Un vecchio gingillo in un nuovo pacchetto. A che prezzo?

60 Flares Filament.io 60 Flares ×

bznDopo il referendum del 2009 l‘aeroporto ha continuato ad esistere, pompato con finanziamenti pubblici. Ma con quel voto almeno un obiettivo era stato raggiunto: il prolungamento della pista e l‘uso di aerei più grandi erano di fatto diventati un tabù. Nemmeno il potente Presidente Durnwalder era riuscito a rompere questo tacito patto tra cittadini/e e istituzioni.

Quell’accordo implicito e pragmatico sembra ora completamente dimenticato. Il nuovo piano per l‘aeroporto di Arno Kompatscher prevede infatti proprio questo e altro ancora:

  • Il prolungamento della pista di atterraggio.
  • L‘utilizzo di aerei più grandi.
  • 6-8 voli all‘ora (per un’attività di 12-14 ore al giorno).
  • Più finanziamenti pubblici per promuovere l‘aeroporto.
  • Finanziamenti provinciali per investimenti in aeroporto, negozi e parcheggi.

Einflugschneise ABDIl Presidente ha parlato chiaramente dei costi finanziari che bisognerà pagare, ma non ha parlato del prezzo che sarà pagato dall‘ambiente e dalla qualità di vita soprattutto nella zona di Bolzano/Laives, Oltradige e Bassa Atesina.
Anche se Kompatscher e la direzione della ABD ridimensionano i dati sulle emissioni dannose, il traffico aereo resta di gran lunga il più inquinante mezzo di trasporto, nemmeno lontanamente paragonabile a qualsiasi altra forma di mobilità, in assoluta contraddizione con il proclamato “Alto Adige amico del clima”!

(cifre di confronto: emissioni CO2 a persona per km
In aereo: 380 g/km
In Auto solo: 130 g/km
In Auto in cinque: 26 g/km
In treno: 40 g/km
In autobus: 20 g/km)

Ma soprattutto ci preoccupa l’altissimo prezzo che dovranno pagare le cittadine e i cittadini residenti lungo il corridoio di decollo ed atterraggio (uno solo, a sud) per l´inquinamento acustico. Dati su questo nelle 150 pagine di presentazione del piano Kompatscher non se ne trovano. Ma studi internazionali parlano di 90 db prodotti da un Boeing in fase di atterraggio. Un‘ipoteca per tutta la Bassa Atesina che pagherà il prezzo più alto per poter attirare in Alto Adige turisti “mordi e fuggi” con soggiorni sempre più brevi e viaggiatori per affari che potranno volarsene via sempre più velocemente.

Perché, tra i bilanci economici, bisogna pensare anche a questo: aeroporto e alta velocità (BBT) NON favoriranno le piccole imprese turistiche familiari dell‘Alto Adige/Südtirol, ma l‘imprenditoria d’élite.

Però i costi per il progetto ABD verranno pagati da tutti. I semplici contribuenti, le piccole aziende, che con la partecipazione finanziaria della Camera di commercio dovranno sborsare due volte e infine tutti coloro che abitano e lavorano lungo il corridoio aereo.

Ci resta solo da sperare che la popolazione dica chiaro che può fare benissimo a meno della nuova versione del vecchio gingillo (per di piú per un´élite) – per più sostenibilità, migliore qualità di vita nella parte meridionale dell‘Alto Adige/Sütirol e anche solo per semplice buonsenso.

Brigitte Foppa, Giorgio Zanvettor, Riccardo Dello Sbarba, Hans Heiss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Salvata la pace domenicale

Salvata la pace domenicale

Legge omnibus: la Giunta provinciale voleva autorizzare i cantieri rumorosi anche nei giorni festivi. Grazie a un emendamento dei Verdi il passo è stato eliminato! Oggi si è riunita la 2 commissione legislativa del Consiglio provinciale per discut[...]
Studio Kolipsi II: peggioramento delle conoscenze della seconda lingua

Studio Kolipsi II: peggioramento delle conoscenze della seconda lingua

Studio Kolipsi II: il peggioramento delle conoscenze della seconda lingua tra gli/le studenti non è un incidente di percorso, ma un difetto del sistema Sudtirolo. Le proposte verdi. L’analisi approfondita realizzata da Kolipsi mostra un risultat[...]
Vaccini obbligatori: un gesto quanto meno precipitoso

Vaccini obbligatori: un gesto quanto meno precipitoso

In questi giorni in Alto Adige si discute sul provvedimento spropositato e sproporzionato del Governo che prevede 12 vaccini obbligatori con multe draconiane in caso di inadempimento. Noi Verdi sudtirolesi ci siamo sempre impegnati per la libertà di [...]
Lasciamo crescere l’erba

Lasciamo crescere l’erba

No all'uso di erbicidi a livello provinciale e comunale I Verdi presentano un disegno di legge e una proposta di mozione per limitare l’utilizzo di erbicidi che metteranno a disposizione di rappresentanti comunali. In alcuni casi si è arrivati ad[...]
Una piramide d’oro con la base d’argilla

Una piramide d’oro con la base d’argilla

Il nuovo disegno di legge sulla struttura dirigenziale dell’amministrazione provinciale punta sugli alti dirigenti. Questo a discapito di competenza ed equità sociale – e con indennità fino a 240.000 Euro! Il 18 maggio la giunta provinciale ha app[...]
Migranti, sull’integrazione la Giunta provinciale fa populismo

Migranti, sull’integrazione la Giunta provinciale fa populismo

La Giunta provinciale ha annunciato un giro di vite sui sussidi “aggiuntivi”, che andranno d’ora in poi riservati solo a chi “mostra volontà di integrazione”. L’annuncio si riferisce all’articolo 18 della legge Omnibus n. 125/2017 che verrà discusso [...]
La legge elettorale va in aula: migliorarla è possibile!

La legge elettorale va in aula: migliorarla è possibile!

Questa settimana il Consiglio provinciale si occupa della legge elettorale SVP per le elezioni provinciali. Già in commissione legislativa noi Verdi abbiamo sottolineato le gravi mancanze del disegno di legge. Dopo un lungo, ma costruttivo lavoro, an[...]
DAI COMUNI
Appuntamenti
26/05/2017
27/05/2017
09/06/2017
  • 2. Alpenraumtagung

    ven, ore 00:00-23:59
    Propstei in St. Gerold (Biosphärenpark Gr. Walsertal in Vorarlberg)
10/06/2017
  • 2. Alpenraumtagung

    ven, ore 00:00-23:59
    Propstei in St. Gerold (Biosphärenpark Gr. Walsertal in Vorarlberg)