Seminario verde: Il valore della politica e la necessità di un’attiva politica ambientale

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Due anni e mezzo fa ci eravamo presentati alle elezioni provinciali con il motto “Politica pulita, ambiente sano”. Di conseguenza l’impegno del gruppo consiliare e del partito verde nella prima metà della legislatura è stato dedicato fortemente alle tematiche della democrazia e della politica ambientale. E questo è stato riconosciuto, nel tradizionale seminario estivo dei Verdi, dai circa 40 presenti (rappresentanti del Coordinamento Provinciale, ma anche diversi consiglieri comunali e altri interessati). D’altro canto è stata rilevata esplicitamente la debolezza della Giunta Provinciale su questi temi. Proprio per questo l’azione verde in campo ambientale è ancora più necessaria, come è stato sottolineato unanimemente al Seminario. Il punto di approccio sarà la salvaguardia del clima con i tre pilastri della mobilità, della casa e dell’alimentazione. Lavoreremo poi anche sui temi dell’agricoltura sostenibile, della formazione alla sostenibilità e della tutela della natura. Oltre ovviamente a tenere molto bene d’occhio la legge sull’urbanistica che attualmente viene scritta dalla Giunta Provinciale e che per natura è il cardine dello sviluppo del territorio.

Il secondo tema del Seminario erano i costi della politica e i presenti hanno discusso la mozione che il gruppo consiliare ha depositato in Consiglio. Su questo argomento i Verdi giocano all’attacco lavorando in tre direzioni:
– primo punto: separare gli stipendi dei politici dai politici stessi. C’è bisogno di un nuovo “contratto” tra gli elettori e i politici da loro incaricati. La popolazione deve essere consultata, in un processo partecipato, sul giusto stipendio da assegnare e sul valore che vuole dare alla propria rappresentanza.
– secondo: separazione tra retribuzioni dei politici e finanziamento dei partiti. Attualmente i partiti vengono finanziati indirettamente attraverso le consigliere e i consiglieri eletti; i cittadini, di conseguenza, non possono avere voce in capitolo e spesso non hanno neanche le informazioni sulle finanze dei partiti. Si devono cercare le vie per rendere possibile, anche in Alto Adige, un finanziamento pubblico e trasparente, esattamente come in molti altri paesi europei. Così anche gli stipendi dei politici potrebbero essere più modesti e vicini agli stipendi delle altre persone.
– terzo: bisogna sondare le potenzialità dell’autonomia in materia. La convenzione offre un’eccellente occasione per stabilire, nel futuro regolamento della nostra autonomia, che siamo noi altoatesini che vogliamo definire i costi della nostra democrazia. E vogliamo farlo, per quanto possibile, con un processo partecipativo e condiviso tra cittadini e cittadine e i loro rappresentanti, rimediando così alle derive populiste sull’argomento.

In questo modo l’onore della rappresentanza politica potrebbe essere recuperato e rafforzato. Sarebbe un bel passo per uno sviluppo attivo e positivo del Bene Comune che a noi Verdi, da sempre, sta a cuore.

Brigitte Foppa e Hans Heiss, Co-Portavoce Provinciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Per gli animali e le persone

Per gli animali e le persone

Presentazione del disegno di legge per un “Divieto di utilizzo di esche e bocconi avvelenati” Il disegno di legge è stato presentato trasversalmente da Brigitte Foppa, Riccardo Dello Sbarba, Hans Heiss, Andreas Pöder e Paul Köllensperger e il 21 apr[...]
La legge sul fine vita

La legge sul fine vita

Serata-Info-Abend Bolzano-Bozen, Sala Comune/Gemeindesaal, Vicolo Gumer Gasse La legge sul fine vita Die Patientenverfügung con/mit On. DELIA MURER e/und MINA WELBY On. DELIA MURER, deputata "Articolo1-MDP", è prima-firmataria della legge[...]
Osservatore elettorale in Turchia.

Osservatore elettorale in Turchia.

Questa domenica, domenica di Pasqua, in Turchia avrà luogo il contestato referendum sulla cosiddetta riforma costituzionale con la quale il presidente Erdogan cerca di legalizzare ed assicurare a sé stesso e al suo partito AKP quel potere pressoché a[...]
Sguardi 2016

Sguardi 2016

Per il Gruppo Verde si è concluso ormai un altro anno intenso. Ancora una volta possiamo guardarci indietro soddisfatti e fare un bilancio delle attività svolte nel 2016. Ci siamo impegnate e impegnati su tutti i fronti caldi dell’attualità provin[...]
Riforma sanità: il buon lavoro politico paga

Riforma sanità: il buon lavoro politico paga

Ben dieci importanti emendamenti dei Verdi approvati dal Consiglio provinciale (cui se ne aggiungono altri due già approvati in commissione). La riforma resta problematica, ma qualche passo avanti è stato fatto, tramite il reciproco ascolto tra maggi[...]
Maestri cercasi

Maestri cercasi

Consenso sulla proposta "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri" Il Consiglio provinciale oggi ha discusso le nostre proposte per incentivare la presenza maschile nelle scuole materne e nelle scuole elementari. Il dibattito ha dimostrato che s[...]
Sanità, una riforma malriuscita.

Sanità, una riforma malriuscita.

Le proposte del gruppo Verde per garantire il diritto alla salute a cittadine e cittadini Non è la „grande riforma“ che era stata promessa. Restano due diverse leggi a regolare il settore. Manca qualsiasi piano finanziario. L'auspicato coordinam[...]