SCANDALO SEL – Dopo il patteggiamento, va ripristinata la legalità nelle concessioni

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Bolzano, 28 febbraio 2013

Le sentenze non si commentano, ma è responsabilità della politica trarne le dovute conseguenze.
Con l’accoglimento da parte del tribunale di Bolzano del patteggiamento per l’ex assessore provinciale Michl Laimer e per l’ex direttore Sel Maximilian Rainer è ora sancito da un atto che ha valore di sentenza il fatto che, attraverso la manipolazione dei progetti SEL, la procedura delle concessioni idroelettriche del 2005-2010 fu falsificata e che le decisioni della Giunta provinciale si basarono su una documentazione illegittima.

Questa verità accertata e sancita dal tribunale, e ammessa dagli stessi protagonisti, non può più essere ignorata, né cancellata da “soluzioni politiche” pasticciate. Prima di tutto va riportata la legalità nelle grandi concessioni. Ciò significa eliminare dalle procedure di concessione gli atti illegali che sono stati compiuti ed i loro effetti.

Se un senso l’incarico dato al professor Giuseppe Caia può averlo, è innanzitutto questo: l’esperto in “servizi pubblici e tutela della concorrenza” deve indicare qual è la strada migliore per riportare la certezza del diritto nelle concessioni assegnate.
Ciò deve avvenire nel più breve tempo possibile, poiché è interesse di tutti i cittadini che la legalità sia ripristinata e perché nessuna nuova politica energetica è possibile se non si rimuove il macigno che rende illegittime le concessioni attualmente assegnate a SEL.

Anche i Comuni devono farsi sentire per far valere fino in fondo i propri diritti, poiché sono stati proprio i Comuni i primi e più grandi danneggiati dalla manipolazione delle gare. I Comuni e le loro società infatti erano presenti con propri progetti alle gare per tutte le 14 centrali in scadenza nel 2010 e da tutte furono esclusi con l’inganno.
Nessuna soluzione sarà possibile senza eliminare l’inganno perpetrato nelle gare e tutti i suoi effetti.

Consiglieri provinciali

Riccardo Dello Sbarba
Hans Heiss

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

La conferma ora è ufficiale: sebbene esistano misure efficaci per prevenire gli attacchi del lupo alle greggi e che esse siano finanziate generosamente dalla Provincia, in Alto Adige finora nessuno ne ha adottato neppure una. Sono queste le conseguen[...]
Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Siamo molto contente/i che la nostra mozione sia stata approvata! La Giunta provinciale ha accettato di avviare una campagna sia per informare uomini e giovani sul mestiere di maestro di scuola dell’infanzia o primaria, sia e per lottare contro gli s[...]
Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

L’opposizione al completo (16 consigliere e consiglieri provinciali) chiedono una nuova e più giusta legge elettorale. Anche il Gruppo Verde ha partecipato oggi alla conferenza stampa comune e ha sostenuto in aula la mozione-voto unitaria. “Vogliamo [...]
Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Il marchio Alto Adige – Südtirol dovrebbe essere garanzia di qualità, origine e autenticità. La carne di maiale da cui vengono confezionati i salumi però, proprio come lo speck, può arrivare anche da fuori regione. È dunque impossibile per la [...]
Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Il Parlamento italiano sta discutendo un disegno di legge per istituire lo ius soli temperato e lo ius culturae per l’attribuzione della cittadinanza italiana a bambine e bambini nati e/o cresciuti sul territorio italiano. La situazione attuale A[...]
Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Un primo commento sulla nuova legge urbanistica Politica degli annunci e strategia della zebra: questi i principali punti critici sottolineati dai Verdi alla presentazione della nuova legge urbanistica „territorio e paesaggio“. Il processo che ha [...]
Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Dal gruppo di rappresentanza del personale pedagogico delle scuole materne (KAS) riceviamo una lettera piena di dubbi e domande sulla questione vaccini. Noi Verdi condividiamo pienamente le loro perplessità. Le maestre si chiedono, in vista dell’att[...]
Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Da tempo le pazienti e i pazienti sudtirolesi soffrono delle lunghe liste d’attesa nella sanità. Oggi veniamo a sapere dal direttore generale Schael e dalla Giunta che l’emergenza verrà affrontata con l’aumento delle visite private e che al momento s[...]