Povere pensionate

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

ARCHIV - Senioren sitzen am 02.09.2009 in Leichlingen auf einer Parkbank und halten ihre Gehstöcke. Foto: Oliver Berg/dpa (zu dpa: "Allianz rechnet mit mehr Frauen über 100" vom 06.02.2013) +++(c) dpa - Bildfunk+++

Con la pubblicazione dello Studio AFI la notizia è finalmente di dominio pubblico: le donne sono le pensionate più povere. In vecchiaia devono riuscire a mantenersi con molti meno soldi rispetto agli uomini. (603 Euro lordi rispetto ai 1.118 Euro degli uomini)
Le donne lavorano tutta la loro vita, molte volte impegnate su più fronti: tra lavoro, famiglia, cura in tutto lavorano 4 ore alla settimana in più rispetto agli uomini (secondo lo studio ASTAT 2013). Il fatto che guadagnino di meno (103 Euro al giorno gli uomini, 73 Euro al giorno le donne secondo la relazione gender 2012 ) è solo uno dei motivi per cui le donne con la vecchiaia hanno condizioni economiche peggiori. A questo si aggiungono le interruzioni dei rapporti di lavoro, le pause per la cura dei figli, il precariato e i part-time.
Anche in Alto Adige-Südtirol si preferisce tacere sul problema, viene liquidato come un problema dielle donne e tenuto nella sfera familiare.
Come Gruppo Verde abbiamo preso coscienza del problema dopo l‘allarmante presentazione dei dati INPS e abbiamo presentato una mozione con alcune proposte per la limitazione del problema. Verrà discusso nel Consiglio provinciale a metà novembre.

Bolzano, 2.10.2015

Cons. Prov.
Brigitte Foppa
Riccardo dello Sbarba
Hans Heiss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Pedala anche tu! 2017

Pedala anche tu! 2017

Anche quest'anno partecipiamo al cicloconcorso Alto Adige. Pedala anche tu e registrati sul sito https:/www.altoadigepedala.bz.it/ e scegli Verdi Grüne Vërc come organizzazione!   [...]
Marco Pappalardo promuoverà anche l'immagine dell'Alto Adige, ma soprattutto quella della Giunta provinciale

Marco Pappalardo promuoverà anche l'immagine dell'Alto Adige, ma soprattutto quella della Giunta provinciale

La nomina di Marco Pappalardo, finora capo della società di marketing IDM, a capo dell'ufficio stampa della Provincia, lascia un retrogusto amaro. E' infatti davvero molto discutibile che a capo della comunicazione istituzionale della Provincia venga[...]
Richiedenti asilo - Buone pratiche e soluzioni a confronto

Richiedenti asilo - Buone pratiche e soluzioni a confronto

Una serata con l'assessora verde del Tirolo Landesrätin Christine Baur, a colloquio con Chiara Rabini incaricata sui temi della migrazione del Comune di Bolzano Karl Tragust Sprecher social&green und ehem. Flüchtlingsbeauftragter des La[...]
Sepp Kusstatscher alles Gute zum 70.ten! Auguri, Sepp!

Sepp Kusstatscher alles Gute zum 70.ten! Auguri, Sepp!

Am 17. März 2017 wird er 70: Der ehemalige Landtagsabgeordnete der Grünen (nach respektabler SVP-Arbeitnehmer-Vergangenheit), Co-Vorsitzende und EU-Parlamentarier Sepp Kusstatscher. Wir gratulieren! Wer ihn kennt, weiß um Sepp Kusstatschers Stärken:[...]
Impegno per i diritti delle donne - attuale come sempre

Impegno per i diritti delle donne - attuale come sempre

Grazie alle nostre predecessore, a tutte le donne che hanno lottato per i loro diritti, a tutte le femministe, pacifiste, artiste e scienziate, nonne, madri, amiche che ci hanno dato il coraggio di vivere e essere protagoniste della nostra vita. Graz[...]
Per un'autonomia più moderna ed europea

Per un'autonomia più moderna ed europea

Le proposte dei Verdi per la riforma dello Statuto La “Convenzione per l'autonomia” discuterà oggi, venerdì 24 febbraio, sul tema della “Tutela delle minoranze”. Il rappresentante dei Verdi, Riccardo Dello Sbarba, ha depositato una serie di propost[...]
Appello per il coraggio civile

Appello per il coraggio civile

Diciamo basta alla “valanga di fango”. Serve un sussulto collettivo per il coraggio civile. Anche in Sudtirolo è arrivato il metodo della “valanga di fango”, del mobbing e dell’umiliazione contro chi la pensa diversamente. I media elettronici molt[...]