Seminario verde: Il valore della politica e la necessità di un’attiva politica ambientale

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Due anni e mezzo fa ci eravamo presentati alle elezioni provinciali con il motto “Politica pulita, ambiente sano”. Di conseguenza l’impegno del gruppo consiliare e del partito verde nella prima metà della legislatura è stato dedicato fortemente alle tematiche della democrazia e della politica ambientale. E questo è stato riconosciuto, nel tradizionale seminario estivo dei Verdi, dai circa 40 presenti (rappresentanti del Coordinamento Provinciale, ma anche diversi consiglieri comunali e altri interessati). D’altro canto è stata rilevata esplicitamente la debolezza della Giunta Provinciale su questi temi. Proprio per questo l’azione verde in campo ambientale è ancora più necessaria, come è stato sottolineato unanimemente al Seminario. Il punto di approccio sarà la salvaguardia del clima con i tre pilastri della mobilità, della casa e dell’alimentazione. Lavoreremo poi anche sui temi dell’agricoltura sostenibile, della formazione alla sostenibilità e della tutela della natura. Oltre ovviamente a tenere molto bene d’occhio la legge sull’urbanistica che attualmente viene scritta dalla Giunta Provinciale e che per natura è il cardine dello sviluppo del territorio.

Il secondo tema del Seminario erano i costi della politica e i presenti hanno discusso la mozione che il gruppo consiliare ha depositato in Consiglio. Su questo argomento i Verdi giocano all’attacco lavorando in tre direzioni:
– primo punto: separare gli stipendi dei politici dai politici stessi. C’è bisogno di un nuovo “contratto” tra gli elettori e i politici da loro incaricati. La popolazione deve essere consultata, in un processo partecipato, sul giusto stipendio da assegnare e sul valore che vuole dare alla propria rappresentanza.
– secondo: separazione tra retribuzioni dei politici e finanziamento dei partiti. Attualmente i partiti vengono finanziati indirettamente attraverso le consigliere e i consiglieri eletti; i cittadini, di conseguenza, non possono avere voce in capitolo e spesso non hanno neanche le informazioni sulle finanze dei partiti. Si devono cercare le vie per rendere possibile, anche in Alto Adige, un finanziamento pubblico e trasparente, esattamente come in molti altri paesi europei. Così anche gli stipendi dei politici potrebbero essere più modesti e vicini agli stipendi delle altre persone.
– terzo: bisogna sondare le potenzialità dell’autonomia in materia. La convenzione offre un’eccellente occasione per stabilire, nel futuro regolamento della nostra autonomia, che siamo noi altoatesini che vogliamo definire i costi della nostra democrazia. E vogliamo farlo, per quanto possibile, con un processo partecipativo e condiviso tra cittadini e cittadine e i loro rappresentanti, rimediando così alle derive populiste sull’argomento.

In questo modo l’onore della rappresentanza politica potrebbe essere recuperato e rafforzato. Sarebbe un bel passo per uno sviluppo attivo e positivo del Bene Comune che a noi Verdi, da sempre, sta a cuore.

Brigitte Foppa e Hans Heiss, Co-Portavoce Provinciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Dove sono finite trasparenza e partecipazione?

Dove sono finite trasparenza e partecipazione?

Giunta provinciale: troppe decisioni fondamentali prese a colpi di “delibere fuori sacco”. La giunta Kompatscher si era presentata annunciando un nuovo stile, caratterizzato da trasparenza e partecipazione. Nel corso del tempo queste promesse sono[...]
Convegno internazionale a Merano

Convegno internazionale a Merano

#greeningtourism – limiti e opportunità dello sviluppo turistico in Europa e sull’Arco alpino All Inclusive? Con questa domanda i Verdi del Sudtirolo hanno accolto una platea internazionale per analizzare il conflitto, ma anche le possibili simbio[...]
Ennesima omnibus

Ennesima omnibus

Meno diritti per le persone immigrate e meno garanzie sugli OGM per consumatori e consumatrici. La legge omnibus (LGE Nr. 125/17) è l’ennesimo esempio di come non si fa legislazione. Un anno fa, in occasione della omnibus precedente, il Gruppo Ver[...]
La legge sulla dirigenza arriva in Consiglio provinciale

La legge sulla dirigenza arriva in Consiglio provinciale

Una piramide d’oro con la base d’argilla Dopo il dibattito in Commissione legislativa, giovedì 29 giugno la legge sulla struttura dirigenziale dell’amministrazione provinciale approda in Consiglio provinciale. Le nostre valutazioni iniziali resta[...]
Natura e turismo, conflitto e simbiosi: conferenza internazionale a Merano con patrocinio verde.

Natura e turismo, conflitto e simbiosi: conferenza internazionale a Merano con patrocinio verde.

All Inclusive? Nature and tourism between conflict and symbiosis – Questo è il titolo della conferenza internazionale organizzata dai Verdi sudtirolesi in collaborazione con i Verdi europei il prossimo fine settimana a Merano. Venerdì 23 giugno si[...]
Natura e turismo, conflitto e simbiosi: Conferenza internazionale a Merano

Natura e turismo, conflitto e simbiosi: Conferenza internazionale a Merano

All Inclusive? Nature and tourism between conflict and symbiosis – è il titolo della conferenza internazionale, organizzata il 24/25 giugno a Merano dai Verdi dell’Alto Adige/Südtirol in collaborazione con i Verdi Europei. Il fitto fine settimana [...]
Referente per la comunicazione cercasi

Referente per la comunicazione cercasi

Il Gruppo Verde in Consiglio provinciale e regionale cerca un*a referente per la comunicazione Il lavoro del gruppo consiste nella critica costruttiva e nel controllo dell’azione della giunta provinciale. In Consiglio vengono presentate proposte per[...]
C’è ancora speranza per la Turchia? UE e occidente alla prova.

C’è ancora speranza per la Turchia? UE e occidente alla prova.

C’è ancora speranza per la Turchia? UE e occidente alla prova. Venerdì, 9. giugno 2017, ore 18.30 Incontro e discussione c/o Ristorante Jona (Via Crispi 38, Bolzano) Dopo un periodo di modernizzazione e di apertura, dal 2012 il presidente turc[...]