l’Alto Adige. Circa 35.000 persone, donne e uomini, espressero con la loro presenza e [...]
Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Mozione: Consiglio Regionale La ferrovia della Val di Fiemme (in tedesco Fleimstalbahn) era una ferrovia a scartamento ridotto, costruita dal Genio militare austriaco all’inizio del ‘900 che congiungeva la ferrovia del Brennero da Ora a Predazzo[...]
L’università trilingue merita il patentino

L’università trilingue merita il patentino

  In occasione del 40° compleanno dell’esame di bilinguismo, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa mozione. Ci sembra paradossale che chi frequenta una scuola superiore in italiano e una università in Germania, o v[...]
I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

In fondo si tratta di una cosa molto semplice: pubblicare nei menù delle mense pubbliche (di scuole, case di riposo, ospedali, asili) la provenienza della carne offerta nei piatti. Perché è importante? Solo una piccolissima parte della carne che arri[...]
Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: Kompatscher promette che “la pista non sarà allungata”. Bene! E allora perché non fissare questo impegno nel piano urbanistico di Laives? La maggioranza SVP-PD ha oggi votato contro la mozione dei Verdi che chiedeva di eliminare dal p[...]
Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Sulla morte del piccolo Adan l’assessora si nasconde dietro un muro di burocratico silenzio. Con una interrogazione del Gruppo verde la TRAGICA vicenda del profugo curdo irakeno è arrivata per la prima volta in Consiglio provinciale. Dall’assessora [...]
Oggi il Parlamento europeo vota
Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

La consultazione popolare sull’autonomia in Veneto e Lombardia si è conclusa con una notevole partecipazione popolare, rispettivamente del 60% e del 39%. Un risultato, impressionante per il Veneto e considerevole per la Lombardia, che dà adito a inte[...]