Successo femminile verde: Ecco come si fa!

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

WebGià da tempo noi Donne Verdi dell’Alto Adige-Südtirol teniamo uno stretto contatto con le nostre colleghe di partito al di là del Brennero. Negli ultimo tempi poi abbiamo seguito le loro vicende con particolare interesse e seguito i loro successi.
Sabato 18 maggio, ad elezioni vinte e dopo l’ingresso di Ingrid Felipe e Christine Baur nella Giunta Regionale, si è tenuto un incontro transfrontaliero delle Donne Verdi, al quale abbiamo invitato anche i candidati e  le candidate alle Primarie Verdi altoatesine per capire le ragioni del successo elettorale verde in Tirolo.

Questo il racconto di Felipe e Baur:

Dopo la sconfitta elettorale del 2008 i Verdi tirolesi si sono sottoposti a un forte rinnovamento strutturale che portò a un ricambio generazionale e in cui le donne iniziarono ad occupare ruoli di guida – fino ad arrivare alla situazione attuale in cui tutte le posizioni dirigenziali all’interno dei Verdi tirolesi sono occupate da donne: dalla portavoce (Felipe) alla capogruppo in Consiglio (Baur), compresa la vicesindaca di Innsbruck (Pitscheider).

Su questa base si presentarono poi 2 donne alle Primarie per il posto di capolista alle Regionali, in cui Ingrid Felipe vinse contro Christine Baur. Insieme avevano elaborato il modello di “concorrenza cooperativa” per prevenire esperienze negative di battaglie elettorali polarizzanti.
Alla fine i Verdi vinsero le elezioni regionali con una campagna incentrata sui classici temi „verdi“, cioè con temi meramente ambientali. “Eravamo coraggiosi abbastanza per fare delle scelte difficili e spesso scegliendo la strada più ripida piuttosto quella più facile”, racconta la vicepresidente della Giunta Regionale in pectore, Ingrid Felipe. Una di queste scelte era ad esempio la coraggiosa assegnazione ad Ahmet Demir di posto in lista con buone possibilità di elezione: ora Demir è il primo consigliere regionale di origini turche del Tirolo.

Le trattative di coalizione con la ÖVP ci vengono descritte da Christine Baur come difficili ma interessanti, un processo incentrato sulla formazione della fiducia reciproca e la ricerca di un consenso minimo su temi brucianti come il Tunnel di Base e le zone sciistiche.

Noi Donne Verdi sudtirolesi vogliamo agganciarci a queste esperienze e dichiariamo sin d’ora la nostra volontà di successo e di governo. Certamente vogliamo dare, sia nel processo delle Primarie che nella campagna elettorale vera e propria, un chiaro segnale di una politica forte al femminile per il futuro della nostra terra.

Foto: da sx a dx:
Johanna Donà, Sybille Atz, Brigitte Foppa, Evelyn Gruber-Fischnaller, Christine Baur, Ingrid Felipe, Riccardo Dello Sbarba, Raffaela Vanzetta, Flavia Basili, Valentino Liberto.

Bolzano, 18 maggio 2013

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

La conferma ora è ufficiale: sebbene esistano misure efficaci per prevenire gli attacchi del lupo alle greggi e che esse siano finanziate generosamente dalla Provincia, in Alto Adige finora nessuno ne ha adottato neppure una. Sono queste le conseguen[...]
Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Siamo molto contente/i che la nostra mozione sia stata approvata! La Giunta provinciale ha accettato di avviare una campagna sia per informare uomini e giovani sul mestiere di maestro di scuola dell’infanzia o primaria, sia e per lottare contro gli s[...]
Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

L’opposizione al completo (16 consigliere e consiglieri provinciali) chiedono una nuova e più giusta legge elettorale. Anche il Gruppo Verde ha partecipato oggi alla conferenza stampa comune e ha sostenuto in aula la mozione-voto unitaria. “Vogliamo [...]
Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Il marchio Alto Adige – Südtirol dovrebbe essere garanzia di qualità, origine e autenticità. La carne di maiale da cui vengono confezionati i salumi però, proprio come lo speck, può arrivare anche da fuori regione. È dunque impossibile per la [...]
Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Il Parlamento italiano sta discutendo un disegno di legge per istituire lo ius soli temperato e lo ius culturae per l’attribuzione della cittadinanza italiana a bambine e bambini nati e/o cresciuti sul territorio italiano. La situazione attuale A[...]
Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Un primo commento sulla nuova legge urbanistica Politica degli annunci e strategia della zebra: questi i principali punti critici sottolineati dai Verdi alla presentazione della nuova legge urbanistica „territorio e paesaggio“. Il processo che ha [...]
Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Dal gruppo di rappresentanza del personale pedagogico delle scuole materne (KAS) riceviamo una lettera piena di dubbi e domande sulla questione vaccini. Noi Verdi condividiamo pienamente le loro perplessità. Le maestre si chiedono, in vista dell’att[...]
Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Da tempo le pazienti e i pazienti sudtirolesi soffrono delle lunghe liste d’attesa nella sanità. Oggi veniamo a sapere dal direttore generale Schael e dalla Giunta che l’emergenza verrà affrontata con l’aumento delle visite private e che al momento s[...]