Rifiuti dal Trentino?

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Inceneritore Bolzano

È noto che l’inceneritore di Bolzano è stato progettato e costruito con una dimensione eccessiva – contro ogni previsione e contro i ripetuti avvertimenti degli ambientalisti e degli stessi Verdi.

Negli ultimi mesi, e soprattutto dopo che la città di Bolzano ha adottato il nuovo sistema di raccolta, la quantità di rifiuti residui è calata drasticamente, qualcuno ripete che l’inceneritore ha necessità di una “quantità adeguata” rifiuti, anche a costo di importarne da fuori.

La prova che questo rischio è reale l’ha data il nuovo assessore trentino all’ambiente Mauro Gilmozzi . Sul quotidiano ” L’Adige ” del 18 Dicembre 2013 l’assessore ha scritto in un suo editoriale che, nel senso di ” una migliore cooperazione e rafforzamento dell’Euregio ( ! )” sono già stati presi contatti con la Giunta provinciale di Bolzano per trovare soluzioni che consentano di bruciare i rifiuti del Trentino, almeno parzialmente, in Alto Adige. Gilmozzi sottolinea che la proposta è finalizzata a creare sinergie tra Trentino ed Alto Adige nel campo dell’ambiente.

Questo potrebbe “aiutare” la Provincia Autonoma di Bolzano ad affrontare il dilemma di un forno che “ha fame” e che non sappiamo più come nutrire .

L’inceneritore è progettato per 135.000 tonnellate, ma attualmente il territorio “produce” molti meno rifiuti. Le 66.000 tonnellate di Trentino potrebbero compensare questa “lacuna”.

Il fatto che ciò comporterebbe un volume di traffico molto superiore all’attuale, o che crescerebbe di molto l’impatto ambientale totale dell’inceneritore e che esso peserebbe sulla conca di Bolzano non trova posto nelle “preoccupate riflessioni” dell’assessore trentino.

Chiediamo alla futura Giunta provinciale altoatesina di non considerare assolutamente l’ipotesi di importare dei rifiuti dalle province limitrofe. La norma della legge provinciale che vieta tale importazione va mantenuta e rafforzata e va chiaramente ribadita nel nuovo piano di gestione dei rifiuti che avrebbe dovuto redatto in conformità coi requisiti dell’Unione Europea entro fine 2013.

Sul tema abbiamo presentato un’interrogazione in Consiglio provinciale.

Cons. provinciali

Brigitte Foppa, Riccardo Dello Sbarba, Hans Heiss

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

La conferma ora è ufficiale: sebbene esistano misure efficaci per prevenire gli attacchi del lupo alle greggi e che esse siano finanziate generosamente dalla Provincia, in Alto Adige finora nessuno ne ha adottato neppure una. Sono queste le conseguen[...]
Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Siamo molto contente/i che la nostra mozione sia stata approvata! La Giunta provinciale ha accettato di avviare una campagna sia per informare uomini e giovani sul mestiere di maestro di scuola dell’infanzia o primaria, sia e per lottare contro gli s[...]
Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

L’opposizione al completo (16 consigliere e consiglieri provinciali) chiedono una nuova e più giusta legge elettorale. Anche il Gruppo Verde ha partecipato oggi alla conferenza stampa comune e ha sostenuto in aula la mozione-voto unitaria. “Vogliamo [...]
Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Il marchio Alto Adige – Südtirol dovrebbe essere garanzia di qualità, origine e autenticità. La carne di maiale da cui vengono confezionati i salumi però, proprio come lo speck, può arrivare anche da fuori regione. È dunque impossibile per la [...]
Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Il Parlamento italiano sta discutendo un disegno di legge per istituire lo ius soli temperato e lo ius culturae per l’attribuzione della cittadinanza italiana a bambine e bambini nati e/o cresciuti sul territorio italiano. La situazione attuale A[...]
Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Un primo commento sulla nuova legge urbanistica Politica degli annunci e strategia della zebra: questi i principali punti critici sottolineati dai Verdi alla presentazione della nuova legge urbanistica „territorio e paesaggio“. Il processo che ha [...]
Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Dal gruppo di rappresentanza del personale pedagogico delle scuole materne (KAS) riceviamo una lettera piena di dubbi e domande sulla questione vaccini. Noi Verdi condividiamo pienamente le loro perplessità. Le maestre si chiedono, in vista dell’att[...]
Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Da tempo le pazienti e i pazienti sudtirolesi soffrono delle lunghe liste d’attesa nella sanità. Oggi veniamo a sapere dal direttore generale Schael e dalla Giunta che l’emergenza verrà affrontata con l’aumento delle visite private e che al momento s[...]