Rottura tra Azienda Elettrica e SEL

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Bolzano, 18 gennaio 2013

Finchè la Provincia pretende per sé il monopolio dell’energia, nessun accordo sarà possibile.

Dopo che l’ex assessore Laimer – con la sua richiesta di patteggiamento – ha ammesso di aver gravemente alterato – per favorire SEL – le procedure di gara di tutte le concessioni idroelettriche, la SEL stessa e la Provincia non sono più interlocutori credibili in una trattativa nella quale finora la Provincia ha cercato semplicemente, con piccoli passi e qualche faccia nuova, di mantenere inalterato il monpopolio provinciale sull’energia e il conseguente conflitto di interessi che ha portato allo scandalo SEL e ha tagliato fuori i Comuni e le loro società pubbliche.

La Giunta provinciale e l’assessore Mussner, infatti, non hanno ancora capito la gravità e la profondità dello scandalo SEL e si sono finora dimostrati indisponibili a mettere in discussione la causa di fondo del fallimento della loro politica idroelettrica: il conflitto di interessi costituito dalla società SEL nella sua attuale configurazione (93% proprietà della stessa Provincia) che fa accordi fallimentari con i colossi ENEL ed EDISON e fa la guerra ai Comuni e alle loro società pubbliche.
Finché questo dominio provinciale continuerà, sarà impossibile coinvolgere i Comuni in un accordo. I Comuni non sono più disposti a subire lo strapotere di una Giunta provinciale che non è stata in grado di gestire correttamente le competenze sull’energia ed ha provocato lo scandalo più grave della storia dell’autonomia.

Solo una trattativa basata sulla pari dignità, che apra la strada all’uscita della Provincia dalla produzione idroelettrica, attraverso la cessione gratuita ai Comuni (tramite legge finanziaria) delle sue quote in SEL, e un complessivo riassetto dell’intero settore, che veda la Provincia limitarsi al ruolo di arbitro neutrale e rigoroso e i Comuni a gestire produzione e distribuzione, può gettare le basi per un accordo tra tutti i soggetti pubblici del territorio che ponga rimedio anche allo scandalo delle concessioni.

Riccardo Dello Sbarba
Hans Heiss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Per gli animali e le persone

Per gli animali e le persone

Presentazione del disegno di legge per un “Divieto di utilizzo di esche e bocconi avvelenati” Il disegno di legge è stato presentato trasversalmente da Brigitte Foppa, Riccardo Dello Sbarba, Hans Heiss, Andreas Pöder e Paul Köllensperger e il 21 apr[...]
La legge sul fine vita

La legge sul fine vita

Serata-Info-Abend Bolzano-Bozen, Sala Comune/Gemeindesaal, Vicolo Gumer Gasse La legge sul fine vita Die Patientenverfügung con/mit On. DELIA MURER e/und MINA WELBY On. DELIA MURER, deputata "Articolo1-MDP", è prima-firmataria della legge[...]
Osservatore elettorale in Turchia.

Osservatore elettorale in Turchia.

Questa domenica, domenica di Pasqua, in Turchia avrà luogo il contestato referendum sulla cosiddetta riforma costituzionale con la quale il presidente Erdogan cerca di legalizzare ed assicurare a sé stesso e al suo partito AKP quel potere pressoché a[...]
Sguardi 2016

Sguardi 2016

Per il Gruppo Verde si è concluso ormai un altro anno intenso. Ancora una volta possiamo guardarci indietro soddisfatti e fare un bilancio delle attività svolte nel 2016. Ci siamo impegnate e impegnati su tutti i fronti caldi dell’attualità provin[...]
Riforma sanità: il buon lavoro politico paga

Riforma sanità: il buon lavoro politico paga

Ben dieci importanti emendamenti dei Verdi approvati dal Consiglio provinciale (cui se ne aggiungono altri due già approvati in commissione). La riforma resta problematica, ma qualche passo avanti è stato fatto, tramite il reciproco ascolto tra maggi[...]
Maestri cercasi

Maestri cercasi

Consenso sulla proposta "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri" Il Consiglio provinciale oggi ha discusso le nostre proposte per incentivare la presenza maschile nelle scuole materne e nelle scuole elementari. Il dibattito ha dimostrato che s[...]
Sanità, una riforma malriuscita.

Sanità, una riforma malriuscita.

Le proposte del gruppo Verde per garantire il diritto alla salute a cittadine e cittadini Non è la „grande riforma“ che era stata promessa. Restano due diverse leggi a regolare il settore. Manca qualsiasi piano finanziario. L'auspicato coordinam[...]
DAI COMUNI
Appuntamenti
25/04/2017
26/04/2017
27/04/2017