Troppo grande, troppo caldo, troppo caro – Il nuovo inceneritore di Bolzano.

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

image98Con importante presenza politica si è oggi celebrata la messa in funzione del nuovo inceneritore di Bolzano sud. In realtà c’è ben poco da festeggiare. Al massimo possiamo considerare positivo il fatto che il nuovo forno è dotato di una tecnologia più moderna e quindi produrrà, almeno si spera, meno sostanze inquinanti del vecchio impianto – sempre restando ferma l’incognita delle polveri sottili. Nemmeno il raddoppio dei costi di costruzione  aiuta a far sorgere allegria.

Ma la cattiva notizia resta anzitutto il fatto che il nuovo impianto è troppo grande. Tarato su 135.000 t/anno (sono ca. 15 tonnellate all’ora!!), la “produzione” attuale di rifiuto residuo in Alto Adige (ca. 100.000 t) non basta per alimentare il forno. Inoltre proprio in questi giorni si sta iniziando finalmente con il nuovo sistema di raccolta del residuo a Bolzano – dove abita 1 quinto della popolazione della provincia – che dovrebbe abbassare la quota di residuo nel complessivo dei rifiuti. Resta quindi aperta la domanda: Ma cosa si brucerà nel nuovo inceneritore?

Un ulteriore problema è data dalla rete non completata (o meglio mai del tutto iniziata) di teleriscaldamento. Finora solo i quartieri Casanova, Semirurali e Zona Produttiva sono allacciati al teleriscaldamento. Il calore dell’impianto perciò andrà perso nell’aria ancora per parecchi anni.

Il rimprovero più marcato però è quello della sbagliata strategia di politica dei rifiuti che sta dietro all’inceneritore. Mentre in Europa è iniziato l’orientamento verso la “Strategia Rifiuti Zero” (v. anche l’omonima proposta di legge di iniziativa popolare in Italia, da noi sostenuto), il nuovo, grande inceneritore di Bolzano va nella direzione opposta. Dove si inceneriscono i rifiuti, lo stimolo verso la raccolta differenziata logicamente resta scarso.

L’alternativa esisterebbe. Sarebbe un programma di politica dei rifiuti che applica ovunque il principio “chi inquina paga”, che promuove tutte le aziende ed inziative volte al riciclo ed al riuso e che spinge i comuni a produrre meno residuo possibile. Queste sarebbero i pilastri di una politica dei rifiuti degna di una provincia che ama definirsi “green”.

 

Brigitte Foppa

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Per gli animali e le persone

Per gli animali e le persone

Presentazione del disegno di legge per un “Divieto di utilizzo di esche e bocconi avvelenati” Il disegno di legge è stato presentato trasversalmente da Brigitte Foppa, Riccardo Dello Sbarba, Hans Heiss, Andreas Pöder e Paul Köllensperger e il 21 apr[...]
La legge sul fine vita

La legge sul fine vita

Serata-Info-Abend Bolzano-Bozen, Sala Comune/Gemeindesaal, Vicolo Gumer Gasse La legge sul fine vita Die Patientenverfügung con/mit On. DELIA MURER e/und MINA WELBY On. DELIA MURER, deputata "Articolo1-MDP", è prima-firmataria della legge[...]
Osservatore elettorale in Turchia.

Osservatore elettorale in Turchia.

Questa domenica, domenica di Pasqua, in Turchia avrà luogo il contestato referendum sulla cosiddetta riforma costituzionale con la quale il presidente Erdogan cerca di legalizzare ed assicurare a sé stesso e al suo partito AKP quel potere pressoché a[...]
Sguardi 2016

Sguardi 2016

Per il Gruppo Verde si è concluso ormai un altro anno intenso. Ancora una volta possiamo guardarci indietro soddisfatti e fare un bilancio delle attività svolte nel 2016. Ci siamo impegnate e impegnati su tutti i fronti caldi dell’attualità provin[...]
Riforma sanità: il buon lavoro politico paga

Riforma sanità: il buon lavoro politico paga

Ben dieci importanti emendamenti dei Verdi approvati dal Consiglio provinciale (cui se ne aggiungono altri due già approvati in commissione). La riforma resta problematica, ma qualche passo avanti è stato fatto, tramite il reciproco ascolto tra maggi[...]
Maestri cercasi

Maestri cercasi

Consenso sulla proposta "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri" Il Consiglio provinciale oggi ha discusso le nostre proposte per incentivare la presenza maschile nelle scuole materne e nelle scuole elementari. Il dibattito ha dimostrato che s[...]
Sanità, una riforma malriuscita.

Sanità, una riforma malriuscita.

Le proposte del gruppo Verde per garantire il diritto alla salute a cittadine e cittadini Non è la „grande riforma“ che era stata promessa. Restano due diverse leggi a regolare il settore. Manca qualsiasi piano finanziario. L'auspicato coordinam[...]
DAI COMUNI
Appuntamenti
25/04/2017
26/04/2017
27/04/2017