Salute a misura d’uomo – e di donna!

1 Flares Filament.io 1 Flares ×

gruene-frauen-donne-verdiParlare di sanità spesso vuol dire parlare di strutture, numeri, costi e fattibilità. Le Donne Verdi hanno sempre sottolineato di avere un’idea di “salute” più ampia e completa, anche e soprattutto al di là dei servizi del sistema sanitario.

In una tavola rotonda dal titolo “Salute a misura d’uomo – e di donna!” i/le Verdi hanno affrontato, su invito delle Donne Verdi, la questione di quanto la programmazione sia necessaria e quanta responsabilità personale sia possibile.

Il sistema sanitario è un erogatore di servizi, ma prestazioni e medicinali non fanno automaticamente sì che una persona si senta davvero bene. Noi vogliamo che l’educazione alla salute venga ridefinita, perché molte volte la paura della malattia si sviluppa proprio a causa dell’ideale del corpo eternamente giovane e sano. La mancanza di educazione sessuale (o informazione inadeguata) è un altra componente che mette a rischio persone di ogni età e impedisce una sessualità auto-determinata e soddisfacente. Per quanto riguarda le cure palliative, siamo di fronte a una serie di ostacoli che impediscono di morire e dire addio in pace (burocrazia, la mancanza di personale qualificato per il supporto a casa ecc.).

Chiediamo quindi:

  • Un modo dignitoso per venire al mondo ma anche per lasciarlo: rendere possibili luoghi comuni di nascita e di morte.
  • Garantire la libertà di decisione per la gravidanza, in tutti i sensi.
  • La promozione di centri di nascita, il sostegno finanziario e di personale per i parti in casa e la reintroduzione e l’ampliamento del servizio di ostetricia per la sensibilizzazione prima e dopo la nascita, oltre alla consulenza per l’allattamento.
  • L’introduzione di una “cartella clinica della salute” comprensibile, derivato dalla “cartella clinica della malattia”, gestita direttamente da ogni cittadino/a e dove possa essere raccolta tutta la documentazione dei vari esami, ecc.
  • Promuovere competenze in comunicazione e psicologia nella formazione e nell’aggiornamento del personale ospedaliero: quando si tratta di salute, la relazione personale tra paziente, medici e personale paramedico deve essere centrale.
  • Valorizzazione della “formazione sessuale” per adulti e anziani.
  • I Medici di base dovrebbero essere “medici di famiglia” – quindi nessuna scelta obbligatoria del pediatra.

Evelyn Gruber-Fischnaller, Brigitte Foppa e Gerda Gius per le Donne Verdi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Le associazioni sono apartitiche – basta con la propaganda elettorale!

Le associazioni sono apartitiche – basta con la propaganda elettorale!

Domani, giovedì 19 ottobre 2017 la prima commissione regionale tratterà il nostro disegno di legge n.34 con cui vogliamo affrontare l’increscioso tema della pubblicità elettorale da parte delle associazioni. Ricordiamo: già qualche tempo fa il[...]
L’Austria in turchese-blu e le conseguenze per l’Alto Adige

L’Austria in turchese-blu e le conseguenze per l’Alto Adige

Gli stravolgimenti delle elezioni nazionali austriache hanno superato tutte le aspettative: la lista Kurz (una volta ÖVP) ha concluso alla grande con una campagna super-egocentrica, la FPÖ è ritornata alle vette dei tempi di Haider, la SPÖ ha chi[...]
Cinque smentite all’assessora Stocker

Cinque smentite all’assessora Stocker

La tragica vicenda del bambino profugo curdo morto a Bolzano ha sollevato in tutto l’Alto Adige una forte emozione. Ciò dovrebbe portare i responsabili politici e amministrativi a un profondo esame di coscienza. Al contrario, l’assessora Stocker cont[...]
Girarci intorno, rimuovere, scaricare: così non può andare avanti, assessora Stocker!

Girarci intorno, rimuovere, scaricare: così non può andare avanti, assessora Stocker!

Girarci intorno, rimuovere, scaricare: sulla ricostruzione delle circostanze che sono costate la vita al giovane Adan. Così non può andare avanti, assessora Stocker! L’agenda profughi deve passare al Presidente Kompatscher. Durante l’odierna confe[...]
L’ennesimo dramma dell’accoglienza negata

L’ennesimo dramma dell’accoglienza negata

In merito alla tragica morte a Bolzano del minore disabile e profugo curdo-iracheno, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa interrogazione urgente per chiedere alla Giunta provinciale una dettagliata ricostruzione dei fatti e d[...]
Ingorgo A22: protesta dei camionisti comprensibile, disagio di chi ci vive vicino molto più grande

Ingorgo A22: protesta dei camionisti comprensibile, disagio di chi ci vive vicino molto più grande

Ingorgo sull’Autobrennero: la protesta dei camionisti è comprensibile, ma il disagio di chi vive lungo l’a22 è molto più grande. I camionisti dell’Alto Adige e la Camera di commercio protestano all’unisono contro l’ingorgo creatosi nel fine settiman[...]
Autorizzazioni ambientali:  la politica rispetti l'indipendenza dei comitati tecnici

Autorizzazioni ambientali: la politica rispetti l'indipendenza dei comitati tecnici

La nuova legge n. 135/17 sulla “Valutazione ambientale per piani e progetti”  offre la possibilità di marcare finalmente una chiara distinzione tra tecnica e politica, che finora si è riservata la possibilità di ribaltare arbitrariamente i pareri[...]
Collegamento sciistico Vallelunga-Kaunertal: i risultati del Comitato ambientale vanno rispettati!

Collegamento sciistico Vallelunga-Kaunertal: i risultati del Comitato ambientale vanno rispettati!

Ordine del giorno DdL 135/17 La questione di un nuovo collegamento sciistico tra Vallelunga nell’Alta Val Venosta e Kaunertal in Tirolo si trascina da parecchio tempo. Si tratta di impianti di risalita che dovrebbero essere realizzati tra l'ancora[...]