Riccardo racconta

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Parco dello Stelvio: la politica preferisce le bandiere

Riccardo Dello SbarbaLa commissione dei 12 ha varato una bozza di nuova norma di attuazione che ora è all’esame dei ministeri. Momento opportuno, dunque, perché anche il Consiglio provinciale si esprima. Per questo avevamo presentato una dettagliata mozione in difesa delle piante, degli animali e del paesaggio unico e meraviglioso del Parco.
La norma di attuazione prevede la delega dell’amministrazione del Parco alle Province di Bolzano e Trento e alla Regione Lombardia. Fin qui tutto bene. Tuttavia mette in serio pericolo la tutela del patrimonio naturale del Parco poiché affida alle tre amministrazioni, in forma separata, la decisione sui confini, sulle tutele, sulle regole e sul piano del Parco, che ognuno deciderà da sé per il proprio territorio. Uno spezzatino di un territorio a “tutele variabili”. Di un parco degno di questo nome non resta molto.
La nostra mozione voleva invece rafforzare il carattere unitario del Parco nazionale dello Stelvio, attraverso un piano unico e unitario per tutto il Parco e un organismo anch’esso unitario che lo approva, il previsto Coordinamento implementato con una più forte rappresentanza delle associazioni ambientaliste e della comunità scientifica. Nella bozza della Commissione dei 12, invece, il coordinamento ha funzioni solo consultive e su 12 membri solo uno rappresenta gli ambientalisti, tutti gli altri le amministrazioni.
La discussione che ne è seguita ieri 14 maggio in Consiglio è stata kafkiana. Si parlava di “Parco nazionale dello Stelvio” e su quale concetto si sono accapigliati consiglieri e consigliere? Non su “Parco”, ma su “Nazionale”! Eva Klotz e Alessandro Urzì hanno furiosamente litigato sull’appartenenza nazionale e sull’autodeterminazione, Zimmerhofer ha proposto la fusione col Nationalpark Hohe Tauern, che ha un solo difetto: è piuttosto lontano dallo Stelvio (noi proponevamo un parco europeo transfrontaliero allargando lo Stelvio ai confinanti parco della Svizzera e all’Adamello-Brenta).
Anche la Svp si è dedicata a questo depistaggio: per Steger e Teiner con la provincializzazione si sarebbe superata la ferita (il parco nacque nel 1935) ben rappresentata dal termine “nazionale”. Peccato che nella norma approvata anche dalla SVP l’unica cosa a rimanere invariata è proprio la denominazione: “Parco NAZIONALE dello Stelvio”.
E così aquile, camosci e larici secolari hanno fatto le spese dell’ottusità di una politica capace solo di guardare indietro. Tra natura e bandiere, la politica preferisce le bandiere.

Bolzano Bozen, 15.5.2014

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

La conferma ora è ufficiale: sebbene esistano misure efficaci per prevenire gli attacchi del lupo alle greggi e che esse siano finanziate generosamente dalla Provincia, in Alto Adige finora nessuno ne ha adottato neppure una. Sono queste le conseguen[...]
Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Siamo molto contente/i che la nostra mozione sia stata approvata! La Giunta provinciale ha accettato di avviare una campagna sia per informare uomini e giovani sul mestiere di maestro di scuola dell’infanzia o primaria, sia e per lottare contro gli s[...]
Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

L’opposizione al completo (16 consigliere e consiglieri provinciali) chiedono una nuova e più giusta legge elettorale. Anche il Gruppo Verde ha partecipato oggi alla conferenza stampa comune e ha sostenuto in aula la mozione-voto unitaria. “Vogliamo [...]
Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Il marchio Alto Adige – Südtirol dovrebbe essere garanzia di qualità, origine e autenticità. La carne di maiale da cui vengono confezionati i salumi però, proprio come lo speck, può arrivare anche da fuori regione. È dunque impossibile per la [...]
Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Il Parlamento italiano sta discutendo un disegno di legge per istituire lo ius soli temperato e lo ius culturae per l’attribuzione della cittadinanza italiana a bambine e bambini nati e/o cresciuti sul territorio italiano. La situazione attuale A[...]
Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Un primo commento sulla nuova legge urbanistica Politica degli annunci e strategia della zebra: questi i principali punti critici sottolineati dai Verdi alla presentazione della nuova legge urbanistica „territorio e paesaggio“. Il processo che ha [...]
Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Dal gruppo di rappresentanza del personale pedagogico delle scuole materne (KAS) riceviamo una lettera piena di dubbi e domande sulla questione vaccini. Noi Verdi condividiamo pienamente le loro perplessità. Le maestre si chiedono, in vista dell’att[...]
Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Da tempo le pazienti e i pazienti sudtirolesi soffrono delle lunghe liste d’attesa nella sanità. Oggi veniamo a sapere dal direttore generale Schael e dalla Giunta che l’emergenza verrà affrontata con l’aumento delle visite private e che al momento s[...]